Skip to content

Il sistema dei Siti Reali borbonici in Campania. Una proposta di marketing territoriale per la riqualificazione del cratere degli Astroni.

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Daino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Edile
  Relatore: - Fumo Marina Petroncelli Elvira
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

In Italia la prassi consolidata ed ancora oggi applicata nella maggior parte degli interventi di restauro e recupero degli edifici segue generalmente lo schema ciclico (e dunque “infinito”):
restauro->"museificazione"->degrado->intervento pubblico->restauro...
La nuova strada da percorrere prescinde dallo sporadico ed improduttivo intervento del pubblico e fa si che mettendo in gioco risorse ed interessi privati, il recupero sia inteso come un’operazione culturale e finanziaria, finalizzata alla gestione economica del bene stesso, anche in termini di sviluppo occupazionale ed imprenditoriale. La gestione è l’elemento critico della conservazione: solo una buona gestione è la garanzia per la conservazione, in quanto, oltre che innesco per il recupero, evita il degrado del bene (culturale, storico ed ambientale) nel tempo:
restauro->conservazione e valorizzazione->sviluppo attività economiche->salvaguardia del bene->capitale privato nel restauro->gestione del bene "risorsa".
Si tratta in sostanza di mettere a reddito la cultura, senza avere eccessivi timori al riguardo, lasciando inesorabilmente alle spalle anni di un elitario conservatorismo culturale e di contemporanea incuria, degrado ed abbandono; bisogna considerare l’ineguagliabile patrimonio artistico ed ambientale italiano come un valore che va sicuramente difeso, ma anche e soprattutto incrementato e valorizzato.

I Siti Reali borbonici sono il frutto di una politica attenta e lungimirante, che perseguiva molteplici obiettivi; il più rilevante dal punto di vista socio-economico, era la realizzazione di centri di sviluppo estesi a tutto il Regno di Napoli.
Essi hanno delle caratteristiche fondamentali tali da renderli un ideale campo per le nostre sperimentazioni in quanto rappresentano un patrimonio culturale ed ambientale di notevole pregio diffuso capillarmente su buona parte del territorio campano, ma spesso male utilizzato se non abbandonato; la particolare bellezza e la notevole estensione di alcuni di essi mette in risalto il contrasto tra le opportunità offerte e l’attuale infruttuosità.
Alla luce di ciò, nostro obiettivo, oltre che la individuazione di tali Siti, dei quali oggi rimane testimonianza, è quello di assegnare loro una nuova vitalità, restituendo la passata funzione di motori per lo sviluppo del territorio.

Il laboratorio sperimentale di laurea, basandosi su tali principi, ha elaborato un modello di sviluppo territoriale tale da creare i presupposti economici, sociali e culturali, affinché si abbia l’effettivo recupero dei Siti Reali Borbonici, e dei beni culturali in genere; la sostenibilità del processo di sviluppo, attraverso inziative imprenditoriali di tipo turistico legate principalmente alla valorizzazione delle risorse ambientali e culturali, rende possibile l’applicabilità del modello.
RECUPERO <-> PRODOTTO TURISTICO
Si è quindi elaborato un primo modello di sviluppo territoriale a livello regionale che possa rilanciare il Sistema dei Siti Reali borbonici, coordinare tra loro i vari prodotti turistici ad essi legati ed innescare il processo di sviluppo con la formazione di progetti pilota. Successivamente, si è studiato un modello di formazione del prodotto turistico in un ambito territoriale locale. A tale riguardo si dimostra l’importanza del coinvolgimento e della presa di coscienza delle risorse del territorio da parte della popolazione locale, intesa come associazioni ed abitanti, per la creazione e il successo del prodotto turistico, raggiungibile attraverso l’attivazione e la diffusione sul territorio di centri culturali e di educazione ambientale. L’applicazione del modello per la creazione di un prodotto nei Campi Flegrei, anche come progetto pilota, permette di affermare la validità dello stesso.
Il laboratorio sperimentale di laurea ha trattato, in tale ottica, il Sito Reale del Cratere degli Astroni.
La sua originaria destinazione a riserva di caccia, zona praticamente (o meglio evidentemente) non antropizzata, unitamente all’attuale condizione di Riserva Naturale (Oasi), individua comuni e vari denominatori, alla cui base si pone il progetto di “recupero e riqualificazione” dei manufatti edilizi in essi esistenti. La naturale destinazione sotto tutti questi punti di vista, è pertanto quella di centro di educazione ambientale.
La molteplicità degli aspetti trattati ha comportato la suddivisione del lavoro in quattro parti distinte tra loro comunque connesse.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI “FEDERICO II” FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE LABORATORIO SPERIMENTALE DI LAUREA IL SISTEMA DEI SITI REALI BORBONICI IN CAMPANIA. UNA PROPOSTA DI MARKETING TERRITORIALE PER LA RIQUALIFICAZIONE DEL CRATERE DEGLI ASTRONI. RELATORI: CH.MA PROF. ARCH. MARINA FUMO CH.MA PROF. ARCH. ELVIRA PETRONCELLI CORRELATORE: ARCH. VINCENZO RUSSO CANDIDATO: ALESSANDRO DAINO MATR. 40/1323 ANNO ACCADEMICO 2001-2002

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

astroni
borbone
campi flegrei
cratere
marketing territoriale
oasi wwf
pianificazione territoriale
recupero
siti reali
swot

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi