Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'azione comunitaria in materia di fondi strutturali e l'allargamento a venticinque

Il presente lavoro si orienta su tre direttrici. La prima: un breve percorso di analisi evolutiva del modo in cui sono stati concepiti prima, e interpretati poi, i Fondi Strutturali della Comunità europea, attraverso gli assestamenti continui della Coesione economico-sociale. La seconda: studio dell'impatto sociale ed economico che il più recente allargamento a 25 produrrà sull'Unione. La terza: dibattiti, orientamenti, dilemmi relativi alle prospettive finanziarie per l'agenda 2007-2013. Gli incerti orizzonti per la politica di coesione in un'Unione allargata a 27 che presenterà disparità in termini di PIL pro-capite di notevole entità: dal 215 % del PIL del Lussemburgo (rispetto alla media UE) al 41 % del PIL della Lettonia o al 30 % del PIL della Romania. Spunti di riflessione anche per il destino che attende il Mezzogiorno d'Italia nella distribuzione degli aiuti comunitari, in un periodo di ristagno dell'economia europea. Infine cenni e aggiornamenti sull'ipotesi dell'adesione di Turchia e Croazia alla Comunità.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 ___________________CAPITOLO I__________________ IL FINANZIAMENTO DELLA COMUNITA’ ALLO SVILUPPO REGIONALE: CENNI STORICI. Introduzione Alla base dell’istituzione dei Fondi strutturali ricoprì un ruolo fondamentale la logica centro-periferia, che supponeva l’insorgere di notevoli difficoltà per il Sud dell’Europa (dal Portogallo alla Grecia) di fronte alla realizzazione del mercato unico e della moneta unica, non avendo più, gli Stati, le tradizionali possibilità di finanziare processi produttivi obsoleti, o di sostenere la domanda artificiale di prodotti non graditi ai mercati nazionali e internazionali, o, ancora, di manipolare i tassi di cambio per ridare competitività ai prodotti i cui costi erano ormai fuori mercato. In quest’ottica, i Fondi strutturali dovevano servire a rendere meno acuti i contraccolpi conseguenti all’integrazione economica e monetaria. Con l’esperienza, la Comunità si è resa conto di un’efficacia diversa degli stessi strumenti, che ne ha rovesciato l’aspettativa di base iniziale. Essi hanno iniziato a rappresentare, infatti, una nuova politica economica di sviluppo e non più una politica sociale di sostegno ai Paesi più deboli, conseguendo l’obiettivo di una maggiore integrazione delle loro economie nel mercato unico europeo 1 . Oggi più che 1 A. Canova, E. F. Giangreco, I Fondi Strutturali. Come finanziarsi in Europa e fare impresa. FrancoAngeli editore, Milano 2001, pag 14.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Antonio Berardinelli Contatta »

Composta da 399 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3690 click dal 14/12/2005.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.