Skip to content

Apparati decorativi inediti in Palazzo Barberini (1774-1859)

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Guerriero
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Lettere
  Relatore: Marisa Dalai Emiliani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 250

La mia ricerca mette in luce le figure di tre artisti, Balboni, Ciuli e Quadrini, finora ignoti alla critica, che prestarono la loro opera al servizio della famiglia Barberini a Roma, nella decorazione di alcuni ambienti privati e di rappresentanza del loro palazzo alle Quattro Fontane. Con particolare attenzione viene trattata l'attività di committenza della principessa Cornelia Costanza Barberini nell'ultimo quarto del XVIII secolo e il nascente gusto neoclassico nella Roma di allora nella decorazione di graziosi appartamenti privati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 II.3 Gli appartamenti decorati per Cornelia Costanza Barberini (1763-1776) e il ruolo di Felice Balboni II.3.1 L’intervento di Felice Balboni nell’Appartamento del Giardino (1774-1776) Nel precedente capitolo, elencando i nomi degli artisti impegnati ad abbellire l’Appartamento della Divina Sapienza in occasione del matrimonio di Carlo Maria Barberini, si è citato il pittore Felice Balboni; dalla lunga lista di pagamenti da lui ricevuti in quell’occasione si deduce che la sua opera doveva essere molto apprezzata dalla famiglia e soprattutto dalla principessa Cornelia Costanza, che risulta essere, fino al 1770, la committente principale dei suoi lavori 1 . Di questo pittore non riportano notizie biografiche né il repertorio degli artisti a cura di U. Thieme e F. Becker 2 , né il Dizionario Biografico degli Italiani 3 ; solo consultando la versione su CD-rom del Thieme- Becker 4 , molto più aggiornata del testo a stampa, sotto la voce Felice Balboni ho individuato le due date entro le quali è nota l’attività dell’artista: 1763-1778. Esse corrispondono esattamente al periodo in cui egli lavorò per la famiglia Barberini e sono state desunte con tutta probabilità dagli stessi documenti d’archivio della famiglia da me consultati nel corso di questa ricerca 5 . Il silenzio sui dati biografici del pittore si estende anche alle Vite di Niccolò Pio 6 e all’opera dell’abate Luigi Lanzi 7 , come a pubblicazioni che, più o meno direttamente, ho creduto potessero contenere dati e notizie riferibili a questo artista, mentre mi hanno fornito soltanto le coordinate per ricostruire il contesto culturale in cui è vissuto: si tratta di cataloghi di mostre che hanno avuto come oggetto la pittura italiana del Settecento, 1 Cornelia, come si leggerà nel paragrafo seguente, aveva ordinato nuove decorazioni per il proprio appartamento al secondo piano, dove si suppone che Balboni avesse eseguito gli affreschi delle volte dei principali ambienti di rappresentanza nel settimo decennio del Settecento. 2 U. Thieme, F. Becker, Allgemeines Künstler Lexicon, Leipzig, K. G. Saur, 1907- . 3 Dizionario Biografico degli Italiani, Roma, Società Grafica Romana, 1960-. 4 La consultazione di questo CD-rom è disponibile in rete ed è fornita dall’Università di Firenze: l’accesso è consentito solo agli utenti di biblioteche connesse, attraverso la rete SBN, con la sede fiorentina. Il sito di tale università è www.unifi.it. 5 Docc. XXXVIII, XXXIX, XLI, XLII. 6 N. Pio, Vite de’ Pittori, Scultori ed Architetti…scritte e raccolte da N. P. dilettante Romano…, Roma, 1714; ed. cons., a cura di C. e R. Engass, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1977. 7 L. Lanzi, Storia pittorica dell’Italia inferiore ossia delle scuole fiorentina, senese, romana, napoletana, compendiata e ridotta a metodo per agevolare ai dilettanti la cognizione de’professori e de’ loro stili, Firenze, A.G. Pagani, 1792, ed. cons., a cura di M. Capucci, 3 voll., Firenze, Sansoni, 1968-74.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cornelia costanza barberini
ettore ciuli
felice balboni
gabinetti neoclassici
grottesche
paesaggio
palazzo barberini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi