Skip to content

IL Bilancio Intangibile. Un nuovo strumento per valorizzare l'azienda: i casi O.M.L.AT. e A.N.P.AS.

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Lupatelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Fulvio Pellegrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

Oggi i tradizionali modelli di valutazione (Bilancio d’esercizio) non sono più sufficienti per determinare il grado di vitalità di un’organizzazione e del suo futuro, anzi risultano spesso inadeguati per descrivere il patrimonio di conoscenze, competenze, reputazione, relazioni e immagine, che un’azienda ha sviluppato nel corso degli anni e fuorvianti perché rivolti principalmente al passato.
Che fare allora? Come poter quantificare qualcosa definito “intangibile”? Cosa fare per valorizzare la propria azienda ed ottenere un vantaggio competitivo duraturo? Come vincere la sfida del secolo? Per cercare di rispondere a queste domande nasce l’esigenza di analizzare il Bilancio dell’Intangibile, che cerca di replicare a tale nuova necessità di censire, misurare e valutare questo patrimonio, che oggi, nell’era della conoscenza, costituisce larga parte degli asset aziendali.
Nel primo capitolo, si cercherà di rintracciare una “sorta” di evoluzione dell’impresa a seguito dei profondi cambiamenti dell’economia.
Il secondo capitolo è dedicato allo studio degli asset intangibili, si indagherà sulla loro struttura economica, individuando i benefici e i costi; verrà sottolineata la netta distinzione tra il trattamento contabile degli investimenti fisici e il trattamento contabile degli investimenti immateriali.
Il terzo capitolo sarà incentrato sul Capitale Intellettuale, partendo dalla definizione fondamentale di Edvisson e Malone che lo inquadra come “(…) l’insieme delle conoscenze e delle relazioni che possono essere trasformate in valore”. Attraverso il concetto di Capitale Intellettuale, proveremo a spiegare in modo più compiuto il fenomeno degli intangibili e il loro contributo alla creazione del valore aziendale.
Il quarto e ultimo capitolo è quello dell’analisi metodologica e della ricerca vera e propria. Saranno presentati due casi italiani di applicazione del bilancio dell’intangibile (O.M.L.AT. e A.N.P.AS.), due aziende che per motivi diversi hanno deciso di dedicarsi alla stesura di tale bilancio
Inserito in questa nuova realtà, Il Bilancio dell’Intangibile si pone da un lato come documento di accompagnamento ai tradizionali bilanci d’esercizio, che riesce a dare piena espressione a tutte le componenti ‘soft’ dell’impresa che, proprio per le loro caratteristiche, sono specifiche di ogni realtà aziendale; dall’altro come “strumento di oggettività” capace di realizzare una fotografia attendibile, in cui tutti i dati, le informazioni, le risultanti del cambiamento possano essere riportati, e permettano una verifica immediata della posizione dell’azienda sulla curva della vitalità.
Così concepito consente di:
1) disporre di uno strumento che costituisce un potente mezzo di comunicazione all’interno e all’esterno dell’impresa;
2) definire una serie di indicatori chiave da monitorare periodicamente per valutare il raggiungimento degli obiettivi strategici aziendali;
3) misurare lo stato di vitalità dell’organizzazione, premessa per il raggiungimento dei risultati economico-finanziari futuri;
4) definire sistemi di valutazione delle prestazioni manageriali circa il mantenimento della vitalità aziendale, ‘conditio sine qua non’ per garantirne la longevità;
5) raccogliere e correlare in un contesto unitario ed integrato dati ed informazioni altrimenti non disponibili, capaci di creare valore per l'impresa.
6) aumentare la motivazione del personale. Le persone che operano nell'azienda, in seguito all'attivazione dei progetti di valutazione del capitale intangibile, si sentono realmente coinvolte e protagoniste della creazione del valore dell'organizzazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Quanto vale un’azienda? A questa domanda siamo abituati a rispondere analizzando i bilanci contabili e con l’ausilio dei tradizionali parametri di performance economici-finanziari dell’organizzazione. Oggi la complessità e la turbolenza dei mercati impongono alle imprese di innestare una marcia in più per vincere la sfida con i concorrenti. E’ quindi necessario valorizzare la conoscenza e le capacità intellettuali delle persone e dell’organizzazione nel suo complesso, che costituiscono un elemento intangibile. I tradizionali modelli di valutazione, così, non sono più sufficienti per determinare il grado di vitalità di un’organizzazione e del suo futuro, anzi risultano spesso inadeguati per descrivere il patrimonio di conoscenze, competenze, reputazione, relazioni, immagine, che un’azienda ha sviluppato nel corso degli anni e fuorvianti perché rivolti principalmente al passato. Questo perché si basano su una metodologia di oltre 500 anni, inventata da Luca Pacioli, religioso e matematico italiano del 1445, per aiutare i mercanti italiani nello scambio di merci fisiche: la partita doppia. La sempre crescente complessità economica e sociale richiede, invece, nuovi e più completi strumenti di valutazione e di gestione di un’azienda. Che fare allora? Come poter quantificare qualcosa definito “intangibile”? Cosa fare per valorizzare la propria azienda ed ottenere un vantaggio competitivo duraturo? Come vincere la sfida del secolo? Per cercare di rispondere a queste domande nasce l’esigenza di analizzare il bilancio del Capitale Intellettuale, che cerca di replicare a tale nuova necessità di censire, misurare e valutare questo patrimonio intangibile, che oggi, nell’era della conoscenza, costituisce larga parte degli asset aziendali. Nel primo capitolo, si cercherà di rintracciare una “sorta” di evoluzione dell’impresa a seguito dei profondi cambiamenti dell’economia. Partendo dall’impresa meccanica, caratterizzata dalla superiorità della variabile burocratica che restringeva la libertà d’azione dell’individuo, verrà poi analizzata l’impresa come istituzione, che risulterà essere più proiettata nel “sociale”, il cui compito è quello di creare valore in senso

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

asset intangibili
bilancio d'esercizio
bilancio intangibile
capitale intellettuale
capitale relazionale
capitale strutturale
capitale umano
creazione di valore e vantaggio competitivo
ias 38
ricerca e sviluppo, brand
risorse intangibili e tangibili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi