Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sospensione necessaria del procedimento civile di cognizione

L' elaborato ha per oggetto i provvedimenti di sospensione necessaria del procedimento civile di cognizione EX ART.295 C.P.C. In particolare l'attenzione è rivolta ai provvedimenti adottati dall'istruttore in applicazione analogica dell'Art. 295 C.P.C. per proposto appello immediato avverso la sentenza non definitiva. L' analisi della dottrina e della giurisprudenza di Cassazione è affrontata in considerazione della legge di riforma NOVEMBRE 1990 N.335 con la quale si è provveduto a modificare radicalmente diversi istituti giuridici di diritto processuale civile . Tra questi l' ART.42 C.P.C. che attualmente consente di ricorrere avverso i provvedimenti di sospensione pronunciati ai sensi dell' Art. 295 C.P.C.
Da una disamina dell'attuale impostazione codicistica comparata con le scelte di fondo del legislatore italiano si affer,a che non è piu' patrocinabile la tesi che assegna al Giudice un potere facoltativo di sospensione in tema di pregiudizialità esterna tra due cause.
Infine si evidenziano i casi di pregiudizialità interna che rientrano nelle ipotesi disciplinate dall' Art. 279 COMMA 4° C.P.C.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 TITOLO OSSERVAZIONI SULLA SENTENZA N.419 -14 GENNAIO 2004- CORTE DI CASSAZIONE-SEZ.III CIVILE.- Sezione I INRODUZIONE Il 14 gennaio dell’anno duemilaquattro, la Corte di Cassazione Sez. III civile si è pronunciata su un ricorso, proposto ai sensi dell’art.42 c.p.c., avverso l’ordinanza di sospensione del procedimento civile disposta dal giudice istruttore in applicazione analogica dell’art.295 c.p.c.- In particolare il Tribunale di Ancona durante l’anno 1998, si era pronunciato con sentenza non definitiva sulla propria competenza per materia e sulla legittimazione passiva della parte citata in giudizio e ,con separata ordinanza, aveva successivamente rimesso le parti dinnanzi al giudice istruttore per il prosieguo del giudizio. Nel contempo la parte soccombente decideva di proporre appello immediato avverso detta sentenza interlocutoria. A seguito di tale impugnazione l’istruttore si pronunciava con ordinanza datata 12-14 aprile 1999, disponendo “la sospensione facoltativa ed impropria del giudizio “in attesa della definizione (del giudizio) di impugnazione.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Roberto Gargiulo Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3473 click dal 17/11/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.