Skip to content

Pianificazione e Controllo di Gestione nelle imprese ceramico - sanitarie

Informazioni tesi

  Autore: Famiano Minella
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Luigi Fici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 205

Questo studio ha come scopo quello di analizzare il Controllo di Gestione, partendo dalla fine degli anni ’80 (anno considerato di svolta, in cui si è presa coscienza della necessità di un cambiamento verso una gestione d’azienda meno basata sull’intuito imprenditoriale e maggiormente incentrata su un’organizzazione aziendale più definita e programmata) fino ad arrivare alle tecniche di programmazione e controllo dei nostri giorni, evidenziando quali sono stati i cambiamenti e fornendo quali ancora potrebbero essere i miglioramenti. Nel capitolo I viene trattata la fase della “Pianificazione aziendale”;se ne descrive il procedimento, l’organo preposto alla sua realizzazione, il suo scopo e l’evoluzione subita nel corso degli ultimi anni. Infatti la pianificazione aziendale si è evoluts come il Controllo di Gestione, passando da un periodo in cui tale attività non era opera di una attenta programmazione ad un altro in cui viene considerata come una attività strategica per la gestione aziendale.Gli aspetti analizzati nel capitolo II sono stati i presupposti organizzativi del controllo utilizzati dalle imprese ceramico - sanitarie di Civita Castellana unitamente ad una analisi dei costi per il controllo budgettario che ha lo scopo di mettere in evidenza l’incidenza dei costi fissi e variabili, diretti ed indiretti, controllabili e non controllabili ecc. sul totale dei costi per poter individuare delle leve di intervento su cui agire per migliorare la redditività aziendale. Terzo fattore studiato nel capitolo III è stato lo strumento del budget utilizzato nelle aziende oggetto di studio. Su questa fase, che riporta i cambiamenti e l’evoluzione nel tempo di tale strumento, è stato condotto uno studio quantitativo, per mezzo di un questionario, circa l’utilizzo del budget nelle aziende del Polo Ceramico. Il Budget Globale d’Azienda è stato scomposto ed analizzato in tutti i suoi componenti, ovvero i budget settoriali (commerciale, produzione, approvvigionamento e strutture centrali) ed intersettoriali (personale ed investimenti). Infine si è passati ad analizzare un caso specifico, ossia la Pianificazione e la Gestione aziendale della ceramica SIMAS Spa, una delle poche aziende leader del settore, confrontandola con il resto delle aziende locali e mettendo in evidenza gli scostamenti sia positivi che negativi, rispetto alla media del settore. Il settore dei prodotti ceramico - sanitari può oggi guardare al futuro con più ottimismo, giustificato dalla corretta gestione aziendale operata dai manager delle aziende di Civita Castellana. Attualmente il settore dei sanitari è un settore in salute e a conferma di ciò spesso le aziende per rispettare i tempi di consegna del materiale sono costrette a ricorrere ai turni straordinari. Tale risultato si deve prima di tutto all’intuito e all’intelligenza dei manager delle aziende ceramico - sanitarie di Civita Castellana, che fin da subito hanno capito che era inutile una guerra contro i concorrenti (soprattutto asiatici) basata sulla quantità; piuttosto, era possibile uscire vincitori solamente puntando sulla differenziazione di marca, ovvero la competizione è stata incentrata, più che sul rapporto prezzo - qualità, sul design e sul fascino del made in Italy. Al moderato ottimismo che avvolge attualmente il settore dei sanitari, si contrappone la consapevolezza che in un futuro non troppo lontano potrebbe esserci una flessione fisiologica che riguarderà alcune famiglie di prodotti, in particolare quelli che servono una fascia di mercato medio - bassa. Per far fronte a questa evenienza, evitando cosi di arrivare impreparati ad una crisi come negli anni ottanta, alcune imprese si sono già organizzate dotandosi di una relativa flessibilità (ad esempio utilizzando contratti da lavoro interinale o a tempo determinato) e spostando la produzione verso un mercato di “nicchia”. Ma, come dice il termine stesso, è un segmento di grandezza limitata in cui difficilmente tutte le aziende potrebbero trovar spazio, quindi un’altra soluzione è quella di investire maggiormente in R&S per trovare degli utilizzi alternativi della ceramica che permettano di sfruttare tutte le conoscenze ed i mezzi di cui abbondano le imprese ceramiche di Civita Castellana. Ad oggi gli investimenti fatti in R&S hanno condotto a notevoli risultati; ad esempio è possibile ottenere dal composto ceramico un semplice e banale strumento come quello per affilare la lama dei coltelli o è possibile farne un uso più tecnologico come le pastiglie per i freni a disco di alcune automobili di alta gamma. Ma il campo più importante in cui è possibile un utilizzo alternativo della ceramica, diverso da quello che conosciamo oggi, è quello della medicina. Infatti è possibile creare delle protesi artificiali di arti umani in ceramica. Quest’ ultimo aspetto è oggetto di studio da parte di molte aziende perchè secondo il parere degli addetti ai lavori avrebbe un elevato margine di miglioramento e permetterebbe ingenti guadagni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Le prime manifestazioni dell’arte ceramica di Falerii Veteres, l’odierna Civita Castellana, risalgono al X a.C., quasi ai primordi dell’età del ferro. A conferma di quanto scritto gli scavi archeologici compiuti presso le necropoli di Faleri, Celle, Monteleone, Scasato, Valsiarosa, Colonnette, Cappuccini, hanno portato alla luce materiale vascolare estremamente vasto, tale da documentare una forte presenza dell’arte ceramica nel nostro territorio e la sua trasformazione nel tempo. Verso la fine dell’ottocento ed il principio del nuovo secolo si costruirono le fabbriche del Brunelli, dei fratelli Cassieri, della società Conti e di altri ancora. Ha origine nel 1881 anche la prestigiosa Marcantoni, dalla quale le imprese leader di oggi si sono ispirate. Agli inizi del secolo una profonda innovazione trasformò la produzione ceramica civitonica, fino ad allora prettamente artistica: Antonio Coramusi, discendente da una famiglia di autentici artigiani ceramisti, sviluppò nelle città un ramo dell’industria del sanitario, tanto che nel giro di pochi decenni la fortuna di questo settore soppiantò completamente l’antica produzione di ceramica artistica. Tra la fine degli anni ’60 e l’inizio dei ’70 si è assistito ad un continuo sorgere di nuovi stabilimenti, alcuni di dimensioni artigianali, altri capaci di assorbire manodopera per centinaia di addetti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi dei costi
aziende ceramiche
aziende sanitarie
budget
budget approvviggionamenti
budget commerciale
budget economico
budget produzione
controllo di gestione
pianificazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi