Skip to content

Prevalenza della Macroangiopatia in una popolazione di Pazienti Diabetici Ambulatoriali: Studio Diabete, Aterosclerosi, Informatica (DAI). Ruolo dell'Infermiere nella prevenzione cardiovascolare.

Informazioni tesi

  Autore: Federica Franchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Brunella Venturini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 145

Il Diabete Mellito è una malattia cronica che si manifesta con alterazioni del metabolismo dei glucidi, dei lipidi e dei protidi e si esplica attraverso la carenza di insulina. Si riconoscono due tipi di Diabete Mellito: il tipo 1 che insorge di solito nelle prime due decadi di vita e che è dovuto alla carenza assoluta di insulina, ed il tipo 2 che insorge in età più avanzata, si ritrova più facilmente nei soggetti obesi e con altri fattori di rischio cardiovascolari nei quale la carenza di insulina è relativa. Le nuove classificazioni riconoscono poi il Diabete Mellito secondario a tutta una serie di patologie e/o farmaci ed il Diabete Gestazionale, cioè il Diabete Mellito che insorge durante la gravidanza.
La prevalenza del Diabete Mellito è in continuo aumento: i diabetici erano 135 milioni e si prevede che nel 2025 saliranno a 300 milioni. L'incremento previsto è globalmente del 120%, 40% per le nazioni industrializzate e 170% in quelle in via di sviluppo. In Italia, i pazienti diabetici noti sono attualmente circa 2.200.000 e saliranno nel 2025 a 3.300.000.
Le complicanze macroangiopatiche sono causa di morte per il 70% dei diabetici adulti e la mortalità per cardiopatia coronarica è, nei diabetici, da due a quattro volte quella dei non diabetici. Il rischio di andare incontro a un evento cardiovascolare maggiore è del 2-5% per anno; ciò significa che, per il singolo paziente, il rischio cumulativo di un evento a 10 aa è del 20-30%. Inoltre nonostante la mortalità per cardiopatia ischemica nella popolazione generale sia in diminuzione, nei diabetici maschi tale diminuzione è minore mentre nelle donne diabetiche la mortalità è addirittura in aumento. Il paziente diabetico presenta anche una prognosi peggiore anche per quel che riguarda l’infarto del miocardio sia nel breve che nel lungo periodo: la mortalità totale è 2-3 volte quella dei non diabetici.
Dati sulla prevalenza ed incidenza della macroangiopatia in nostro possesso derivano da studi effettuati su popolazione nordamericane o nordeuropee. Lo studio DAI si proponeva perciò di riempire questo buco e grazie alla collaborazione fra Istituto Superiore di Sanità e AMD è stato concepito questo studio inizialmente osservazionale e poi longitudinale di coorte su circa 20000 pazienti diabetici tipo 2 italiani reclutati in 200 Servizi di Diabetologia sparsi uniformemente per il territorio nazionale. Nei pazienti venivano raccolti dati riguardo ai fattori di rischio classici, dati antropometrici e presenza di patologia cardiovascolare in atto e registrato un ECG basale esaminato poi centralmente secondo i criteri del Minnesota.
I dati che riportiamo si riferiscono ai primi due anni di follow up e si riferiscono al Servizio di Diabetologia di Massa dove sono stati esaminati 354 pazienti diabetici tipo 2 che hanno mostrato all’arruolamento il 15% di prevalenza di patologia cardiovascolare mentre bassi livelli di Retinopatia ed Ulcerazione rispetto a dati già noti. Nel corso del tempo, anche se troppo poco per poter permettere elaborazioni statistiche significative, si è notato nei pazienti un chiaro incremento del Peso, del BMI e della Circonferenza Vita mentre i valori pressori sono rimasti invariati. Dati di significativa correlazione sono emersi dalla relazione fra Peso e presenza di Dislipidemia (intesa come Colesterolo > 200 mg/dl) al 1° follow up (p < 0,01) e tra fra il Peso e la Pressione Diastolica al 1° ed al 2° follow up; ed anche fra i valori pressori sistolici e diastolici (cioè all’aumentare dell’uno aumenta anche l’altro) all’arruolamento (p < 0,01), al 1° follow up (p < 0,01) ed al 2° follow up (p < 0,05).
In questo studio la figura dell’infermiere è stato fondamentale nella raccolta dei dati (antropometrici, pressori, anamnestici) ed anzi ha chiaramente evidenziato a nostro giudizio il suo ruolo fondamentale ed insostituibile nel processo educativo del paziente diabetico. I dati infatti mostrano chiaramente come i pazienti con l’andar del tempo aumentino di peso e accumulino adipe a livello centrale che sono fattori di rischio per lo sviluppo delle complicanze microangiopatiche; e chi allora meglio dell’infermiere può essere la figura professionale investita del compito di insegnare e motivare il paziente a cambiare le proprie abitudini di vita, a fargli capire l’importanza di fare esercizio fisico ogni giorno e di avere una dieta povera in grassi e ricca in fibre, a prevenire quindi lo sviluppo delle complicanze microangiopatiche e macroangiopatiche che la malattia diabetica comporta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
RIASSUNTO Il Diabete Mellito è una malattia cronica che si manifesta con alterazioni del metabolismo dei glucidi, dei lipidi e dei protidi e si esplica attraverso la carenza di insulina. Si riconoscono due tipi di Diabete Mellito: il tipo 1 che insorge di solito nelle prime due decadi di vita e che è dovuto alla carenza assoluta di insulina, ed il tipo 2 che insorge in età più avanzata, si ritrova più facilmente nei soggetti obesi e con altri fattori di rischio cardiovascolari nei quale la carenza di insulina è relativa. Le nuove classificazioni riconoscono poi il Diabete Mellito secondario a tutta una serie di patologie e/o farmaci ed il Diabete Gestazionale, cioè il Diabete Mellito che insorge durante la gravidanza. La prevalenza del Diabete Mellito è in continuo aumento: i diabetici erano 135 milioni e si prevede che nel 2025 saliranno a 300 milioni. L'incremento previsto è globalmente del 120%, 40% per le nazioni industrializzate e 170% in quelle in via di sviluppo. In Italia, i pazienti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arteriosclerosi
cardiopatia ischemica
complicanze diabete mellito
diabete mellito
infermieristica
informatica
macroangiopatia
prevenzione cardiovascolare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi