Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il trattamento medico arbitrario

Il consenso del paziente: presupposto necessario per la liceità del trattamento sanitario ed i suoi requisiti.
Il trattamento medico arbitrario e l'evoluzione giurisprudenziale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Il consenso del paziente: presupposto necessario per la liceità del trattamento sanitario Il consenso preventivo del paziente è il requisito essenziale ed il presupposto necessario della facoltà di curare da parte del sanitario. La dottrina, pur concordando nel considerare un dovere del medico quello di munirsi del valido consenso della persona assistita prima di compiere qualsiasi trattamento sanitario, nel corso del tempo ha ampiamente dibattuto il problema della liceità del trattamento medico-chirurgico. Alcuni autori ne hanno individuato il fondamento nella “adeguatezza sociale” dell’attività medica, in quanto i vantaggi, che essa può procurare, sono maggiori dei danni, i quali risulterebbero pertanto “socialmente adeguati” 1 . Altri hanno indicato il presupposto di tale liceità in una causa di giustificazione non codificata, rappresentata dall’elevato interesse sociale dell’attività medico- chirurgica. Altri ancora lo hanno fatto risalire alle cause di giustificazione codificate, con riferimento ora all’esercizio di un diritto (il fatto di reato in astratto realizzato dalla condotta del medico non è punibile, in quanto verificatosi durante l’esercizio di una professione autorizzata, al quale il medico è stato abilitato dallo stesso Stato); ora all’adempimento di un dovere (quale quello, derivante dalla legge professionale e dalla consuetudine, di salvaguardare la salute del paziente 2 ); ora allo stato di necessità (chiamato in causa per giustificare gli interventi chirurgici urgenti, nei casi in cui il paziente non sia in grado di prestare il proprio consenso); ora al consenso dell’avente diritto. 1 BETTIOL, Diritto penale – Parte generale, 1973. FIORE, l’azione socialmente adeguata nel diritto penale, 1996. 2 AZZALI, Stato di necessità, in Nov. Digesto it.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Fabio Grossi Contatta »

Composta da 30 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1917 click dal 14/11/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.