Skip to content

Ernesto N. Rogers e l'evoluzione del Movimento dell'Architettura Moderna

Informazioni tesi

  Autore: Caterina Majocchi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1995-96
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Elio Franzini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 326

Di Ernesto Nathan Rogers si è parlato molto, sia direttamente, in commemorazioni, convegni, tavole rotonde e seminari espressamente dedicati a lui, sia indirettamente, nell’affrontare questioni concernenti le vicende, italiane e internazionali, dell’Architettura del Movimento Moderno. Si tratta infatti di un architetto dalla notevole vivacità intellettuale e dai vasti interessi culturali, cui fa riscontro una intensa e molteplice attività che spazia dalla progettazione architettonica con il Gruppo BBPR alla riflessione storico-critica sull’architettura moderna, elaboratasi e manifestatasi con la partecipazione ai CIAM (Congressi Internazionali di Architettura Moderna), la collaborazione a numerose riviste e, in particolare, la direzione delle celebri testate Domus e Casabella, la pubblicazione di alcuni libri e lo svolgimento dei molti incarichi come docente, conferenziere e consulente a livello internazionale.
Nononstante questo, forse perchè Rogers è una figura piuttosto recente dell’architettura moderna, essendo professionalmente operativo tra la fine degli anni Venti e quella degli anni Sessanta, forse a causa della frammentarietà espositiva del suo pensiero, espressosi per lo più in scritti 'd’occasione', una bibliografia critica che lo riguardi è di ardua compilazione, annoverando per lo più testimonianze di colleghi, amici e allievi.
In questo contesto, la presente tesi vorrebbe essere una ricostruzione critica della concezione rogersiana del Movimento Moderno e dell’architettura in genere, tenendo conto dell’approccio spiccatamente progettuale che la caratterizza. Rogers elabora infatti le proprie riflessioni teorico-critiche, venate di questioni estetico-filosofiche, in rapporto al momento progettuale e in funzione di un 'fare architettonico' solidamente consapevole, tecnicamente e culturalmente. Il filone teoretico di riferimento è la fenomenologia di E. Husserl mediata dal pensiero di A. Banfi - tra i primi a introdurla in Italia - e dalla elaborazione filosofica di E. Paci. Da notare anche gli agganci con il pragmatismo americano, in particolare di J. Dewey.
Per approntare il nostro studio, si è provveduto dapprincipio al non facile reperimento degli scritti, numerosi e sparsi, del nostro autore - inclusi molti inediti - poi ad un loro accurato esame condotto, inizialmente, seguendo un ordine cronologico, successivamente secondo un criterio tematico. Si è così potuto constatare che il pensiero rogersiano, sebbene espresso frammentariamente in una moltitudine di articoli e di testi, non è affatto frammentario di per sé ma, all’opposto, profondamente unitario, omogeneo e coerente. Più precisamente, risulta caratterizzato da alcuni temi e concetti fondamentali che lo percorrono dall’inizio alla fine e che vanno progressivamente elaborandosi ed ispessendosi teoricamente in modo da acquisire colleganze sempre più strette e giungendo a formare, negli scritti della maturità, una visione unitaria e organica. La delineazione di questo percorso costituisce il centro di interesse del presente studio che si articola in due parti: la prima, concernente le tematiche degli scritti rogersiani del periodo prebellico e dell’immediato dopoguerra; la seconda, riguardante la riflessione teorico-critica matura (anni Cinquanta e Sessanta).
Per una maggiore consapevolezza e correttezza nella valutazione del pensiero rogersiano, anche in considerazione dell’approccio, per così dire, empirico che lo contraddistingue, si è ritenuto opportuno iniziare la prima parte con la ricostruzione della vita di Rogers in relazione al suo contesto storico e culturale. Per questo fine ci si è soprattutto serviti di testimonianze scritte e orali - queste ultime gentilmente rilasciate alla sottoscritta sotto forma di interviste da persone che lo hanno conosciuto o che hanno collaborato con lui - poi ricomposte, come le tessere di un mosaico, in un quadro d’insieme, storicamente fondato.
Infine, poiché le posizioni teorico-critiche proprie della riflessione rogersiana sull’architettura scaturiscono e si sviluppano attraverso un costante e serrato confronto con l’insegnamento dei maestri del Movimento Moderno, di cui Rogers si ritiene un continuatore, si è considerato indispensabile, per una maggiore chiarezza e completezza di contenuto, aprire la presente trattazione con una breve introduzione storica sulle origini e i caratteri principali del Movimento dell’Architettura Moderna.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA Di Ernesto Nathan Rogers si è parlato molto, sia direttamente, in comme- morazioni, convegni, tavole rotonde e seminari espressamente dedicati a lui, sia indirettamente, nell’affrontare questioni concernenti le vicende, italiane e stranie- re, dell’Architettura del Movimento Moderno. Si tratta infatti di un architetto dal- la notevole vivacità intellettuale e dai vasti interessi culturali, cui fa riscontro una intensa e molteplice attività che spazia dalla progettazione architettonica con il Gruppo BBPR alla riflessione storico-critica sull’architettura moderna elaboratasi e manifestatasi con la partecipazione ai CIAM (Congressi Internazionali di Architet- tura Moderna), la collaborazione a diverse riviste, soprattutto d’arte e d’architettura e, in particolare, con la direzione delle celebri testate Domus e Casa- bella, la pubblicazione di alcuni libri e lo svolgimento dei molti incarichi come do- cente, conferenziere e consulente, affidatigli a livello internazionale. Nonostante questo, forse perchè Rogers è una figura piuttosto recente dell’architettura moderna, essendo professionalmente operativo tra la fine degli anni Venti e quella degli anni Sessanta, forse a causa della frammentarietà esposi- tiva del suo pensiero teorico-critico, espressosi per lo più in scritti “d’occasione”(quasi tutti articoli o raccolte di articoli), ci risulta che non siano sta- te fino ad ora pubblicate opere monografiche sul suo conto, né testi di analisi criti- ca sistematica del suo pensiero. Pertanto una vera e propria bibliografia critica che lo riguardi non è, di fatto, compilabile, limitandosi ad annoverare una serie di ar- ticoli in prevalenza stilati da colleghi, amici e allievi, che costituiscono, ad esclu- sione di qualche caso isolato, più delle testimonianze che non degli effettivi con- tributi critici. In questo contesto, la presente tesi vorrebbe essere una ricostruzione critica della concezione rogersiana del Movimento Moderno e dell’architettura in genere, tenendo conto dell’approccio spiccatamente progettuale che la informa e caratte-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi