Skip to content

Motivazione e burnout: una ricerca condotta sugli insegnanti di scuola primaria

Informazioni tesi

  Autore: Cinzia Frattini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Psicologia del lavoro e delle organizzazioni
  Relatore: Marina Pinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

La motivazione, nel comune significato del termine, è l’indagine sugli scopi che muovono gli individui; in genere, ci aspettiamo di scoprire tali scopi in quelli più immediati e più ovvi, quali il denaro, la sicurezza o il prestigio. Al contrario, ad un’analisi più attenta, si vede che i singoli scopi ai quali gli individui sembrano mirare, non sono che strumenti per raggiungerne un altro più importante: essere se stesso. La vera motivazione è realizzare se stessi: vivere in un modo che sia adeguato al proprio ruolo preferito, essere trattato come corrisponde al proprio modello, essere ricompensato secondo il concetto che uno ha delle proprie capacità. Perciò si è tutti alla continua ricerca di quello che si considera il ruolo che meglio compete a se stessi, cercando di far coincidere le idee soggettive con le realtà obiettive.
Per sapere come attrarre, motivare e incentivare gli insegnanti occorre innanzitutto conoscere la loro condizione psico-fisica attuale. Sono numerose le pubblicazioni che, sin dalla prima metà degli anni 80, si sono occupate delle cosiddette Helping Professions, prestando particolare attenzione alla sindrome del burnout negli insegnanti.
Tale condizione risulta caratterizza da:
- affaticamento fisico ed emotivo;
- atteggiamento distaccato e apatico nei confronti di studenti, colleghi e nei rapporti interpersonali;
- sentimento di frustrazione dovuto alla mancata realizzazione delle proprie aspettative;
- perdita della capacità di controllo degli impulsi.
La categoria degli insegnanti è sottoposta a numerosi stress la cui natura, sia in generale che con specifico riferimento allo scenario scolastico italiano, può essere ricondotta ad alcuni fattori riguardanti:
- la specificità della professione (rapporto con studenti e genitori, classi numerose, situazione di precariato, conflittualità tra colleghi, costante necessità di aggiornamento e di formazione);
- la trasformazione multietnica e multiculturale (crescita del numero di studenti extracomunitari);
- l’evoluzione scientifica (con l’avvento dell’era informatica);
- il susseguirsi continuo di riforme (autonomia scolastica, innalzamento della scuola dell’obbligo, ingresso anticipato nel mondo della scuola);
- il passaggio critico dall’individualismo al lavoro di gruppo (che ha comportato la scomparsa dall’insegnante unico con l’avvento dell’insegnamento basato su una pluralità di docenti);
- l’inadeguato ruolo istituzionale attribuito/riconosciuto alla professione (retribuzione insoddisfacente, risorse carenti, precarietà del posto di lavoro, mobilità, scarsa considerazione da parte dell’opinione pubblica);
- la riforma del sistema pensionistico.
Allo scopo, è stato costruito il questionario sulla Motivazione, costituito da 31 domande a scelta forzata, con una scala di risposta a 7 punti ( da 0 = Mai a 7 = Ogni Giorno), suddiviso nelle seguenti aree:

· Motivazione Intrinseca degli insegnanti;
· Motivazione Estrinseca;
· Motivazione di competenza nello svolgere il proprio lavoro;
· Il rapporto con gli alunni in classe;
· Il rapporto con i colleghi;
· Il rapporto con i genitori.



CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La motivazione, nel comune significato del termine, è l’indagine sugli scopi che muovono gli individui; in genere, ci aspettiamo di scoprire tali scopi in quelli più immediati e più ovvi, quali il denaro, la sicurezza o il prestigio. Al contrario, ad un’analisi più attenta, si vede che i singoli scopi ai quali gli individui sembrano mirare, non sono che strumenti per raggiungerne un altro più importante. In questo modo la ricchezza, la sicurezza, lo stato sociale, e tutte le altre mete che si suppone siano la “causa” del comportamento, sono elementi secondari per raggiungere il fine ultimo di ogni individuo: essere se stesso. La vera motivazione è realizzare se stessi: vivere in un modo che sia adeguato al proprio ruolo preferito, essere trattato come corrisponde al proprio modello, essere ricompensato secondo il concetto che uno ha delle proprie capacità. Perciò si è tutti alla continua ricerca di quello che si considera il ruolo che meglio compete a se stessi, cercando di far coincidere le idee soggettive con le realtà obiettive. Nel parlare di motivazione, o meglio di comportamento motivato, bisogna tener conto dell’effettiva interazione fra il comportamento dell’organismo e le risposte ambientali, intendendo per ambiente anche l’ambiente sociale in cui un individuo opera. Il rapporto organismo- ambiente non si esaurisce nell’individuazione delle esigenze motivazionali: l’attività cognitiva, ovvero la possibilità di elaborare una strategia ben definita, dei piani, per il conseguimento di determinati scopi e di pensare al significato che gli eventi esterni assumono in relazione a questi piani e scopi, e l’attività comunicativo-espressiva, mediante la quale risulta possibile manifestare ad altri individui le proprie intenzioni, fanno parte integrante del processo che porta all’attivazione dell’organismo per il conseguimento di determinati obiettivi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

affaticamento fisico ed emotivo
burnout
esaurimento emotivo
frustrazione
insegnanti
motivazione
scuola primaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi