Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Contesto politico e mercati finanziari: ''effetto elezioni'' negli Stati Uniti e in Italia

l'elaborato presenta un'analisi dell'effetto delle elezioni politiche negli Stati Uniti ed in Italia sui mercati finanziari,basandosi sulla teoria dell'efficienza debole dei mercati. L'analisi, per i mercati finanziari italiani, parte dal 1973. è stato effettuato un breve excursus dei principali eventi storico-economici degli ultimi decenni e si è voluto verificare quale impatto hanno avuto sui mercati finanziari.si è inoltre analizzato l'andamento dell'indice durante ogni anno elettorale per osservare se si sono verificate delle anomalie temporali in concomitanza con la data elettorale. è stato altresì analizzato wquale schieramento politico ha avuto i maggiori effetti positivi sui mercati fdinanziari. per il comparto azionario si è analizzato il Comit, l'indice più datato.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione. Il prezzo delle azioni, come sappiamo, è influenzato dalle informazioni macro, settoriali e aziendali che giungono sul mercato. La nota teoria del mercato efficiente afferma che il mercato è efficiente se il prezzo risponde con prontezza e in modo accurato alle informazioni 1 . Il Capital Asset Pricing Model (CAPM) presuppone l’efficienza del mercato, nel senso che, se si accetta tale modello, deve essere impossibile l’ottenimento di extraprofitti rispetto a quelli previsti dalla Security Market Line (SML) o, comunque, si deve trattare di eventi occasionali, non sistematici. Gli studiosi hanno effettuato delle verifiche relative alla validità del modello, classificate in tre categorie: ξ prevedibilità dei rendimenti (ipotesi di efficienza debole), che si basa essenzialmente sulla verifica della possibilità di prevedere i rendimenti futuri studiando i dati storici; ξ studio degli eventi (ipotesi di efficienza semi – forte), che si basa sul tempo di assorbimento delle informazioni da parte delle quotazioni azionarie; ξ informazioni “riservate” (ipotesi di efficienza forte), che si basa sulla possibilità di ottenere extra – profitti dalla disponibilità di informazioni “esclusive”. 1 Caparrelli F., Economia del mercato mobiliare, McGraw-Hill, Milano 2004, pag. 302 e segg.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Raffaella Doria Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 510 click dal 30/01/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.