Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro della donna tra part-time e attività domestica

In questo lavoro di tesi ho voluto presentare una questione che mi sta molto a cuore: la doppia presenza della donna nella società moderna e il part-time come una delle possibili ''soluzioni'' a questo problema.Proprio in questi giorni sta tornando in primo piano il tema della presenza-assenza della donna,basti pensare alla recentissima legge sui congedi parentali e alla originale iniziativa del corriere lavoro in collaborazione con il Ministero delle Pari Opportunità:''la festa della mamma (e del papà) che lavora'', prevista per il prossimo cinque maggio. Spero che questa occasione, che seguirò con interesse profondo, possa dare l'opportunità a chi fosse interessato di leggere la mia tesi, giuridica e sociologica nello stesso tempo.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA Il ruolo della donna nella società moderna ha subìto profonde trasfor- mazioni nel corso degli ultimi decenni, arrivando ad una fase, quella at- tuale, in cui è ormai possibile riuscire a conciliare gli impegni richiesti dalla sfera lavorativa e da quella familiare. Per quanto riguarda la collocazione femminile all’interno della prima delle due sfere, si può sicuramente dire che sia andata continuamente modificandosi a seconda della cultura predominante nelle varie fasi da un lato, e delle politiche sociali attive dall’altro. Negli anni sessanta la forza lavoro femminile veniva considerata e utilizzata come manodopera di riserva, cioè veniva assunta nel momento in cui la domanda di lavoro eccedeva l’offerta di lavoratori maschi. Tale interpretazione si era svi- luppata in conseguenza del diminuito tasso di attività, che aveva interes- sato in modo preoccupante i giovani, le donne e gli anziani a partire dalla fine degli anni sessanta fino ai primi anni settanta; le donne in quegli an- ni avevano ancora grosse difficoltà di inserimento nel mercato del lavo- ro, e in particolare nel settore terziario per la costante presenza della componente maschile. Venne quindi delineandosi un modello di donna ancora confinata nella sfera riproduttiva e domestica, rispetto all’uomo che, al contrario ricopriva un ruolo centrale perché titolare di un reddito quasi esclusivo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Barbara Cosimato Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8795 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.