Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Marina italiana e ULTRA: la lotta per la supremazia nel Mediterraneo

la tesi riguarda il ruolo che ha avuto nella guerra del Mediterraneo (seconda guerra mondiale) la macchina ULTRA creata dal servizio segreto inglese per decifrare i messaggi crittati da ENIGMA, macchina usata dalle forze delll'Asse, mettendo in luce che le accuse di tradimento rivolte alle forze armate italiane fossero quasi sel tutto prive di fondamento. La prima parte della tesi parla dello stato reale delle forze armate italiane alla vigilia della seconda guerra mondiale, in particolare della Marina.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Credete a me: esaminando i risultati delle campagne militari si constata che né il coraggio della fanteria né quello della cavalleria o dell’artiglieria hanno de- ciso le sorti di tante battaglie quanto l’ arma male- detta e invisibile delle spie. Napoleone I Bonaparte al Maresciallo Soult. La storia dello spionaggio è antica come la storia del mondo. La letteratura ha spesso presentato come un eroe l’agente oscuro e silenzioso che, in nome di un superiore ideale, rinuncia a tutto, persino alla propria identità. Contestualmente, ha mostrato l’antitesi: il traditore, il doppiogiochista che, per mero tornaconto personale, calpesta principi e sentimenti. Si tratta di due posizioni estreme, quasi due categorie filosofiche, tanto letterarie quanto reali. La storia è piena di questi esempi e lo spionaggio ne è un po’ il romanzo, il racconto degli intrighi, delle manovre, delle sconfitte e delle vittorie che non sono segnati nei trattati e nelle mappe, ma che sovente restano nel buio e nel silenzio degli archivi. Al di là della leggenda c’è la dura realtà di una lotta crudele ed inesorabile che vede coinvolti uomini di ogni genere: patrioti ed avventurieri, persone che si battono per la nobiltà di una causa, per denaro o per gioco. Nella considerazione degli Stati Maggiori, l’informazione è una delle armi più potenti e più insidiose, i cui agenti sono figure che appartengono ad ogni classe e categoria morale: soldati senza divisa che offrono la vita al loro Paese, individui nei quali l’intelligenza, la spregiudicatezza, l’ambiguità si accompagnano naturalmente e che sono costantemente seguiti dall’ombra della morte.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Elisabetta Cortellessa Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1878 click dal 09/01/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.