Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La questione droga: le tesi Onu per il '98 e le alternative

La tesi è un overview sul mondo degli stupefacenti, illegali e non, con particolare enfasi su quelle che sono le politiche di riferimento nel contrastare il fenomeno.
In tal senso sono state analizzate le politiche olandesi e svizzere in materia e le si sono confrontate con gli ultimi dettami della Sessione Speciale delle Nazioni Unite, tenutasi nel Giugno del 1998.
Il secondo capitolo è inoltre composto da una analisi personale sulle curve di domanda ed offerta dei vari tipi di stupefacenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il consumo di stupefacenti rappresenta uno dei problemi più gravi ed immediati della nostra società; per stupefacente s’intende qualsiasi sostanza che abbia un’azione farmacologica psicoattiva, ovvero che provoca alterazioni dell’umore e dell’attività mentale ( G. Arnao, 1990, pag.5 ) Le droghe, sotto un profilo meramente giuridico, si distinguono in legali ed illegali: fanno parte del primo gruppo l’alcol, il tabacco e il caffé, mentre al secondo gruppo appartengono alcune sostanze note come eroina, cocaina, amfetamine ecc. Peculiarità di questo fenomeno sociale è data dal fatto che un’esigua minoranza di consumatori, con particolare riferimento agli eroinomani, creano un forte disturbo alla collettività a causa soprattutto dei reati contro la proprietà di cui si macchiano per procurarsi le risorse necessarie a soddisfare la dipendenza generata dalla sostanza utilizzata. La dipendenza è una condizione psichica e a volte anche fisica caratterizzata da risposte comportamentali e di altro genere che includono sempre una compulsione all’uso continuato o periodico della droga per sperimentare dei suoi effetti psichici e talvolta per evitare i disturbi della sua mancanza ( Bollettino dell’O.M.S., 1965, 32, pp.721-723 ); è infatti questo l’elemento principale di disturbo in quanto rende l’assuntore incapace di scegliere quando smettere di utilizzare la sostanza, con la conseguenza appunto di fare di tutto pur di assumere la droga che possa quietare il forte desiderio. L’interesse per il mondo degli stupefacenti è la conseguenza

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: David Zucchi Contatta »

Composta da 398 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3772 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.