Skip to content

La strega e lo stregone. La personalità dell’analista ed il concetto di controtransfert attraverso differenti paradigmi metapsicologici

Informazioni tesi

  Autore: Giuditta Borghetti
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Specializzazione quadriennale in psicoterapia ad orientamento psicoanalitico interpersonale
Anno: 2004
Docente/Relatore: Saro Brizzi
Istituito da: Istituto di Psicoterapia Analitica “H.S.Sullivan
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

La scelta di mantenere questa particolare angolatura nel ripercorrere il cammino del pensiero psicoanalitico è stata dettata dal fatto che la particolare rilevanza data al contributo dell’analista come persona “reale”, all’interno della relazione terapeutica, è ciò verso cui si sta muovendo l’attuale paradigma prospettico-costruttivista.
Ho scelto, in questo breve lavoro, di affrontare il tema del controtransfert, all’interno di quelle che, a mio avviso rappresentano tre tappe fondamentali del pensiero psicoanalitico: la nascita ed il primo sviluppo della metapsicologia freudiana, all’interno del paradigma determinista-positivista, il passaggio dalla teoria strutturale delle pulsioni alla teoria strutturale delle relazioni ed, infine, l’approdo all’attuale paradigma prospettivista-costruttivista.
All'interno della metapsicologia freudiana unico oggetto di indagine è il paziente con il suo mondo interno, costituito di pulsioni ed il suo sistema motivazionale basato sul principio di piacere dispiacere. (1912) Inizia a delinearsi così quella particolare accezione che per lungo tempo ha caratterizzato il concetto di controtransfert, ossia la particolare risposta emotiva dell’analista per l’influsso del paziente sui suoi (dell’analista) sentimenti inconsci, risposta emotiva che costituisce un ostacolo al progredire del processo di cura. Con la teoria strutturale delle relazioni si passa da un’ottica monopersonale ad un’ottica bipersonale nell’osservazione della situazione analitica.
Non solo si inizia a riconoscere al terapeuta un ruolo centrale all’interno della scena analitica, ma egli inizia a fare della sua osservazione partecipata, della sua esperienza e del suo sentire un vero e proprio strumento di lavoro.
Dalla spinta pulsionale e dal conflitto intrapsichico si passa ad osservare l’intreccio relazionale del paziente e successivamente le particolari configurazioni relazionali che il pz. porta sollecitate dall’analista, ma il paziente rimane ancora l’unico oggetto di indagine.
All’interno del paradigma costruttivista, invece, ogni coppia analitica genera la sua propria matrice di transfert-controtransfert, che divengono processi scindibili solo su un piano teorico, perché poli appartenenti ad uno stesso continuum dato dal particolare campo interpersonale formato dal quel analista, con quel paziente, in quel momento.
Il concetto di matrice porta con sé una notevole implicazione clinica relativa al processo di conoscenza del pz. e del suo mondo interno: e cioè che la comprensione della personalità del paziente non può non passare attraverso la comprensione della personalità dell’analista. Interpersonalisti attuali si sono spinti fino ad affermare l’uso terapeutico del controtransfert ritenendo le risposte attivate nell’analista dal transfert del pz uno strumento prezioso di indagine. Dallo specchio opaco, su cui il paziente, unico oggetto di indagine, può proiettare e giocarsi tutti i suoi personali movimenti transferali, a ‘compagno di viaggio’, per usare una metafora di Levenson, consapevole della propria soggettività e del peso che essa gioca nella relazione. (Hoffman, 1998)
E’ necessario divenire consapevoli di quanto i nostri interventi contribuiscano a forgiare la relazione in un modo, che è solo uno dei tanti modi possibili, attraverso la costruzione di significati nuovi, che consentano al paziente di espandere la propria comprensione di sé e del mondo relazionale in cui sono immersi. Non possiamo conoscere a priori quale sarà l’esito del cammino analitico intrapreso con un determinato paziente, ciò che possiamo conoscere è quello che accade di volta in volta con quel paziente, in quella situazione e in quel momento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione “[...] ho dovuto seguire l’esempio di quei ricercatori la cui massima soddisfazione consiste nel riportare alla luce del sole le inestimabili – anche se ormai mutile –vestigia delle antiche civiltà: così ogni volta ho cercato di recuperare ciò che era stato seppellito,[...], e, da buon archeologo, non ho mai trascurato di indicare con precisione in ogni singolo caso in che punto dell’opera le strutture non sono più quelle originali, e cominciano invece i miei restauri.” (S. Freud,1994, p.21). L’immagine dell’archeologo per lungo tempo ha accompagnato il cammino della psicoanalisi, di quella psicoanalisi nata alla fine dell’800, in pieno fervore positivista. La passione della scoperta, accendeva gli animi, la scienza faceva progressi e si andava verso certezze che sembravano inconfutabili. In questo clima trova la sua origine la teoria, e, quindi, la tecnica psicoanalitica, in modo graduale, non frutto di una scoperta o di una invenzione improvvisa, ma nel lento, meticoloso, quotidiano lavoro clinico. (R.R. Greenson, 1967). In questo clima, Freud, animo conquistatore e “avventuriero” dello spirito (Jones, 1955, cap. 16) con il suo senso clinico e la sua capacità di armonizzare pensiero teorico e creatività ha avuto “[...] il coraggio e l’immaginazione necessari per esplorare con vigore e creatività nuove regioni del pensiero [...]” (Ibidem, pp 12) Essendo la psicoanalisi una scienza umana, come il pensiero umano anch’essa è in divenire, pertanto ha vissuto, al suo interno, cambiamenti di prospettiva, spostamenti di accento, evidenziando ora taluni ora tal’altri aspetti o portandone in auge di nuovi. Il complesso obiettivo che ci si propone con questo lavoro è quello di mettere l’accento sul cambiamento radicale di prospettiva che il pensiero psicoanalitico ha attuato negli ultimi anni, mantenendo come punto di osservazione l’analista e quanto egli si giochi, all’interno della relazione con il paziente, in termini di controtransfert e della sua soggettività. La scelta di mantenere questa particolare angolatura nel ripercorrere il cammino del pensiero psicoanalitico è stata dettata dal fatto che la particolare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi