Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Federico García Lorca: musica, poesia e teatro.

En este trabajo principalmente se ha tratado de subrayar la importancia que ha tenido la música en la experiencia teatral de Federico García Lorca, como director de La Barraca y como dramaturgo.
La decisión de partir de la infancia se toma para demostrar que la musicalidad es más que un tema de su obra literaria, García Lorca antes que poeta y dramaturgo era músico. Durante la juventud, su afán hacia la música culta lo puso en contacto con valientes maestros con quienes estudió armonía y composición. Debussy, Glinka, Schumann y Falla fueron sus modelos de referencia. Fue al encontrar a Manuel de Falla cuando Lorca empieza a desarrollar y profundizar su interés por la música popular, por las canciones de cuna y por el flamenco. Conocía cada forma de folclore andaluz. Trabajó como filólogo tratando de descubrir los diferentes Cancioneros de España, de los que sacó muchas coplas que armonizó y luego fue insertando en las obras teatrales representadas por La Barraca, la compañía itinerante de estudiantes españoles, de la que él mismo fue director. Ha sido muy interesante verificar la manera que Lorca emplea para reemplazar canciones viejas por otras nuevas compuestas por él mismo y su especial atención en montar los bailes. La musicalidad se encarnaba en todos los momentos de la representación y era algo insustituible.
In Appendice 2 e 3 sono riportate alcune trascrizioni musicali delle canzoni utilizzate nella messinscena delle opere della Barraca, e alcune partiture delle canzoni dei drammi autografi.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA Alcuni mesi fa sfogliando le pagine di una recente edizione del Romancero Gitano, una raccolta di liriche di tema ed ispirazione gitano-andalusa, mi accorsi che la copia presentava una sezione dedicata ai romances del teatro di Lorca, riportati lì autonomamente, come delle vere e proprie poesie. Bastò una rapida lettura di alcuni romances per farmi capire l’importanza del ruolo della lirica nell’impianto drammaturgico lorchiano; e dunque, incuriosito da questo tema, decisi di farlo diventare l’oggetto di studio della mia tesi di laurea. Mi misi subito alla ricerca delle fonti letterarie e dopo un po’ feci un’altra interessante scoperta: oltre alla lirica, nel teatro di Lorca trovavano spazio, e in maniera notevole, la musica e le canzoni. E così, animato da una forte ed antica passione per la musica, decisi di avventurarmi in un mondo sonoro fatto di assonanze e dissonanze dove il potere evocativo del verso si lascia conturbare dalla ricchezza semantica del suono. Nel corso dell’esposizione ho cercato di rivelare, almeno in parte, quell’anima musicale che pervade l’intera attività artistico-letteraria del poeta granadino, occupandomi principalmente di mettere in luce la manifestazione di essa nella scrittura e nella messinscena teatrale. Prima di addentrarmi nel vivo dell’argomento ho parlato della formazione musicale del giovane artista, dei suoi studi sui compositori accademici europei, del suo incontro con Manuel de Falla con il quale lavorò per il riscatto e la rivalutazione del folclore andaluso, della riscoperta dei Cancioneros, accennando anche alla nascita e all’evoluzione del flamenco in Andalusia la cui musicalità trova ampia risonanza sia nelle liriche di ispirazione gitana sia nelle varie messinscene teatrali lorchiane. Ho rilevato, inoltre, sulla base di alcuni brevi esempi, come la vocazione drammatica e musicale del nostro autore fosse già manifesta nei poemi del ‘cante jondo’ e sottolineato che il valore dei suoi drammi dipende dalla quantità di poesia e musica che sia riuscita a penetrare nel testo. È il caso di dire che la poesia ha aiutato il teatro di Lorca a crescere, ma anche il teatro ha spettacolarizzato la sua poesia. Nel terzo capitolo, dopo una breve introduzione sulla nascita e sugli sviluppi artistici della Barraca, la compagnia teatrale itinerante di studenti universitari

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Michelangelo Giordano Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 37441 click dal 04/11/2005.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.