Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Applicazione di tecniche di biostabilizzazione alla frazione organica di rifiuti solidi urbani: bilancio economico ed ambientale in due diversi scenari gestionali

APPLICAZIONE DI TECNICHE DI BIOSTABILIZZAZIONE ALLA FRAZIONE ORGANICA DI RIFIUTI SOLIDI URBANI: BILANCIO ECONOMICO ED AMBIENTALE IN DUE DIVERSI SCENARI GESTIONALI

RILEVANZA AMBIENTALE DEL PROBLEMA
Con le recenti disposizioni legislative emanate sia a livello nazionale che a livello regionale non sarà più possibile creare nuove discariche che accoglieranno il rifiuto solido urbano tal quale.
Sorge quindi il problema di studiare soluzioni alternative allo smaltimento in discarica che consentano di recuperare materiali utili e/o il contenuto energetico dei rifiuti. Tra le numerose proposte sperimentate quella di separare i rifiuti, in una frazione “umida” da avviare dopo trattamento opportuno al settore agricolo e in una frazione “secca” il cui potere calorico consenta una conveniente termodistruzione, rappresenta la soluzione che ad oggi appare la più opportuna.
Alla base di tutto questo è necessario impostare un sistema di raccolta differenziata secco-umido alla fonte degli RSU, che consenta di ottenere una frazione umida (prevalentemente organica) da biostabilizzare e sottoporre a processo di compostaggio ed una frazione secca che andrà incontro a destini diversi secondo la tipologia del materiale (riciclaggio per plastiche, carta e vetro; termodistruzione per materiali poliaccoppiati, plastiche non riciclabili, ecc).
Il compostaggio è un processo di biostabilizzazione aerobica applicata alla gestione delle frazioni organiche dei flussi di RSU, fanghi di origine agroindustriale e componente vegetale derivante dallo sfalcio del verde.
Il compost è il prodotto del processo aerobico di stabilizzazione biologica controllata in fase solida di scarti, residui e rifiuti organici fermentescibili, in condizioni che garantiscano il passaggio spontaneo attraverso uno stadio termofilo. Alla base vi sono reazioni prevalentemente biossidative, promosse dai microrganismi aerobi naturalmente associati ai substrati sottoposti al trattamento.
In generale possiamo definire due differenti categorie di prodotti finali derivanti dal processo di stabilizzazione biologica aerobica delle biomasse umide, di composizione prevalentemente organica. Quelli derivanti da un sistema di raccolta differenziata spinta secco-umido come compost, quelli derivanti dalla selezione meccanica post raccolta del rifiuto tal quale come frazione organica stabilizzata (FOS).
APPROCCIO AL PROBLEMA
Lo studio interessa due tipi di impianti di compostaggio che trattano rifiuti di origine diversa.
1. Impianto “Cassiopea”: compostaggio di biomasse provenienti dalla frazione organica di RSU derivanti da raccolta differenziata alla fonte (compost).
2. Impianto “Pegaso”: compostaggio di biomasse provenienti dalla frazione organica di RSU derivanti da separazione post raccolta del rifiuto tal quale (FOS).
Il lavoro è articolato in una prima parte analitica in cui si prendono in considerazione parametri di tipo:
· Agronomico: umidità, sostanza organica, pH, salinità, forme di azoto, potassio e fosforo, cationi (calcio, magnesio e sodio), anioni (cloruri e solfati). L’azoto si è determinato mediante titolazione di un estratto posto in digestore Kjeldahl, il fosforo mediante spettrofotometro a 650 nm, i cationi mediante spettrofotometro ad assorbimento atomico e gli anioni mediante titolazione e colorimetro.
· Tossicologico: metalli pesanti mediante spettroscopia ad assorbimento atomico (Arsenico, Cadmio, Cromo, Nichel, Piombo, Rame e Zinco).
· Respirometrico: indice biologico di stabilità tramite una metodica messa a punto dalla Regione Piemonte
· Fisico e idrologico: densità apparente e reale, porosità e curva di ritenzione idrica.
Questi riscontri analitici hanno permesso di valutare la qualità e la compatibilità ambientale del materiale compostato in modo da poter indicarne il destino finale.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Andamento della produzione di rifiuti solidi urbani in provincia di Milano La produzione di rifiuti solidi urbani, in Italia, è in costante aumento con il passare degli anni così come avviene nel resto dei Paesi industrializzati. Questo dipende da una molteplicità di fattori diversi che hanno avuto come risul- tante un “trend positivo” che ha portato ad un’evoluzione, quasi esponenziale, del- la quantità di rifiuti solidi urbani raccolti. Soprattutto nell’ultimo decennio la produzione di rifiuti, nella Provincia di Milano, ha conosciuto una costante crescita. Nonostante vi sia stato un lieve calo dei resi- denti le quantità raccolte, sia al lordo che al netto dei recuperi, sono cresciute ra- pidamente e con discreta regolarità sia nei grandi che nei piccoli centri. Come detto in precedenza non esiste alcuna correlazione tra produzione di rifiuti e numero di abitanti residenti. Una probabile spiegazione può essere ricercata nel costante aumento di reddito e nel miglioramento delle condizioni di vita che hanno interessato le popolazioni residenti nella Provincia Milanese, ed in generale in tutto il territorio nazionale, dal dopoguerra ad oggi. 180 230 280 330 380 430 480 60 62 64 66 68 70 72 74 76 78 80 82 84 86 88 90 92 Anno Kg/ab . /anno 1 Provincia di Milano - Assessorato all’Ambiente - Settore Ecologia “PIANO DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E ASSIMILABILI - VOLUME F” - Marzo 1995 Grafico 1: Evoluzione della produzione di rifiuti nella città di Milano (1960 - 1992) 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Gianluca Ferrari Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6364 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.