Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Transilvania Contesa: Ungheria e Romania a Confronto nel corso del XX secolo

La storia della Transilvania, sebbene affascinante e ricca di avvenimenti, è una storia difficile da raccontare. Essa lega a sé le vicende di molteplici realtà: è infatti impossibile parlare di Transilvania senza raccontare prima le gesta delle popolazioni indigene, dei daci, dei romani, degli slavi, degli ungheresi e dei romeni, i conflitti tra ungheresi e ottomani, tra ungheresi ed Asburgo d’Austria; e poi le battaglie tra gli Asburgo e l’Impero Austro-Ungarico contro l’Impero Ottomano. E risulta altrettanto difficile tralasciare i contesti internazionali della Grande Guerra e dei trattati di pace: la caduta degli imperi che portò a Trianon e la diplomazia romena; gli scenari della Seconda Guerra Mondiale e della successiva Guerra Fredda. Dai massacri passati sotto silenzio, fino al “Back to Europe” e le problematiche dei giorni d’oggi.

Essendo stata essenzialmente una regione periferica, la sua storia è da estrapolare tra le righe di opere a lei non dedicate, ed è naturale conseguenza della storia delle realtà che le stanno attorno, poiché non esisterebbe senza di esse. Sebbene sia riuscita a conservare un proprio profilo che si è creata nei secoli, la Transilvania ha sempre fatto parte di disegni e giochi di potere più grandi di lei ed è sempre stata schiacciata, presto o tardi, dal loro peso.

L’intento è quello di fornire al lettore una panoramica generale di tutti questi avvenimenti soffermandosi magari su fatti che non hanno una grande rilevanza per la storia mondiale, ma che sono essenziali per la Transilvania.

Quando si sente parlare di Transilvania difficilmente ci vengono date indicazioni GEOGRAFICHE, STORICHE e (in particolar modo) ETNICHE esaurienti. Ciò che viene in mente è il conte Dracula (che non era transilvano!) e una terra esotica abitata da vampiri situata in un posto imprecisato dell’Est Europa…

Questa Tesi, scritta con un linguaggio semplice, sempre supportata da mappe geografiche adeguate, ha l'intento di colmare questi vuoti; trasportando il lettore in un viaggio nella storia vista da una prospettiva inusuale.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 INTRODUZIONE Gli ungheresi di Romania rappresentano la più grande minoranza nazionale d’Europa e vivono nella regione storica della Transilvania, nell’area interna del semiarco formato dai monti Carpazi. Vi sono diverse rappresentazioni geopolitiche della Transilvania: quella “storica”, più corretta, riferita al principato autonomo di Transilvania del XVI secolo, ha una superficie di 57.000 km², su cui vivono oggi 4,3 milioni di abitanti; e quella “estesa” dei nostri giorni, dove si definiscono Transilvania tutte le terre dell’Impero Austro-Ungarico acquisite dalla Romania dopo la Prima Guerra Mondiale, vale a dire 103.000 km² divisi oggi in 16 contee e con circa 7,7 milioni di abitanti. Ma esiste oggi in Romania una questione transilvana? La domanda è tutt’altro che nuova. Fin da XIX secolo la questione transilvana era un misto di rivendicazioni storiche, territoriali, linguistiche e nazionali che hanno condizionato le relazioni tra romeni e ungheresi e contribuito a compromettere la stabilità dell’Impero Asburgico. Oggi, in un contesto totalmente cambiato, a otto anni dalla firma del trattato bilaterale romeno-ungherese e dall’ingresso del partito della minoranza ungherese di Romania nella coalizione governativa, definire la questione transilvana è molto difficile, in quanto la contrapposizione tra romeni e ungheresi si è in gran parte spostata sulla definizione e sull’estensione dei diritti linguistici e culturali. Nonostante il miglioramento delle relazioni bilaterali romeno-ungheresi degli ultimi anni non bisogna assolutamente dimenticare che la contrapposizione tra ungheresi e romeni è ancora una realtà quotidiana in molte parti della Romania. Questa contrapposizione si basa in gran parte su stereotipi 1 ed è costellata da accuse reciproche, gli ungheresi accusano i romeni per l’eccessivo nazionalismo e per l’operato di alcune municipalità, in particolare quella di Cluj-Napoca (Kolozsvár in 1 Nella sezione XIV,“IL QUESTIONARIO: Ungheria e Romania a Confronto”, possiamo riscontrarne dei chiari esempi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Antonio Gabriele Fazzino Contatta »

Composta da 414 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3441 click dal 20/01/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.