Skip to content

I prezzi di trasferimento: uno strumento dell'evasione fiscale

Informazioni tesi

  Autore: Maria De Francesco
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e amministrazione delle imprese
  Relatore: Ernesto Longobardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

Il problema della valorizzazione degli scambi posti in essere dalle imprese multinazionali ha assunto, nel corso degli anni, aspetti via via più rilevanti, sia per effetto dell'integrazione dei mercati a livello mondiale, sia per la maggior diffusione di pratiche di collaborazione industriale (ad esempio le joint ventures).
Ciò ha comportato: da un lato, la necessità per le imprese di darsi strutture adeguate a competere su più mercati al di là di quello nazionale e, dall'altro, il pericolo per le Amministrazioni fiscali di vedersi sottrarre materia imponibile in virtù della manipolazione dei valori applicati agli scambi che avvengono tra le diverse entità dislocate in Paesi differenti.
Particolare attenzione viene dunque posta dalle legislazioni di quasi tutti i Paesi alla determinazione dei valori che devono essere attribuiti agli scambi che avvengono tra imprese collegate.
È facile intuire che il problema riguarda le legislazioni fiscali di tutti i Paesi coinvolti negli scambi, le quali, nei loro interventi di rettifica dei valori applicati dalle imprese, devono necessariamente coordinarsi al fine di evitare fenomeni di doppia imposizione, che creano distorsioni nelle scelte di allocazione delle risorse.
Dal punto di vista delle imprese multinazionali, il problema del calcolo dei prezzi di trasferimento è in parte analogo a quello che ordinariamente viene affrontato per la valorizzazione delle transazioni che avvengono tra due divisioni della medesima impresa nel mercato nazionale.
Tuttavia, la scelta del metodo da applicare consente di ottenere effetti maggiori rispetto ad imprese che operano nel medesimo Stato.
Alla base di una specifica politica dei prezzi di trasferimento possono esserci diversi motivi: uno di questi, ad esempio, è la diminuzione del grado di concorrenza in un mercato, attraverso l'artificioso ribasso dei costi della consociata; altro obiettivo perseguibile riguarda le distribuzione delle liquidità all'interno del gruppo in quanto applicare prezzi di trasferimento più o meno alti ad una consociata, significa immettere o drenare liquidità a carico o a vantaggio delle altre imprese .
La manovra dei prezzi porta, di conseguenza, ripercussioni nella determinazione degli utili delle singole imprese associate e, se è pur vero che esistono diverse ragioni per manovre intersocietarie, è anche indiscutibile che tali manovre, pur se non preordinate ai fini fiscali, comportano sostanziali alterazioni nel livello di tassazione dei singoli Stati. Su questo terreno si scontrano gli opposti interessi delle multinazionali e dell'Amministrazione fiscale degli Stati in cui le imprese operano. L'accusa che più spesso ricorre è proprio che attraverso la determinazione (e manipolazione) dei prezzi di trasferimento le imprese sfuggono (o possono sfuggire) alla tassazione.
Scopo principale delle disposizioni sul transfer pricing è, pertanto, quello di evitare che le multinazionali pervengano, attraverso una sovrastima o una sottostima dei prezzi, a trasferire porzioni di reddito imponibile in Stati a più bassa fiscalità o in giurisdizioni dove l'impresa multinazionale può avere uno specifico interesse.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 PARTE PRIMA I. CHE COS’E’ IL TRANSFER PRICING Con l'espressione transfer pricing (parola inglese che indica il prezzo di trasferimento) si identifica quella pratica per cui, attraverso cessioni di beni e/o prestazioni di servizi tra imprese associate ed appartenenti in genere ad uno stesso gruppo, operate sulla base di corrispettivi superiori o inferiori a quelli di mercato, si realizza di fatto un trasferimento di redditi da una società del gruppo ad un'altra. Le motivazioni che possono indurre le imprese a deviare dalle ordinarie pratiche commerciali nella determinazione del prezzo di scambio con le consociate sono le più varie. È possibile, ad esempio, che attraverso un condizionamento di prezzi l'impresa miri a: - eludere disposizioni valutarie o eventuali oneri anti dumping; - incidere sulle richieste di aumenti salariali mostrando profitti meno elevati;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

evasione fiscale
evasione tasse
prezzi di trasferimento
scienza delle finanze
transfer price
transfer pricing

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi