Skip to content

La macchina della censura: controllo delle stampe e circolazione delle idee nel Granducato di Toscana dal 1814 al 1847

Informazioni tesi

  Autore: Domenico Maria Bruni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia
  Relatore: Zeffiro Ciuffoletti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 166

Nella brillante relazione presentata al XXXII Congresso di Storia del Risorgimento e dedicata alla circolazione delle idee, Franco Venturi affermava che, se si voleva affrontare lo studio del Risorgimento dal punto di vista «di storia delle idee, di circolazione degli ideali politici e sociali, di formazione delle mentalità e delle opinioni pubbliche», occorreva osservare «non solo la storia del sorgere e dell’affermarsi dell’unità italiana, nel quadro dell’Europa ottocentesca,…ma la storia di tutte quelle idee che variamente ostacolarono, colorarono o si legarono al sorgere dello stato unitario: conservazione, riforma, costituzione, libertà, democrazia» . Il discorso di Venturi, dunque, si inseriva programmaticamente all’interno del classico filone di studi di storia della cultura e, anche se con acume e finezza propria dei grandi storici, il suo svolgimento era portato avanti in maniera tradizionale.
Tuttavia, per capire come le idee di libertà, costituzione, democrazia siano potute realmente diventare produttrici di concrete azioni storiche, o almeno loro ispiratrici, è necessario uscire da questa impostazione: non basta cogliere i rapporti di filiazione più o meno diretta fra le singole idee; occorre vedere in che modo esse siano filtrate verso il basso e come siano state recepite dai diversi strati sociali. In questo senso, di notevole interesse risultano le ricerche di Alberto Banti . Egli, però, conducendo un’analisi puramente interna ai testi, si limita ad indagare attraverso quali circuiti semiotici viene delineata in essi una determinata idea di nazione. Banti, cioè, rimane ancorato ad una visione, nella quale le idee calano immutate dall’alto verso il basso: per lui il problema da risolvere è quello dell’individuazione dei paradigmi discorsivi, attraverso i quali le idee vengono espresse e trasmesse.
In realtà, nel momento stesso in cui vengono comunicate, nel momento stesso in cui circolano, le idee interagiscono con la realtà concreta e, dunque, si modificano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA Nella brillante relazione presentata al XXXII Congresso di Storia del Risorgimento e dedicata alla circolazione delle idee, Franco Venturi affermava che, se si voleva affrontare lo studio del Risorgimento dal punto di vista «di storia delle idee, di circolazione degli ideali politici e sociali, di formazione delle mentalità e delle opinioni pubbliche», occorreva osservare «non solo la storia del sorgere e dell’affermarsi dell’unità italiana, nel quadro dell’Europa ottocentesca,…ma la storia di tutte quelle idee che variamente ostacolarono, colorarono o si legarono al sorgere dello stato unitario: conservazione, riforma, costituzione, libertà, democrazia» 1 . Il discorso di Venturi, dunque, si inseriva programmaticamente all’interno del classico filone di studi di storia della cultura e, anche se con acume e finezza propria dei grandi storici, il suo svolgimento era portato avanti in maniera tradizionale. Tuttavia, per capire come le idee di libertà, costituzione, democrazia siano potute realmente diventare produttrici di concrete azioni storiche, o almeno loro ispiratrici, è necessario uscire da questa impostazione: non basta cogliere i rapporti di filiazione più o meno diretta fra le singole idee; occorre vedere in che modo esse siano filtrate verso il basso e come siano state recepite dai diversi strati sociali. In questo senso, di notevole interesse risultano le ricerche di Alberto Banti 2 . Egli, però, conducendo un’analisi puramente interna ai testi, si limita ad indagare attraverso quali circuiti semiotici viene delineata in essi una determinata idea di nazione. Banti, cioè, rimane ancorato ad una visione, nella quale le idee calano immutate dall’alto verso il basso: per lui il problema da risolvere è quello dell’individuazione dei paradigmi discorsivi, attraverso i quali le idee vengono espresse e trasmesse. In realtà, nel momento stesso in cui vengono comunicate, nel momento stesso in cui circolano, le idee interagiscono con la realtà concreta e, dunque, si modificano. Inoltre, non è detto che esse debbano necessariamente calare dall’alto verso il basso: come ricorda Robert Darnton, infatti, 1 F. VENTURI, La circolazione delle idee, in «Rassegna Storica del Risorgimento», a. XLI (1954), fasc. II-III, p. 203.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi