Skip to content

L' Italia è una repubblica fondata sugli ascolti. Quale futuro per l’Auditel tra prodotto televisivo e raccolta pubblicitaria nell’era del digitale.

Informazioni tesi

  Autore: Massimiliano Celoro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Casimiro Lieto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

Una bilancia per pesare la tv,per pesare la quantità di teste raggiunte dalla pubblicità e stabilire così i prezzi da far pagare a chi compra gli spazi pubblicitari:questa è l’essenza di Auditel.Quando nel 1984 si costituì l'Auditel, con lo scopo dichiarato di porre fine a una situazione confusionaria nell'ambito delle rilevazioni degli ascolti televisivi, non si poteva prevedere la crescita esponenziale del suo potere.L'efficacia di questa misura, riconosciuta utile sia agli inserzionisti pubblicitari che alle emittenti, si è presto rivelata lo strumento più certo per mutare le quantità di ascolto in qualità. Da termometro, l'Auditel in pochissimo tempo è divenuto la febbre delle tv influenzandone il linguaggio, determinandone i palinsesti, definendone i contenuti.
L'Auditel, che voleva “solo” quantificare gli ascolti, è divenuto invece subito il modo per sancire con l'attendibilità della quantità, la qualità dei programmi.Nel giro di poche stagioni il linguaggio dei broadcasters si è trasformato: sempre più rapido, al passo con i nuovi ritmi della vita e dello zapping televisivo. I contenuti sono molto più emozionanti che intelligenti, perché la corsa verso l'ascolto si misura con i contatti che durano pochi secondi, pochi secondi che valgono oro.Per i venditori l’Auditel è il migliore dei mondi possibili: un’ordinata sequenza di cifre, che arriva puntualmente sui tavoli dei direttori di rete e di chi si occupa dell’intera programmazione televisiva aziendale. Tuttavia vi è un notevole sfasamento temporale tra la rilevazione e la loro analisi: la “bilancia” pesa il passato per vendere il futuro; e quando si vende e compra un nuovo programma, la determinazione del peso diventa un’operazione creativa.La composizione del campione e il modello teorico che sottende lo strumento sono gli elementi che definiscono il pubblico e che fanno oscillare l'opinione dall'idea di cittadinanza a quella di consumo. Cittadino o consumatore?E’ in particolare la neo-televisione, quella che parte in Italia con l’arrivo della tv commerciale, che ha trasformato il pubblico in audience e ne ha fatto la sua mission e il suo principale “oggetto”.
Negli anni la funzione primaria dell'Auditel - misurare in modo equo gli ascolti in riferimento agli spazi pubblicitari per una quantificazione unanime delle tariffe - è diventata succube delle sue funzioni latenti: provare il successo di personaggi, programmi, palinsesti e reti, dall'informazione allo spettacolo tramite lo share. Insomma, lo strumento da mezzo si è trasformato in un fine, obbedendo, anzi sancendo la legge del mercato: sono, infatti, i gestori dei milioni di euro di introiti pubblicitari annui che regolano, con il loro flusso, tutta la programmazione.Nel giro di pochi anni è così accaduto che le funzioni latenti dell'Auditel hanno contribuito a determinare due fenomeni importanti: l'omogeneizzazione culturale della programmazione da un lato e l'omologazione del pubblico dall'altro.Tuttavia è probabile che, nella prospettiva di un contesto sempre più maturo e competitivo, la tv cosiddetta generalista non si possa accontentare solo di misurare l’audience, ma cerchi di capire meglio come si forma.
I promotori dell’Auditel hanno si contribuito allo sviluppo del mercato pubblicitario e questo, a sua volta, ha consentito l’accesso al mezzo televisivo alla media impresa e lo sviluppo di nuovi marchi; ma oggi il fattore più rilevante è che l’Auditel fa notizia: anziché fornire esclusivamente i dati per le tariffe pubblicitarie e far pensare qualcuno a dove investire meglio il denaro degli sponsor, entra nell'ambito dell'informazione, diventando opinione pubblica e giudice della televisione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Con il presente lavoro si è voluto innanzi tutto evidenziare come il settore pubblicitario nazionale sia caratterizzato da un assetto oligopolistico, con i due citati operatori, Fininvest e Rai, che ne controllano la parte maggioritaria. Tale struttura concorrenziale dei mercati in Italia, appare quindi limitare lo sviluppo economico del settore; mentre i mercati della pubblicità su quotidiani, periodici e radio presentano una struttura piuttosto competitiva, quello della raccolta pubblicitaria televisiva è caratterizzato da un assetto particolarmente concentrato, in cui Fininvest opera in posizione dominante, e Rai raccoglie la quasi totalità della parte residuale del mercato. Oltretutto tale assetto competitivo differente dei mercati, influenza i margini di profittabilità degli operatori pubblicitari e quindi la capacità di tali soggetti di offrire nuovi prodotti ed incidere sulle scelte dei consumatori; questi altro non sono che i telespettatori nel caso della tv, allo stato attuale il mezzo che detiene una posizione di strutturale e durevole vantaggio rispetto agli altri media. Si è voluto far luce su come l’organizzazione dell’intera filiera del settore televisivo incida sulle dinamiche concorrenziali del mercato della pubblicità televisiva. In particolare, il potere di mercato detenuto da un soggetto nella raccolta pubblicitaria televisiva dipende anche dalla propria posizione concorrenziale nei mercati ad essa collegati, su tutte la rilevazione degli ascolti ed il broadcasting. Il presidio da parte di Fininvest e Rai del broadcasting terrestre nonché la scarsa penetrazione delle altre piattaforme trasmissive hanno considerevolmente limitato la possibilità di accesso al mercato a due versanti della raccolta pubblicitaria televisiva da parte di nuovi soggetti; inoltre è emerso come ulteriore fattore di ostacolo al corretto funzionamento della dinamica concorrenziale sia la fitta rete di partecipazioni azionarie e di legami di tipo non azionario attraverso cui, da un lato,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ascolti televisivi
auditel
concessionarie pubblicitarie
digitale terrestre
gradimento
iqs
lettere e filosofia
marketing
pubblicità
rai e mediaset
scienze della comunicazione
tv

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi