Skip to content

La sindrome del burnout nelle organizzazioni

Informazioni tesi

  Autore: Mauro Puggina
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze sociologiche
  Relatore: Valter Zanin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 245

Tutti sanno che cos’è lo stress, ma non tutti sanno cosa sia il burnout. Questa parola anglosassone che significa “bruciarsi, essere bruciato” descrive una sindrome formata da numerosi sintomi che può colpire una determinata persona sottoposta per un lungo periodo a situazioni particolarmente stressanti. Il burnout può colpire un individuo in numerosi casi; in questa ricerca verrà analizzato quello più specifico inerente alle persone impiegate in un contesto organizzativo.
Alcune categorie di lavoratori, a causa di particolari fattori stressogeni legati all’attività professionale, sono soggetti a rischio per la sindrome del burnout. Tale condizione è caratterizzata da affaticamento fisico ed emotivo, atteggiamento distaccato, apatia nei rapporti interpersonali e sentimento di frustrazione. Autorevoli studi hanno accertato che tale affezione rappresenta un fenomeno di portata internazionale e con un aumento sempre più impressionante.
Lo stress è quindi la scintilla che può innescare questo complicato processo degenerativo psico-fisico, anche se d’altra parte lo stress fa parte della vita e forse, in una certa misura, è necessario. C’è chi addirittura è più produttivo e creativo quando lavora sotto stress. Ma se lo stress è intenso ed incessante, diventa un fenomeno negativo che porta a malattie fisiche e disturbi psicologici. A livello organizzativo generale vi sono numerosi aspetti comuni allo stress e al burnout dovuti soprattutto ai cambiamenti in atto sul mercato del lavoro, e in parte anche agli effetti della globalizzazione economica. E la globalizzazione economica colpisce tutti i lavoratori nello stesso modo.
La globalizzazione dell’economia ha dato luogo a mutamenti importanti della natura del lavoro ed intensificato la pressione esercitata sui lavoratori. In un ampio ventaglio di occupazioni, la gente deve far fronte ad una crescente incertezza, ad esigenze sempre pressanti di maggiore produttività, flessibilità ed impiegabilità.
La ristrutturazione, la produzione snella, il sub-appalto e l’approvvigionamento esterno riducono il numero di posti di lavoro ed aumentano le esigenze nei confronti dei lavoratori, in termini tanto di qualità che di quantità di produzione. I lavoratori devono produrre di più, in meno tempo ed in qualsiasi momento. Date le esigenze concorrenziali, le aziende oggi sono diventate vere e proprie fabbriche di stress. Non sono più le macchine a guastarsi, ma i lavoratori.
Lo stress non riguarda soltanto i lavoratori non manuali. Da anni, il burnout è considerato un rischio occupazionale, frequente anzitutto nelle professioni in rapporto con la gente, come i servizi sociali, l’istruzione e la sanità.
Oggi colpisce tutte le professioni e tutte le categorie di lavoratori, e tra queste, i lavoratori non manuali sono particolarmente esposti alle attuali tendenze del mondo del lavoro, assolutamente deleterie per la salute.
L’introduzione dell’informatica non è probabilmente estranea a questo sviluppo. Le nuove tecnologie e la scienza informatica impongono il loro ritmo sulla vita quotidiana.
Le nuove tecnologie hanno reso le delimitazioni tra lavoro e vita privata meno chiare. I programmi di lavoro non sono più quelli di un tempo. In molte aziende, per alcune categorie di addetti, il tempo è sempre meno importante. Quello che conta è portare avanti i progetti ed ottenere risultati.
Che la gente debba fare straordinari per conseguire tali risultati, non è una preoccupazione dei dirigenti delle aziende.
Lo stress e il conseguente burnout hanno un costo elevato, non solo umano ma anche finanziario. Da un certo numero di studi risulta che i costi dello stress per la società sono in costante aumento. Questo fattore costo è di per sè una ragione valida e sufficiente perchè i governi ed i datori di lavoro agiscano e prendano iniziative concrete per migliorare la situazione. Lo stress ha effetti deleteri non solo sulla salute dei lavoratori ma anche sui risultati delle aziende. Allenta l’impegno dei lavoratori sul lavoro, e questo è un elemento che i datori di lavoro dovrebbero essere in grado di capire.
Nella nostra società avanzata, chi organizza il personale e il management in generale deve capire che la produttività di una persona non va misurata solo nel breve periodo o per un progetto fine a se stesso. Questo è lo scopo della ricerca, ossia cercare di analizzare e consigliare dei metodi organizzativi generali in modo da creare un ambiente lavorativo più produttivo ma soprattutto più umano e verificare direttamente in alcune imprese il livello di burnout attraverso l’uso di test.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 La sindrome del burnout nelle organizzazioni Introduzione Tutti sanno che cos’è lo stress, ma non tutti sanno cosa sia il burnout. Questa parola anglosassone che significa “bruciarsi, essere bruciato” descrive una sindrome formata da numerosi sintomi che può colpire una determinata persona sottoposta per un lungo periodo a situazioni particolarmente stressanti. Il burnout può colpire un individuo in numerosi casi; in questa ricerca verrà analizzato quello più specifico inerente alle persone impiegate in un contesto organizzativo. Alcune categorie di lavoratori, a causa di particolari fattori stressogeni legati all’attività professionale, sono soggetti a rischio per la sindrome del burnout. Tale condizione è caratterizzata da affaticamento fisico ed emotivo, atteggiamento distaccato, apatia nei rapporti interpersonali e sentimento di frustrazione. Autorevoli studi hanno accertato che tale affezione rappresenta un fenomeno di portata internazionale e con un aumento sempre più impressionante. Lo stress è quindi la scintilla che può innescare questo complicato processo degenerativo psico-fisico, anche se d’altra parte lo stress fa parte della vita e forse, in una certa misura, è necessario. C’è chi addirittura è più produttivo e creativo quando lavora sotto stress. Ma se lo stress è intenso ed incessante, diventa un fenomeno negativo che porta a malattie fisiche e disturbi psicologici. A livello organizzativo generale vi sono numerosi aspetti comuni allo stress e al burnout dovuti soprattutto ai cambiamenti in atto sul mercato del lavoro, e in parte anche agli effetti della globalizzazione economica. E la globalizzazione economica colpisce tutti i lavoratori nello stesso modo. La globalizzazione dell’economia ha dato luogo a mutamenti importanti della natura del lavoro ed intensificato la pressione esercitata sui lavoratori. In un ampio ventaglio di occupazioni, la gente deve far fronte ad una crescente incertezza, ad esigenze sempre pressanti di maggiore produttività, flessibilità ed impiegabilità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi
burnout
depersonalizzazione
esaurimento
maslach
mbi
organizzazioni
stress
test

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi