Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ernesto N. Rogers e l'evoluzione del Movimento dell'Architettura Moderna

Di Ernesto Nathan Rogers si è parlato molto, sia direttamente, in commemorazioni, convegni, tavole rotonde e seminari espressamente dedicati a lui, sia indirettamente, nell’affrontare questioni concernenti le vicende, italiane e internazionali, dell’Architettura del Movimento Moderno. Si tratta infatti di un architetto dalla notevole vivacità intellettuale e dai vasti interessi culturali, cui fa riscontro una intensa e molteplice attività che spazia dalla progettazione architettonica con il Gruppo BBPR alla riflessione storico-critica sull’architettura moderna, elaboratasi e manifestatasi con la partecipazione ai CIAM (Congressi Internazionali di Architettura Moderna), la collaborazione a numerose riviste e, in particolare, la direzione delle celebri testate Domus e Casabella, la pubblicazione di alcuni libri e lo svolgimento dei molti incarichi come docente, conferenziere e consulente a livello internazionale.
Nononstante questo, forse perchè Rogers è una figura piuttosto recente dell’architettura moderna, essendo professionalmente operativo tra la fine degli anni Venti e quella degli anni Sessanta, forse a causa della frammentarietà espositiva del suo pensiero, espressosi per lo più in scritti 'd’occasione', una bibliografia critica che lo riguardi è di ardua compilazione, annoverando per lo più testimonianze di colleghi, amici e allievi.
In questo contesto, la presente tesi vorrebbe essere una ricostruzione critica della concezione rogersiana del Movimento Moderno e dell’architettura in genere, tenendo conto dell’approccio spiccatamente progettuale che la caratterizza. Rogers elabora infatti le proprie riflessioni teorico-critiche, venate di questioni estetico-filosofiche, in rapporto al momento progettuale e in funzione di un 'fare architettonico' solidamente consapevole, tecnicamente e culturalmente. Il filone teoretico di riferimento è la fenomenologia di E. Husserl mediata dal pensiero di A. Banfi - tra i primi a introdurla in Italia - e dalla elaborazione filosofica di E. Paci. Da notare anche gli agganci con il pragmatismo americano, in particolare di J. Dewey.
Per approntare il nostro studio, si è provveduto dapprincipio al non facile reperimento degli scritti, numerosi e sparsi, del nostro autore - inclusi molti inediti - poi ad un loro accurato esame condotto, inizialmente, seguendo un ordine cronologico, successivamente secondo un criterio tematico. Si è così potuto constatare che il pensiero rogersiano, sebbene espresso frammentariamente in una moltitudine di articoli e di testi, non è affatto frammentario di per sé ma, all’opposto, profondamente unitario, omogeneo e coerente. Più precisamente, risulta caratterizzato da alcuni temi e concetti fondamentali che lo percorrono dall’inizio alla fine e che vanno progressivamente elaborandosi ed ispessendosi teoricamente in modo da acquisire colleganze sempre più strette e giungendo a formare, negli scritti della maturità, una visione unitaria e organica. La delineazione di questo percorso costituisce il centro di interesse del presente studio che si articola in due parti: la prima, concernente le tematiche degli scritti rogersiani del periodo prebellico e dell’immediato dopoguerra; la seconda, riguardante la riflessione teorico-critica matura (anni Cinquanta e Sessanta).
Per una maggiore consapevolezza e correttezza nella valutazione del pensiero rogersiano, anche in considerazione dell’approccio, per così dire, empirico che lo contraddistingue, si è ritenuto opportuno iniziare la prima parte con la ricostruzione della vita di Rogers in relazione al suo contesto storico e culturale. Per questo fine ci si è soprattutto serviti di testimonianze scritte e orali - queste ultime gentilmente rilasciate alla sottoscritta sotto forma di interviste da persone che lo hanno conosciuto o che hanno collaborato con lui - poi ricomposte, come le tessere di un mosaico, in un quadro d’insieme, storicamente fondato.
Infine, poiché le posizioni teorico-critiche proprie della riflessione rogersiana sull’architettura scaturiscono e si sviluppano attraverso un costante e serrato confronto con l’insegnamento dei maestri del Movimento Moderno, di cui Rogers si ritiene un continuatore, si è considerato indispensabile, per una maggiore chiarezza e completezza di contenuto, aprire la presente trattazione con una breve introduzione storica sulle origini e i caratteri principali del Movimento dell’Architettura Moderna.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA Di Ernesto Nathan Rogers si è parlato molto, sia direttamente, in comme- morazioni, convegni, tavole rotonde e seminari espressamente dedicati a lui, sia indirettamente, nell’affrontare questioni concernenti le vicende, italiane e stranie- re, dell’Architettura del Movimento Moderno. Si tratta infatti di un architetto dal- la notevole vivacità intellettuale e dai vasti interessi culturali, cui fa riscontro una intensa e molteplice attività che spazia dalla progettazione architettonica con il Gruppo BBPR alla riflessione storico-critica sull’architettura moderna elaboratasi e manifestatasi con la partecipazione ai CIAM (Congressi Internazionali di Architet- tura Moderna), la collaborazione a diverse riviste, soprattutto d’arte e d’architettura e, in particolare, con la direzione delle celebri testate Domus e Casa- bella, la pubblicazione di alcuni libri e lo svolgimento dei molti incarichi come do- cente, conferenziere e consulente, affidatigli a livello internazionale. Nonostante questo, forse perchè Rogers è una figura piuttosto recente dell’architettura moderna, essendo professionalmente operativo tra la fine degli anni Venti e quella degli anni Sessanta, forse a causa della frammentarietà esposi- tiva del suo pensiero teorico-critico, espressosi per lo più in scritti “d’occasione”(quasi tutti articoli o raccolte di articoli), ci risulta che non siano sta- te fino ad ora pubblicate opere monografiche sul suo conto, né testi di analisi criti- ca sistematica del suo pensiero. Pertanto una vera e propria bibliografia critica che lo riguardi non è, di fatto, compilabile, limitandosi ad annoverare una serie di ar- ticoli in prevalenza stilati da colleghi, amici e allievi, che costituiscono, ad esclu- sione di qualche caso isolato, più delle testimonianze che non degli effettivi con- tributi critici. In questo contesto, la presente tesi vorrebbe essere una ricostruzione critica della concezione rogersiana del Movimento Moderno e dell’architettura in genere, tenendo conto dell’approccio spiccatamente progettuale che la informa e caratte-

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Caterina Majocchi Contatta »

Composta da 326 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6106 click dal 05/10/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.