Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Confronto sulle rappresentazioni sociali dell'uso e dell'abuso di sostanze alcoliche in Italia e Finlandia

Partendo dalla cornice teorica delle rappresentazioni sociali e statta fatta una ricerca qualitativa e quantitative riguardo l'uso e l'abuso delle tre sostanze alcoliche (vino, birra, superalcolici) in gruppi di giovani e adulti in due contesti culturali molto differenti: quello nordico (Finlandia) e quello mediterraneo (Italia).

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Essendo le bevande alcoliche fortemente assimiliate e diffuse nelle varie culture mondiali, risulta necessario, per uno studio sulle rappresentazioni sociali a riguardo, tenere conto della proposta di von Cranach che include anche le conoscenze familiari nel campo di lavoro delle rappresentazioni sociali essendo “familiare e non familiare non considerabili come polarmente opposti ma come punti finali di serie graduate; il reale, la conoscenza esistente, consiste di schemi multidimensionali o strutture complesse, nelle quali differenti qualità sono mescolate a espressioni già esistenti. Il familiare va a braccetto con il non familiare. Ogni processo non si muove naturalmente solo dal non familiare al familiare; anche il familiare delle volte può diventare improvvisamente estraneo.” (von Cranach, 1998, p.38) . Partendo dalle ricerche statistiche condotte sui consumi di vino, birra e superalcolici nei paesi europei e dalle ricerche sociali che ne hanno delineato dei modelli ideal-tipici legati agli usi e alle tradizioni, il presente lavoro vuole tracciare un quadro sulle rappresentazioni sociali che le tre bevande alcoliche richiamano nei due modelli ideal-tipici europei: quello mediterraneo (rappresentato in questa ricerca dall’Italia) e quello nordico-anglosassone (rappresentato dalla Finlandia). Per giungere a questo scopo è stato necessario lavorare su due aspetti, quello dell’uso moderato e quello dell’abuso di alcol. Tale analisi è stata eseguita sia qualitativamente che quantitativamente, tenendo conto della variabile “Nazionalità” (finlandesi e italiani) ed “Età” (giovani e adulti). Si è partiti infatti dall’ aspettativa, avvalorata dagli studi statistici sui consumi, che nei giovani di ogni cultura stiano cambiando le modalità d’uso e di abuso di alcol.

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Davide Rossi Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1621 click dal 26/01/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.