Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione dell'intermediazione finanziaria

L'evoluzione dell'intermediazione finanziaria viene trattata innanzitutto da un punto di vista teorico soffermandosi sulle raison d'être dell'intermediario, ossia considerando e confrontando i filoni teorici dei costi di transazione, dell'incertezza e delle asimmetrie informative.
L'evoluzione dell'intermediazione finanziaria è poi considerata anche da un punto di vista pratico, individuando e confrontando i soggetti che nel passato, nel presente e nel futuro hanno esercitato il ruolo di intermediario finanziario,ossia, rispettivamente: la banca; le SIM, i fondi pensione, i fondi comuni, ecc.; e l'home banking, il virtual banking, ecc.
Sulla base, infine, della metamorfosi che sta verificandosi nell'universo finanziario, sia da un punto di vista strutturale che funzionale, si prevedono i possibili ed ulteriori sviluppi futuri in questo settore: il chiosco multimediale, i servizi on line, la tv interattiva, ecc.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’intermediazione finanziaria è un’attività indispensabile per assicurare un corretto funzionamento dell’economia mondiale. In effetti, si tratta di un’attività di cui si è avvertita l’esigenza sin da quando fu introdotta la moneta, ma che si è sviluppata man mano che si perfezionava il sistema dei pagamenti, non solo a livello dei singoli paesi ma soprattutto a livello internazionale. Occuparsi dell’intermediazione finanziaria è cosa ardua, considerate le innumerevoli e concatenate variabili che la originano. Tuttavia, l’individuazione delle raisons d’être di questa attività è stata da sempre oggetto di studio di molti teorici e non solo. Restringendo la ricerca ad un tempo a noi non troppo lontano, si può affermare che gli studiosi sono d’accordo nel ritenere che l’esigenza dell’intermediazione finanziaria nasce da imperfezioni del mercato, ma non sono altrettanto d’accordo nell’individuare da quali di tali imperfezioni essa ha origine. In proposito, tre sono i diversi approcci intorno ai quali si sono sviluppate numerose teorie: quello dei costi di transazione, quello dell’incertezza e quello delle asimmetrie informative. I più recenti sviluppi teorici, però, sostengono che tali imperfezioni non sono più da ritenere basilari per l’esplicarsi dell’intermediazione finanziaria, in quanto alla base di tale attività è da porre un’altra esigenza, ossia la gestione del rischio. Quest’ultima, in realtà, è da sempre una caratteristica peculiare di qualsiasi attività o transazione finanziaria ma, in seguito al progresso tecnologico,

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maria Carbone Contatta »

Composta da 234 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3576 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.