Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

IL Bilancio Intangibile. Un nuovo strumento per valorizzare l'azienda: i casi O.M.L.AT. e A.N.P.AS.

Oggi i tradizionali modelli di valutazione (Bilancio d’esercizio) non sono più sufficienti per determinare il grado di vitalità di un’organizzazione e del suo futuro, anzi risultano spesso inadeguati per descrivere il patrimonio di conoscenze, competenze, reputazione, relazioni e immagine, che un’azienda ha sviluppato nel corso degli anni e fuorvianti perché rivolti principalmente al passato.
Che fare allora? Come poter quantificare qualcosa definito “intangibile”? Cosa fare per valorizzare la propria azienda ed ottenere un vantaggio competitivo duraturo? Come vincere la sfida del secolo? Per cercare di rispondere a queste domande nasce l’esigenza di analizzare il Bilancio dell’Intangibile, che cerca di replicare a tale nuova necessità di censire, misurare e valutare questo patrimonio, che oggi, nell’era della conoscenza, costituisce larga parte degli asset aziendali.
Nel primo capitolo, si cercherà di rintracciare una “sorta” di evoluzione dell’impresa a seguito dei profondi cambiamenti dell’economia.
Il secondo capitolo è dedicato allo studio degli asset intangibili, si indagherà sulla loro struttura economica, individuando i benefici e i costi; verrà sottolineata la netta distinzione tra il trattamento contabile degli investimenti fisici e il trattamento contabile degli investimenti immateriali.
Il terzo capitolo sarà incentrato sul Capitale Intellettuale, partendo dalla definizione fondamentale di Edvisson e Malone che lo inquadra come “(…) l’insieme delle conoscenze e delle relazioni che possono essere trasformate in valore”. Attraverso il concetto di Capitale Intellettuale, proveremo a spiegare in modo più compiuto il fenomeno degli intangibili e il loro contributo alla creazione del valore aziendale.
Il quarto e ultimo capitolo è quello dell’analisi metodologica e della ricerca vera e propria. Saranno presentati due casi italiani di applicazione del bilancio dell’intangibile (O.M.L.AT. e A.N.P.AS.), due aziende che per motivi diversi hanno deciso di dedicarsi alla stesura di tale bilancio
Inserito in questa nuova realtà, Il Bilancio dell’Intangibile si pone da un lato come documento di accompagnamento ai tradizionali bilanci d’esercizio, che riesce a dare piena espressione a tutte le componenti ‘soft’ dell’impresa che, proprio per le loro caratteristiche, sono specifiche di ogni realtà aziendale; dall’altro come “strumento di oggettività” capace di realizzare una fotografia attendibile, in cui tutti i dati, le informazioni, le risultanti del cambiamento possano essere riportati, e permettano una verifica immediata della posizione dell’azienda sulla curva della vitalità.
Così concepito consente di:
1) disporre di uno strumento che costituisce un potente mezzo di comunicazione all’interno e all’esterno dell’impresa;
2) definire una serie di indicatori chiave da monitorare periodicamente per valutare il raggiungimento degli obiettivi strategici aziendali;
3) misurare lo stato di vitalità dell’organizzazione, premessa per il raggiungimento dei risultati economico-finanziari futuri;
4) definire sistemi di valutazione delle prestazioni manageriali circa il mantenimento della vitalità aziendale, ‘conditio sine qua non’ per garantirne la longevità;
5) raccogliere e correlare in un contesto unitario ed integrato dati ed informazioni altrimenti non disponibili, capaci di creare valore per l'impresa.
6) aumentare la motivazione del personale. Le persone che operano nell'azienda, in seguito all'attivazione dei progetti di valutazione del capitale intangibile, si sentono realmente coinvolte e protagoniste della creazione del valore dell'organizzazione

Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Quanto vale un’azienda? A questa domanda siamo abituati a rispondere analizzando i bilanci contabili e con l’ausilio dei tradizionali parametri di performance economici-finanziari dell’organizzazione. Oggi la complessità e la turbolenza dei mercati impongono alle imprese di innestare una marcia in più per vincere la sfida con i concorrenti. E’ quindi necessario valorizzare la conoscenza e le capacità intellettuali delle persone e dell’organizzazione nel suo complesso, che costituiscono un elemento intangibile. I tradizionali modelli di valutazione, così, non sono più sufficienti per determinare il grado di vitalità di un’organizzazione e del suo futuro, anzi risultano spesso inadeguati per descrivere il patrimonio di conoscenze, competenze, reputazione, relazioni, immagine, che un’azienda ha sviluppato nel corso degli anni e fuorvianti perché rivolti principalmente al passato. Questo perché si basano su una metodologia di oltre 500 anni, inventata da Luca Pacioli, religioso e matematico italiano del 1445, per aiutare i mercanti italiani nello scambio di merci fisiche: la partita doppia. La sempre crescente complessità economica e sociale richiede, invece, nuovi e più completi strumenti di valutazione e di gestione di un’azienda. Che fare allora? Come poter quantificare qualcosa definito “intangibile”? Cosa fare per valorizzare la propria azienda ed ottenere un vantaggio competitivo duraturo? Come vincere la sfida del secolo? Per cercare di rispondere a queste domande nasce l’esigenza di analizzare il bilancio del Capitale Intellettuale, che cerca di replicare a tale nuova necessità di censire, misurare e valutare questo patrimonio intangibile, che oggi, nell’era della conoscenza, costituisce larga parte degli asset aziendali. Nel primo capitolo, si cercherà di rintracciare una “sorta” di evoluzione dell’impresa a seguito dei profondi cambiamenti dell’economia. Partendo dall’impresa meccanica, caratterizzata dalla superiorità della variabile burocratica che restringeva la libertà d’azione dell’individuo, verrà poi analizzata l’impresa come istituzione, che risulterà essere più proiettata nel “sociale”, il cui compito è quello di creare valore in senso

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Alessio Lupatelli Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4552 click dal 13/01/2006.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.