Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Basilicata e il petrolio. Interessi locali e interessi industriali.

Studio che descrive la storia del Petrolio in Basilicata dal 1902 ai giorni nostri. Sono state affrontate le vicende economiche e sociali del giacimento petrolifero più grande d'Europa. Elevate sono le sue potenzialità di produzione ma scarsi i benefici e le ricadute prodotte nel territorio tanto da essere paragonato ad uno "sviluppo distorto". La tesi è stata segnalata al concorso "Tesi di Laurea" della Regione Basilicata

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 GLI INTERESSI AMERICANI AL PETROLIO ITALIANO E PRIME RICERCHE La Commissione Centrale economica del Comitato di Liberazione Nazionale per l’Alta Italia, presieduta da Cesare Merzagora, conferisce a Enrico Mattei, il 28 aprile del 1945, “le funzioni ed i poteri” che permetteranno, al Temerario, di dare inizio a nuovi ordini della politica petrolifera internazionale. La nomina di Mattei fu all’epoca soggetta ad una serie di congetture. Si riteneva che Mattei, proprio perché presumeva un potenziale petrolifero italiano della Valle Padana, si fosse prodigato per ottenere quell’incarico. Tale ipotesi si reggeva nel fatto che Mattei, durante la lotta partigiana, si era fatto consegnare da Cazzaniga, responsabile petrolifero del Comitato di Liberazione Nazionale per l’Alta Italia in quel periodo, un documento relativo alla dislocazione degli impianti petroliferi istallati nell’Italia settentrionale. Secondo Cazzaniga il documento sarebbe stato utilizzato per fini logistici da Mattei e dalle forze partigiane ma era privo d’informazioni di ricerche petrolifere. 75 Altre considerazioni ritenevano che la nomina a commissario fosse di scarsa consistenza rispetto al comando di formazioni cattoliche partigiane che lui aveva occupato e pertanto s’ipotizza che l’accettazione fu in vista delle potenzialità petrolifere future. E’ importante ricordare, inoltre, che all’origine della nomina vi fu un equivoco. Mattei 75 Perrone N., Obbiettivo Mattei, Roma, Gamberetti Editrice, 1995, p. 29.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Pasquale Stigliani Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5849 click dal 17/01/2006.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.