Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’uomo e lo spazio domestico: metamorfosi dell’estetica della casa in rapporto all’evoluzione del concetto di privacy

La tesi analizza il rapporto dialettico tra privato e pubblico, chiusura e apertura della casa, considerata come un prolungamento dello spazio in cui l'uomo vive. Seguendo l'excursus storico all'interno della vita dell'uomo, si arriva a comprendere il nuovo senso dell'abitare, in funzione dei cambiamenti della società odierna. Il concetto di privacy a cui si perviene, risulta ampliato rispetto al passato: "privacy" non più come chiusura della casa ma come spazio selettivo, limitato da labili membrane facilmente trapassabili.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo I Forma e significato degli archetipi della casa: la caverna e la capanna Ricercare nel corso della storia dell’uomo quei modelli sui quali si è andata costituendo la tradizione dell’abitare domestico, può aiutare a mettere in risalto ciò che di essenziale «dimora» nei gesti del nostro abitare quotidiano. Ritornare alle origini, in questo caso, non significa semplicemente viaggiare nel passato ma indica la volontà di coesione e di sintesi del nostro passato, presente e futuro, al fine di interpretare il nostro modo di porci all’interno dello spazio domestico: scopriremo relazioni scomparse, o semplicemente dimenticate? Ad ogni modo, iniziamo il nostro viaggio ricercando il primo esempio di dimora stabile nella storia dell’abitare umano. La caverna risulta essere il primo esempio di rifugio «non progettato» poiché componente stesso dell’ambiente naturale e come tale, rappresenta molto più che un semplice alloggio: al suo interno, l’uomo preistorico sviluppa la capacità di incidere sulle pareti immagini di vita quotidiana (figure antropomorfe stilizzate, figure di animali in movimento e immagini di divinità ancestrali), spinto dal bisogno di offrire un respiro di spiritualità alla contingenza del vivere quotidiano. La caverna e i suoi graffiti dunque, racchiudono in sé la testimonianza dell’evoluzione emozionale ed artistica

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Paola Loriga Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5706 click dal 08/11/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.