Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il caso Zelig: da un successo televisivo a un fenomeno editoriale

Tra le pile di volumi in libreria, accanto a Il Codice da Vinci, Bruno Vespa ed Harry Potter vediamo degli altri, numerosi libri che scalano le classifiche di vendita: sono i testi di varia comica, tra i quali quelli pubblicati da autori legati a Zelig hanno un’invadenza tutta particolare, con i loro formati tascabili e le copertine colorate. Hanno anche un’altra caratteristica: ci inducono al sorriso, perché scatta in noi un meccanismo che ci permette di collegare direttamente il faccione in copertina agli sketch che quello stesso attore propone sul palcoscenico, definibile in tre versioni: del piccolo locale in viale Monza 140 a Milano; del piccolo schermo, con Zelig in onda su Canale 5; del piccolo libro che in copertina ritrae il nostro attore in una posa ironica, o con titolo che induca al riso.
Attraverso un'osservazione partecipante e l'analisi di materiali etnografici si scoprono i meccanismi che soggiaciono a questo processo crossmediale di ampia portata.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE DAL PALCOSCENICO ALLA LIBRERIA Tra le pile di volumi in libreria, accanto a Il Codice da Vinci, Bruno Vespa ed Harry Potter vediamo degli altri, numerosi libri che scalano le classifiche di vendita: sono i testi di varia comica, tra i quali quelli pubblicati da autori legati a Zelig hanno un’invadenza tutta particolare, con i loro formati tascabili e le copertine colorate. Hanno anche un’altra caratteristica: ci inducono al sorriso, perché scatta in noi un meccanismo che ci permette di collegare direttamente il faccione in copertina agli sketch che quello stesso attore propone sul palcoscenico. Del piccolo locale, per l’appunto, in viale Monza 140 a Milano; del piccolo schermo, con Zelig in onda su Canale 5; del piccolo libro, appunto, che in copertina ritrae il nostro attore in una posa ironica, o con titolo che induca al riso. Sono tante poi le motivazioni che spingono a non limitarsi a sfogliare frettolosamente il volume senza rovinarlo, ma a desiderare di completare l’acquisto, che avviene per svago, per puro e semplice piacere. Questa caratteristica definisce quel che è un libro comico: un piccolo bene di lusso, ma assolutamente indispensabile 1 . Tutto questo perché quelli di Zelig riescono ad andare oltre il semplice edonismo: Zelig è diventato di forza un fenomeno sociale di massa. Ha difatti influenzato il modo di esprimersi di molti, soprattutto nelle relazioni sociali in contesti informali. Capita spesso di sentir ripetere tormentoni, fatti propri e usati come intercalare, oppure usati per suscitare ilarità in una situazione. Conoscere e ripetere locuzioni legate al cabaret milanese è ormai in tutta Italia un segno di riconoscimento, di appartenenza quasi, sicuramente di massa. In questo contesto, il libro diventa un prontuario della comicità, se usato per rinvenire battute efficaci. Molto più spesso, assolve una funzione che gli è 1 Gino & Michele sono dello stesso avviso nella prefazione di In televisione sembravano più alti, di Aldo Giovanni e Giacomo, Baldini & Castoldi, Milano, 1998, p. 7: Senza ironia, quello che state per leggere è un libro indispensabile, come del resto indispensabili, in quest’Italia del chiachericcio e delle teorizzazioni fini a se stesse sono i suoi concretissimi autori. Cioè Aldo Giovanni e Giacomo.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Chiara Dato Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1530 click dal 30/01/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.