Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Unione monetaria europea è un'area valutaria ottimale?

La tesi tratta lo sviluppo della teoria delle aree valutarie ottimali dal 1961 ai giorni nostri che hanno fornito i criteri indispensabili per valutare l'ottimalità di un'area valutaria. In particolare abbiamo trovato che i parametri che sono stati analizzati dai vari economisti sono: l'integrazione economica e commerciale tra i paesi aderenti ad un'area monetaria; la frequenza di shock economici asimmetrici; la flessibilità del mercato del lavoro; l'integrazione del mercato finanziario e un sistema di federalismo fiscale comune. Grazie a questi criteri è stato possibile analizzare empiricamente la situazione dell'Unione monetaria europea nata nel 1999 e il possibile suo allargamento ai paesi dell'est europeo e alla Gran Bretagna, Danimarca e Svezia. La conclusione è che l'area euro attuale a 12 paesi non è ancora ottimale e il futuro allargamento almeno nel medio termine causarà un ulteriore peggioramento a causa delle maggiori diversità economiche e strutturali che persistono e che necessiteranno del tempo per poterle eliminare.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 SINTESI Nascita della teoria delle aree valutarie ottimali Il 1 gennaio 1999 nasce l Unione monetaria europea (EMU) formata da 11 paesi1 a cui dal 2001 si Ł aggiunta la Grecia. L area valutaria creata prevede oltre all adozione di un unica moneta, l euro, (che la re nde un unione monetaria), l adozione di un sistema di cambi fissi e la rinuncia all autonomia della politica monetaria lasciandone il controllo e la gestione al sistema europeo delle banche centrali (SEBC). Questo lavoro ha l obiettivo di stabilire se l UME Ł un sistema ottimale partendo dall analisi generale relativa alle teorie che si sono succedute nel corso degli ultimi quaranta anni e che hanno cercato di stabilire i criteri necessari per poter costituire un area valutaria senza provocare costi aggiuntivi ai paesi che n avrebbero fatto parte. Le teorie che si sono sviluppate prendono il nome di teorie delle aree valutarie ottimali (teorie AVO) e sono nate in seg uito all acceso dibattito sulla validit dei sistemi di cambi fissi e flessibili, p er risolvere il problema d equilibrio della bilancia dei pagamenti; da quel momento si Ł introdotto il concetto d integrazione economica quale soluzione ideale per i paesi europei. Gi dagli anni sessanta molti economisti si occupar ono di analizzare le caratteristiche delle aree valutarie cercando di individuare a quali condizioni un paese avrebbe avuto convenienza ad adottare una moneta unica tenendo conto che per fronteggiare eventuali crisi economiche e per stimolare sia la domanda aggregata che la produzione non sar piø possibile utilizzare i movimenti del tasso di cambio. Gli sviluppi delle teorie hanno permesso di effettuare una loro suddivisione in tre approcci. Il primo approccio chiamato tradi zionale (presentato nel primo capitolo) Ł nato con Mundell (1961), considerato il padre fondatore della teoria AVO ed Ł proseguito con McKinnon (1963) e Kenen (1969). In particolare 1 Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Luigi Tadini Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7429 click dal 13/10/2005.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.