Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il pensiero estetico-musicale di Alfredo Casella fra tradizione e modernità

Il lavoro si propone di ricostruire le linee portanti del pensiero estetico-musicale di Alfredo Casella - figura di spicco nel panorama musicale italiano della prima metà del Novecento - in base allo studio dei suoi numerosi scritti, sia pubblicati (opere in volume, articoli destinati a riviste di vario tipo sia italiane che estere, testi di lezioni, conferenze) che inediti (dattiloscritti, autografi). La poetica del musicista viene analizzata non solo per quanto concerne la sua opera strettamente creativo-compositiva, ma anche riguardo alla sua posizione storico-critica, intimamente connessa al ruolo di cui Casella si investe di guida "spirituale" e di portavoce della "nuova musica italiana". Il lavoro si articola dunque fondamentalmente in tre ambiti d'indagine, nei quali viene trattata la posizione del musicista nei confronti della situazione europea, della nuova musica italiana, e degli altri linguaggi artistici, sia nella loro interazione con la sfera musicale (come nel caso del teatro), sia nel confronto fra le estetiche (in particolare, in rapporto alla pittura).

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Nel corso dei miei studi universitari sono sempre stata fortemente attratta dagli eventi svoltisi nella prima met� del Novecento, da un punto di vista sia storico-culturale sia, soprattutto, artistico. Tra gli innumerevoli motivi di interesse, vi � il fatto che questi decenni sono caratterizzati da un ricco intreccio di scambi, collaborazioni ed amicizie fra artisti che operavano in campi differenti; in alcuni casi, questa interdisciplinariet� si � manifestata in maniera singolare in alcune figure particolarmente versatili, come ad esempio � restando entro i confini nazionali � quella di Alberto Savinio. Ci� premesso non deve quindi apparire casuale che mi sia accostata alla figura di Alfredo Casella � che gi� conoscevo, grazie anche ai miei studi pianistici � in maniera �indiretta�, incuriosita proprio dalla forte affinit� di pensiero che accomunava il compositore ad ambiti non solamente musicali; di qui ha avuto inizio un lavoro di approfondimento che, concentrandosi sulla lettura di alcuni scritti, � sfociato nella decisione di fare del pensiero estetico- musicale caselliano l�oggetto della mia tesi. Peraltro, questo lavoro si propone di analizzare la poetica di Casella non solo per quanto concerne la sua opera strettamente creativo-compositiva, ma anche riguardo alla sua posizione storico-critica, intimamente connessa al ruolo di cui il musicista si investe � facendo di ci� il fulcro della propria attivit� � di guida �spirituale� e portavoce della �nuova musica italiana�. Dall�urgenza di contribuire al rinnovamento culturale italiano � chiuso in un provincialismo che ne esclude la partecipazione ai pi� recenti ed interessanti movimenti d�oltralpe � necessit� che, sul piano musicale, si

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giordana Campanella Contatta »

Composta da 188 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3190 click dal 18/01/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.