Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I prezzi di trasferimento: uno strumento dell'evasione fiscale

Il problema della valorizzazione degli scambi posti in essere dalle imprese multinazionali ha assunto, nel corso degli anni, aspetti via via più rilevanti, sia per effetto dell'integrazione dei mercati a livello mondiale, sia per la maggior diffusione di pratiche di collaborazione industriale (ad esempio le joint ventures).
Ciò ha comportato: da un lato, la necessità per le imprese di darsi strutture adeguate a competere su più mercati al di là di quello nazionale e, dall'altro, il pericolo per le Amministrazioni fiscali di vedersi sottrarre materia imponibile in virtù della manipolazione dei valori applicati agli scambi che avvengono tra le diverse entità dislocate in Paesi differenti.
Particolare attenzione viene dunque posta dalle legislazioni di quasi tutti i Paesi alla determinazione dei valori che devono essere attribuiti agli scambi che avvengono tra imprese collegate.
È facile intuire che il problema riguarda le legislazioni fiscali di tutti i Paesi coinvolti negli scambi, le quali, nei loro interventi di rettifica dei valori applicati dalle imprese, devono necessariamente coordinarsi al fine di evitare fenomeni di doppia imposizione, che creano distorsioni nelle scelte di allocazione delle risorse.
Dal punto di vista delle imprese multinazionali, il problema del calcolo dei prezzi di trasferimento è in parte analogo a quello che ordinariamente viene affrontato per la valorizzazione delle transazioni che avvengono tra due divisioni della medesima impresa nel mercato nazionale.
Tuttavia, la scelta del metodo da applicare consente di ottenere effetti maggiori rispetto ad imprese che operano nel medesimo Stato.
Alla base di una specifica politica dei prezzi di trasferimento possono esserci diversi motivi: uno di questi, ad esempio, è la diminuzione del grado di concorrenza in un mercato, attraverso l'artificioso ribasso dei costi della consociata; altro obiettivo perseguibile riguarda le distribuzione delle liquidità all'interno del gruppo in quanto applicare prezzi di trasferimento più o meno alti ad una consociata, significa immettere o drenare liquidità a carico o a vantaggio delle altre imprese .
La manovra dei prezzi porta, di conseguenza, ripercussioni nella determinazione degli utili delle singole imprese associate e, se è pur vero che esistono diverse ragioni per manovre intersocietarie, è anche indiscutibile che tali manovre, pur se non preordinate ai fini fiscali, comportano sostanziali alterazioni nel livello di tassazione dei singoli Stati. Su questo terreno si scontrano gli opposti interessi delle multinazionali e dell'Amministrazione fiscale degli Stati in cui le imprese operano. L'accusa che più spesso ricorre è proprio che attraverso la determinazione (e manipolazione) dei prezzi di trasferimento le imprese sfuggono (o possono sfuggire) alla tassazione.
Scopo principale delle disposizioni sul transfer pricing è, pertanto, quello di evitare che le multinazionali pervengano, attraverso una sovrastima o una sottostima dei prezzi, a trasferire porzioni di reddito imponibile in Stati a più bassa fiscalità o in giurisdizioni dove l'impresa multinazionale può avere uno specifico interesse.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PARTE PRIMA I. CHE COS’E’ IL TRANSFER PRICING Con l'espressione transfer pricing (parola inglese che indica il prezzo di trasferimento) si identifica quella pratica per cui, attraverso cessioni di beni e/o prestazioni di servizi tra imprese associate ed appartenenti in genere ad uno stesso gruppo, operate sulla base di corrispettivi superiori o inferiori a quelli di mercato, si realizza di fatto un trasferimento di redditi da una società del gruppo ad un'altra. Le motivazioni che possono indurre le imprese a deviare dalle ordinarie pratiche commerciali nella determinazione del prezzo di scambio con le consociate sono le più varie. È possibile, ad esempio, che attraverso un condizionamento di prezzi l'impresa miri a: - eludere disposizioni valutarie o eventuali oneri anti dumping; - incidere sulle richieste di aumenti salariali mostrando profitti meno elevati;

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maria De Francesco Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13523 click dal 26/10/2005.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.