Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo di gestione delle imprese: aspetti teorici ed applicativi

La crisi economica globale di questi ultimi anni ha fatto intravedere quella che può essere considerata soltanto la punta di un iceberg.
D’un tratto, aziende che fino a pochi mesi prima navigavano nell’oro, si sono trovate sull’orlo del fallimento. Ecco allora, che torna “di moda” il tema del controllo di gestione e dell’importanza di vigilare attentamente sull’operato delle aziende. Ma il controllo di gestione non può essere considerato un argomento di cui parlare saltuariamente, come se fosse uno strumento di management da utilizzare solo nei momenti di crisi; la sua rilevanza è tale da meritare più spazio all’interno dei sistemi organizzativi.
Le aziende, se vogliono innovarsi e rimanere competitive nel futuro, dovranno operare cambiamenti radicali all’interno del loro sistema organizzativo. Nell’attuale contesto competitivo, dominato dall’incertezza e da cambiamenti repentini, le imprese hanno bisogno di sapere per tempo se saranno in grado di raggiungere i risultati prefissati. Da qui deriva la necessità di dotarsi di strumenti in qualche modo predittivi che siano in grado di fornire un’indicazione tempestiva sia sulla corretta esecuzione della strategia che sulla validità delle assunzioni strategiche formulate.

Mostra/Nascondi contenuto.
VI INTRODUZIONE La crisi economica globale di questi ultimi anni ha fatto intravedere quella che può essere considerata soltanto la punta di un iceberg. D’un tratto, aziende che fino a pochi mesi prima navigavano nell’oro, si sono trovate sull’orlo del fallimento. Ecco allora, che torna “di moda” il tema del controllo di gestione e dell’importanza di vigilare attentamente sull’operato delle aziende. Ma il controllo di gestione non può essere considerato un argomento di cui parlare saltuariamente, come se fosse uno strumento di management da utilizzare solo nei momenti di crisi; la sua rilevanza è tale da meritare più spazio all’interno dei sistemi organizzativi. Le aziende, se vogliono innovarsi e rimanere competitive nel futuro, dovranno operare cambiamenti radicali all’interno del loro sistema organizzativo. Nell’attuale contesto competitivo, dominato dall’incertezza e da cambiamenti repentini, le imprese hanno bisogno di sapere per tempo se saranno in grado di raggiungere i risultati prefissati. Da qui deriva la necessità di dotarsi di strumenti in qualche modo predittivi che siano in grado di fornire un’indicazione tempestiva sia sulla corretta esecuzione della strategia che sulla validità delle assunzioni strategiche formulate. Le misure economico finanziarie a consuntivo, seppure fondamentali, risultano attualmente inadeguate a questo proposito. Per poter disporre di indicatori tempestivi è necessario servirsi dei driver della performance futura. Uno tra gli strumenti più efficaci allo scopo, risulta ad esempio proprio la Balanced Scorecard. Grazie alla balanced scorecard, si rende possibile per la direzione aziendale la creazione di un nuovo sistema di

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Massali Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10188 click dal 30/11/2005.

 

Consultata integralmente 50 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.