Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rappresentazione e concezione della violenza nei gangster movie di Abel Ferrara

Aedi dei bassifondi (del disagio criminale urbano), Ferrara e St. John si perdono assieme a Scorsese e Schrader nel cuore malato, nell’anima nera, di New York City … nel ‘marcio’ della Grande Mela.
Tant’è che nel 1991, commentando gli sviluppi/le tendenze del gang movie metropolitano, Alessandro Camion riconosce Martin Scorsese quale ‘padre putativo’ non solo d’Abel Ferrara ma pure di John Woo . Se puntualizza che, pur annaspando tutt’e tre in certo nichilismo di matrice hemingway-peckinpahiana, per il ‘maestro’ le ossessioni della colpa, del riscatto, della carne e del sangue, sono ‘il letto’ del fiume che ‘(s)travolge’ e per gli allievi sono ‘la sorgente’ (“Per Ferrara e Woo diventano una scelta, un credo, un presupposto che bisogna aver assimilato soltanto per iniziare a comprendere i loro film” ) … Woo subito svelerà di non cercare appresso i gangster la filosofia e/o la religione … distanziando il gruppo Ferrara-Scorsese-Peckinpah (inseguito però da Kitano) ed agganciando Tarantino … dirottando la violenza verso una rappresentazione semplicemente spettacolare (non più ‘etica’, ‘critica’, ‘emblematica’ - d’una condizione esistenziale -). Dice Scorsese: “In Tarantino l’eroe è ironico, non esistenziale. Gli capita d’uccidere: ‘Bene. E allora?’” . Dice Kitano: “La differenza tra i miei film e gli altri film di yakuza è il peso d’ogni proiettile di pistola; la violenza nei miei film è una violenza che fa molto male. In un film questo dolore permette di neutralizzare la violenza. Voi invece non fate che film privi di dolore” .

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. Mondo poetico. Cinema [politico] - filosofico - religioso Oltre la voga dell’occhio invisibile e il vezzo della riflessione metacinematografica, Abel Ferrara s’adopera senza sosta per uno sguardo che dilaghi e deflagri, frantumando la finzione, non la mort au travail 1 ma la vie a l’attaque; (s)doppia il cinema nella teoresi dell’affermazione e nella prassi della negazione; incardina il suo mentre scardina l’altro, allungando sugli spettatori cieli oscuri e odi cupi aggrumati da dubbi filosofici e interrogativi religiosi [“tra le poltroncine dove si mangia il popcorn e ci si aspetta la morte del gangster (N.d.A.: o del vampiro) e non del Cristo” 2 ]... cinema dalla tendenza estremistica, della posizione solipsistica (il richiamo è universale, il messaggio è particolare; i film di Ferrara s’appellano a tutti indistintamente ma parlano a ciascuno diversamente) e dell’atteggiamento idealistico. Ferrara cerca uno spettatore specifico, un occhio preciso, un particolare modus videndi che allontani l’ora del decesso e abbandoni l’attore vivente/morente alla passione sfrenata della cinepresa, al desiderio ardente e sensuale di sconfinare, (de)fluire, (di)vagare, svenire ... Blackout significa pure “deliquio”; sempre Blackout inceppa il meccanismo e lo riavvia nella sola direzione auspicabile/possibile: il porno-snuff movie, nel senso lato d’un cinema “senza protezione/copertura” (“Ogni film è potenzialmente uno snuff, nel senso che il pericolo è sempre presente sul set, durante le riprese. [...] Girando film metto la mia stessa vita in pericolo, ma credo che questo faccia parte del gioco. Se faccio un lavoro, vado fino in fondo ... è un impegno personale: sono un cineasta, cosa dovrei fare altrimenti? Limitarmi a costruire delle inquadrature 1 Vedi: Jean Cocteau, Dialoghi sul cinematografo, Milano, Ubulibri, 1987. 2 Silvio Danese, Abel Ferrara. L’anarchico e il cattolico, Recco, Le Mani, 1998, pag. 12.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valeria Ariemma Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2403 click dal 11/10/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.