Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le cooperative sociali e l'inserimento lavorativo delle persone svantaggiate

Non dite che siamo pochi
E che l’impegno è grande per noi.
Forse che due tre nubi
Sono poche in cielo d’estate?
Eppure in un attimo guizzano i lampi,
Si odono tuoni e piove su tutto.
Non dite che siamo pochi,
Dite solo che siamo.

(poeta anonimo coreano)

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione DALLE COOPERATIVE DI PRODUZIONE ALLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B) 1. Nozione ed origine della cooperazione in Europa Per poter correttamente cogliere e valutare la nascita e lo sviluppo dell’idea cooperativa in Europa, nonché il percorso che essa seguì, per trasferirsi dal piano teorico a quello operativo, si deve innanzitutto porre l’attenzione sul clima economico-sociale, che si respirava in Europa nei primi decenni del secolo XIX 1 . L’avvio dell'esperienza mutualistica, maturata in clima solidale, il suo proporsi non in senso corporativo, ma in termini moderni, la sua evoluzione storica, che ha sfociato nella creazione di quello che, oggi, viene definito terzo settore, non può, infatti, prescindere 1 Cfr. A. LEONARDI, Nascita, sviluppo e concretizzazione dell’idea cooperativa in Europa, in Rivista della cooperazione, 1998/3, p. 100

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michele Limosani Contatta »

Composta da 273 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15316 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.