Skip to content

La popolazione di Canis lupus nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna:

Informazioni tesi

  Autore: Carlotta Cicotti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Naturali
  Relatore: Paolo Boldreghini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

La gestione faunistica nelle aree protette parte necessariamente dalla conoscenza delle specie ivi presenti, quindi della loro densità, della struttura delle loro popolazioni, fino all'uso che queste fanno del territorio. E questo è più che mai necessario con specie "problematiche" come sono i grandi carnivori, per come vengono percepiti dalla popolazione, residente e non, e per l'impatto che hanno sulle popolazioni di prede presenti. Questa tesi riguarda la popolazione di Canis lupus nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, M.Falterona e Campigna, ed è un primo tentativo di riassumere i dati raccolti sul campo, a partire dal 2000, e i primi risultati forniti dalle analisi genetiche condotte a cura dell'I.N.F.S., integrandoli in un'analisi basata sull’individuazione di centri di concentrazione di segni di presenza, da noi assunti come "fix". I fix sono localizzazioni, tramite coordinate Est/Nord, di un determinato animale; questi vengono quindi elaborati statisticamente, tramite il metodo di Kernel, con software specifico, Range V. Infine,i dati sono stati riportati su cartografia digitale tramite softwares GIS (ArcGis 9.0 e MapInfo 7.0). Si è così ottenuto una rappresentazione grafica dell’home range grazie alla conversione di una distribuzione discontinua di punti (le localizzazioni dei segni di presenza) in una distribuzione continua, costituita da curve dette isoplete a probabilità costante. La nostra è pertanto interpretabile come una stima sull’Area Minima occupata dai singoli branchi, intendendo, con questo termine, le aree in cui gli animali si trattengono per la maggior parte del tempo, e in cui sono pertanto rilevabili, con abbondanze e frequenze maggiori, i segni della loro permanenza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’area dove si è svolto il presente studio è il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, M. Falterona e Campigna, divenuto tale nel 1994 dopo essere stato approvato nel 1993 (sulla base della L.N. 394/91). La Toscana, con le province di Arezzo e Firenze, e l’Emilia-Romagna, con la provincia di Forlì-Cesena, sono le regioni comprendenti il territorio del Parco Nazionale, esteso per 36.426 ettari dei quali l’80% è ricoperto da boschi. Questo importante risultato è dovuto alla gestione presente, portata avanti dal Corpo Forestale dello Stato con la collaborazione delle comunità locali, ma ha radici che affondano nel passato, infatti sono da ricordare l’opera di protezione secolare da parte dei monaci Camaldolesi ed i vasti rimboschimenti ottocenteschi, a testimonianza sia dell’amore per il territorio che di una lungimirante gestione. La protezione delle Foreste Casentinesi e dell’aspro versante adriatico è, quindi, antecedente all’istituzione del Parco e ciò ha consentito il mantenimento dell’elevato livello di biodiversità che caratterizza questa zona: sono, infatti, presenti centinaia di specie, tra piante ed animali, con rarità ed associazioni particolari. Da sottolineare la scarsa antropizzazione del Parco (3.000 residenti pari a una densità di 8 persone su 100 ha), e l’assenza di grosse arterie di comunicazione. Ci troviamo quindi di fronte ad un insieme di caratteristiche che fanno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, un luogo ideale per gli studi di tipo naturalistico. Il territorio vanta, tra le altre, la contemporanea presenza di cinque specie di Ungulati selvatici che vivono in condizioni di simpatria all’interno del suo territorio: il Capriolo (Capreolus capreolus), il Cervo (Cervus elaphus), il Daino (Dama dama), il Cinghiale (Sus scrofa) ed il Muflone (Ovis [orientalis] musimon). Sia per il Cervo che per il Capriolo, entrambi autoctoni in questo tratto di Appennino, abbiamo testimonianza di reintroduzioni passate; la presenza di Daino, Cinghiale e Muflone è frutto di introduzioni. L’interesse scientifico è ancor più accentuato se consideriamo la presenza nel Parco del maggior predatore di Ungulati selvatici del continente europeo: il Lupo (Canis lupus). Si può ben capire il valore ecologico dell’associazione preda/predatore che si ha l’opportunità di studiare, considerando pure la quasi totale assenza della pressione venatoria. La presente ricerca nel territorio del Parco si inserisce in un ampio progetto, partito nel 2001: “Monitoraggio genetico della popolazione di Lupo (Canis lupus)”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

canis lupus
fix
gestione faunistica
home range
parco nazionale delle foreste casentinesi, m.falte
range v

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi