Skip to content

Le emozioni nelle organizzazioni

Informazioni tesi

  Autore: Tony Urbani
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Tatiana Pipan
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 174

Le emozioni permeano completamente il contesto organizzativo, anche se possiamo più facilmente rinvenirle nel dibattito culturale e in quello della creazione di senso. Kunda ad esempio nel suo testo L’ingegneria della cultura, sostiene che l’idea di sviluppare culture forti rappresenta lo stadio più recente dell’evoluzione storica dell’ideologia manageriale verso il controllo normativo, il cui obiettivo è quello di legare i cuori e le menti dei dipendenti agli interessi dell’impresa. Una cultura è formata anche dalle emozioni. Come dice la Hochschild (nella tesi ho fatto una traduzione del suo articolo “Emotion Work, Feeling Rules and Social Structure, contenuto nell’American Journal of Sociology), su ciò che è giusto o meno sentire, all’interno di un determinato contesto, sia esso un credo religioso, una famiglia o una organizzazione di lavoro. Se le emozioni creano una cultura, o se è la cultura a creare le emozioni, sembra configurarsi con il dilemma se sia nato prima l’uovo o la gallina. E’ indubbio che esiste un circuito di produzione culturale emotiva a vari livelli. Nel dibattito riguardante la creazione di senso si è dato ampio spazio a Weick ed al concetto di sensemaking, soprattutto al sensemaking come processo continuo, poiché intimamente legato alle emozioni. Il sensemaking è sempre immerso in un flusso quantunque esso non ha né un inizio né una fine. Gli attori organizzatavi sono sempre immersi in un flusso che non si ferma mai, sono sempre in mezzo alle cose, che diventano cose solo quando gli attori esaminano il passato da un punto di vista al di là di esso.
Parlare di emozioni nelle organizzazioni è oggi più che un’esigenza un’evidenza. Il drago, come metaforicamente e simbolicamente chiama la Gherardi tutte le forze oscure che si celano dietro gli organigrammi e le organizzazioni, ruggiscono per salire alla ribalta. L’emozionalità deve essere inserita come principio organizzativo, riconoscendole il grande spazio che le spetta, senza cercare di manipolarla. L’emozionalità è dappertutto nella vita organizzativa, quindi non dovremmo chiederci dove è, bensì come e perché è stata nascosta e sistematicamente resa invisibile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo primo Dall’ingranaggio al cuore. In questo capitolo si avvia una lettura storica del pensiero organizzativo, incentrata a comprendere il percorso che ha portato ad inserire le emozioni, negli ambienti e negli studi organizzativi. Si tenta di spostare punti di vista e messe a fuoco nel pensiero organizzativo, volti a cogliere le emozioni i sentimenti e gli stati d’animo, nelle parole e nelle pratiche che li hanno compressi o celati. L’apparire del fattore umano come variabile complessa, è alla base del futuro inserimento delle emozioni nel mondo del lavoro, insieme al cruciale passaggio epocale, che va dal governo delle macchine e alla concezione razionale-strumentale dell’organizzazione, al governo delle risorse umane ed alla visione processuale e di creazione di senso. Lo studio delle organizzazioni e delle emozioni hanno in comune un aspetto caratterizzante, entrambe sono a noi molto familiari, facciamo di loro una grande esperienza nella nostra vita quotidiana, ma quando si tenta di darne delle definizioni più precise e puntuali, insorgono notevoli problemi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

emozioni nelle organizzazioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi