Skip to content

Progetto, modellazione e controllo attivo di un prototipo per un esperimento a bordo della stazione spaziale internazionale

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Chignoli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Aerospaziale
  Relatore: Franco Bernelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

In cooperation with the Aerospace Engineering Department, the Information and Electronics Department of Politecnico University in Milan and Carlo Gavazzi Space S.p.A, it has been carried out a study to adapt the Body Rotating Device (BRD) to the requirements of the International Space Station. The aim is the implementation of a rotating device (SOAR: Station Off Axis Rotator) for the module Columbus of the International Space Station in order to be able to perform trials similar to the ones already completed on board of Neurolab. The necessity to develop and validate control systems for the suppression of forces discharged on ground by structure, leads to design and build a scaled prototype of SOAR on which testing control strategies.
It has been used the Froude method which allows to reproduce the main dynamical characteristics of the true device to correctly design the scaled model. A rigorous scaled model of all the chair components isn’t necessary in the phase of control system developement, therefore it was decided to realize a simplified scaled model that was fully representative of the principal characteristic of SOAR, like: mass, centre of mass position and first mode frequency. Starting from this design it has been developed a multibody model of the prototype. Since it was necessary to reproduce the deformability of the structure, it was decided to model the basement and the rotating beam like flexible parts integrating FEM analysis of this components in the multibody model.
The flexible parts are scaled trying to respect the main bending frequencies of the structure, which are the most interesting for the development of the control law.
Operatively it has been designed an experimental device which respect, as much as possible, the design imposed by Froud scaling method, provided the availability on market of all the components. The scale factor called S was based on the total weight of the structure, in order to maintain a criterion to determinate the requirements for the restraining forces and the modal frequencies.
The multibody model results to be of fundamental interest for the validation of control law in microgravity field, since we can reproduce the condition of the ISS environment only by numerical simulation. This multibody model presents a detailed modelling of the motor and actuators groups. The actuators of control masses are modelled introducing the stepper motor characteristics and its behaviour. The motor group has been modelled reproducing the new design, and the electromechanical behaviour of brushless motor has been modelled using the transfer function between torque and supplied Voltage in relation with back EMF (Electro Motive Force) torque and viscous damping of motor.
Starting from this mutibody model it has been developed an active control law. The aim of the control system for SOAR is to attenuate the effect of the forces and moments generated by the rotating part of the device on the forces exchanged between SOAR and its rack.
The available actuators are the shifting masses located in the rotating frame of the device, while the available measurements consist of a subset of the aforementioned forces namely the one measured by the load cell. The vibratory forces which have to be attenuated are characterised by a spectrum which is entirely concentrated at the rotor angular frequency. For this reason, the preliminary design of the control algorithms for SOAR has been based on periodic disturbance attenuation techniques.
The multibody model of SOAR for the ISS resulting from this studies is an useful instrument on which making simulations. Simulations carried out on this multibody model, with two shifting masses, show that simultaneous attenuation of vertical and in plane forces cannot be achieved, however, satisfactory results in terms of attenuation of the vibratory loads have been achieved for each of the considered sub-problems. Preliminary simulation results, carried out on a modified multibody model of SOAR with three shifting masses, show that even better performance can be obtained at the cost of a slightly more complex control architecture.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione 1 Prefazione Nell’ambito di un progetto di ricerca nel campo neuro-sensoriale finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), è stato sviluppato dalla Carlo Gavazzi Space in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale (DIA) ed il Dipartimento di Elettronica e Informazione (DEI) del politecnico di Milano, il progetto di un dispositivo rotante che permetta di svolgere esperimenti sull’apparato neuro-vestibolare in ambiente di microgravità a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. L’apparato sperimentale è stato progettato per rispettare le limitazioni imposte all’interno del modulo Columbus, garantendo flessibilità d’utilizzo, rispetto degli ingombri statici e dinamici e ridotti disturbi all’ambiente di microgravità. Quest’ultimo requisito è risultato essere il più critico e pertanto si è deciso di sviluppare un modello in scala ridotta del dispositivo, sul quale sviluppare e validare un sistema di controllo attivo, per ridurre entro limiti accettabili i disturbi all’ambiente di microgravità. Il lavoro di tesi svolto, prendendo le mosse da studi precedenti, consiste nel progetto di una configurazione realizzabile del prototipo in scala. Definita la configurazione il lavoro si occupa della realizzazione di un modello multicorpo accurato del prototipo sul quale testare il controllo in ambiente di microgravità, dando particolare rilievo alla modellazione dinamica dei componenti che più influenzano la dinamica globale del prototipo. Infine si analizza il problema della realizzazione del sistema di controllo attivo per un sistema caratterizzato da una dinamica tempovariante periodica, introducendo una possibile soluzione ed analizzandone l’efficacia e la realizzabilità mediante i risultati delle simulazioni sul modello multicorpo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

controllo attivo delle vibrazioni
disturbi all'ambiente di microgravità
modellazione multicorpo
stazione spaziale internazionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi