Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La partecipazione politica dei giovani

E' vero che i giovani non si interessano di politica?
Il presente studio qualitativo, condotto tramite interviste a giovani di 18-34 anni, dimostra che la voglia di partecipazione dei giovani non sempre trova i canali in cui identificarsi e potersi esprimere.

Mostra/Nascondi contenuto.
LA PARTECIPAZIONE POLITICA DEI GIOVANI 4 CAPITOLO I Analisi della letteratura e del contesto 1.1 Introduzione Quello della politica, e della partecipazione politica, Ł un tema che attraversa trasversalmente pressochØ tutti i campi dello scibile umano. Sono molti, e di differenti orientamenti, gli autori che a vario titolo se ne sono occupati, e diverse le discipline: a partire dalle scienze politiche e giuridiche, che ne indagano l aspetto amministrativo, passando per la filosofia, che dai tempi di Aristotele si Ł sempre interrogata sulle forme di buon governo, per non parlare delle scienze sociali, soprattutto la sociologia e la scienza della comunicazione, che ha spesso investigato i meccanismi di formazione e propagazione delle opinioni. Anche la psicologia ha dato, e pu ancora dare, un contributo importante allo studio della politica, partendo da quella che Ł la sua specificit : la focalizzazione sull individuo e sulla sua relazione con i contesti di appartenenza (per l appunto il gruppo, la comunit , la societ nel suo complesso). Nel presente studio, per partecipazione politica si intende un comportamento autonomo di chi, essendo e sentendosi parte di una qualche collettivit , concorre in vario modo al processo delle decisioni che la riguardano (Urbani, 1980, p. 92). Si Ł scelta questa definizione, tra le tante esistenti e possibili, proprio perchØ Ł sufficientemente ampia da non apparire gi datata, dati i recenti mutamenti nelle modalit dell agire politico, soprattutto giovanile, che sono sotto gli occhi di tutti. Si tratta di una partecipazione non piø totalizzante, bens di tipo carsico , cioŁ intermittente, sotter ranea ma pronta ad emergere, soprattutto in occasione delle grandi manifestazioni tipo quella del luglio 2001 a Genova (Andretta e Mosca, 2001). Il costituirsi di movimenti globali come Seattle (Del Lago e Mezzadra, 2001); l utilizzo massiccio delle nuove tecnologie informatiche (Diani, 2000); la metafora delle reti, virtuali e reali, come i Social Forum o la Rete Lilliput, che uniscono a livello mondiale e/o nazionale varie realt locali autonome (Vitali, 2001); la sfi ducia nei confronti dei partiti e dei sindacati; la ricerca di risultati immediati, concreti, nel volontariato sociale (Sgritta e Romano, 1999); l insofferenza nei confronti delle gerarchie e delle organizzazioni troppo strutturate1; la ricerca della visibilit mass-mediatica (Menduni, 2 001); sono solo i piø eclatanti tra gli aspetti che caratterizzano queste nuove modalit di parteci pazione politica giovanile, alcuni dei quali si cercher di approfondire nel corso di questo stu dio. Non sempre la ricerca scientifica, psicologica e non, riesce a stare al passo di questi mutamenti. Sono ancora scarsi gli studi che tentano di indagare dal di dentro queste nuove realt , sfuggenti ed in continua evoluzione. Quasi tutto ci che attualmente si sa su di loro lo si deve soprattutto ad inchieste di tipo giornalistico o a sondaggi d opinione. L obiettivo di questo lavoro Ł appunto quello di iniziare a colmare questo vuoto, cercando di individuare, attraverso un percorso metodologicamente fondato, degli strumenti utili a leggere il fenomeno. L idea Ł quella di creare una tassonomia della partecipazione politica giovanile, partendo proprio dalle testimonianze dirette dei soggetti: una tipologia, di tipo esplorativo, che potrebbe servire a comprendere meglio questa realt . 1 ¨ possibile evitare il ricorso alla gerarchia nelle grandi organizzazioni politiche e sociali, coinvolgendo nella presa di decisione tutti quelli che vi sono coinvolti? No, secondo Michels (1911) e Lippmann (1922), soprattutto quando sono in gioco decisioni complesse e da prendere rapidamente. Ma l avvento di internet, che consente un rapido scambio di informazioni e di consultazioni tra un numero pressochØ illimitato di persone disseminate in tutto il globo, ha riaperto la questione, come si approfondir in seguito.

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazi

Autore: Giovanna Filosa Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13973 click dal 25/11/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.