Skip to content

Il patto di non concorrenza nel rapporto di lavoro subordinato

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Rocco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Maria Giovanna Mattarolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

Con l’espressione «patto di non concorrenza» sono individuate in diritto del lavoro quelle pattuizioni, intercorrenti tra datore e dipendente, con le quali si limita lo svolgimento dell’attività del prestatore di lavoro, per il tempo successivo alla cessazione del contratto (art. 2125 c.c.). La funzione normativa del patto di non concorrenza (o, meglio, di vietata concorrenza) viene generalmente individuata nell’esigenza di trovare un equo bilanciamento tra due ordini di contrapposti interessi: «da un lato, quelli del datore aventi ad oggetto la salvaguardia del patrimonio immateriale nei suoi elementi interni (organizzazione tecnica amministrativa, metodi e processi di lavoro ecc.) ed esterni (avviamento, clientela ecc.); dall’altro, quelli del lavoratore sicuramente messi in gioco da una restrizione convenzionale (della successiva attività lavorativa) destinata a comprimere gli spazi di ricerca di una nuova occupazione e di piena estrinsecazione delle proprie attitudini professionali» e che hanno ad oggetto la contro prestazione dovuta dal datore di lavoro, ossia il compenso in denaro.
«Si tratta, evidentemente, di un patto teso a salvaguardare l’imprenditore contro atti di concorrenza che, provenendo dall’ex dipendente, a conoscenza di dati relativi all’impresa, potrebbero rivelarsi più pregiudizievoli di quelli posti in essere da un altro imprenditore. Si parla infatti di concorrenza differenziale». In tal modo, «il datore di lavoro si assicura, per il periodo successivo alla cessazione del rapporto, la tutela che in costanza di collaborazione lavorativa è apprestata dall’art. 2105 c.c., che vieta al dipendente di trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con l’imprenditore».
La regolamentazione normativa di questo tipo di pattuizioni, diffusamente presente anche negli altri Paesi, viene disciplinata nel nostro ordinamento con l’art. 2125 del codice civile del 1942. Non manca invero un antecedente storico: tale può essere considerato l’art.8 del r.d.l. 13 novembre 1924, n.1825, sull’impiego privato, il quale peraltro trattava congiuntamente le materie ora disciplinate dagli artt. 2105 e 2125 c.c. La previsione di limiti alla stipulazione di clausole di vietata concorrenza operava tuttavia solo con riguardo agli impiegati, anche se era dibattuto in giurisprudenza il divieto della stipulazione di tali convenzioni con gli operai. La prevalente dottrina e la giurisprudenza hanno solitamente individuato nell’art. 2125 del codice civile una norma di carattere speciale riconducibile pur sempre alla disciplina generale dell’art. 2596 c.c. nonostante la dislocazione materiale dei due articoli nel testo del codice (il primo nel titolo «del lavoro nell’impresa», il secondo in quello «della disciplina della concorrenza e dei consorzi», del libro quinto). Il rapporto di genere a specie ricostruito dalle due norme (che varrebbe quanto meno a trarre dalla seconda i principi generali nel cui ambito può trovare applicazione la prima) non viene riconosciuto da tutti: taluni, infatti, contestano la stretta interdipendenza, ponendo l’accento sull’autonomia della norma lavoristica l’inapplicabilità dei principî e criteri enunciati nell’art. 2596 c.c.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 NOZIONE Con l’espressione «patto di non concorrenza» sono individuate in diritto del lavoro quelle pattuizioni, intercorrenti tra datore e dipendente, con le quali si limita lo svolgimento dell’attività del prestatore di lavoro, per il tempo successivo alla cessazione del contratto (art. 2125 c.c.). La funzione normativa del patto di non concorrenza (o, meglio, di vietata concorrenza) viene generalmente individuata nell’esigenza di trovare un equo bilanciamento tra due ordini di contrapposti interessi: «da un lato, quelli del datore aventi ad oggetto la salvaguardia del patrimonio immateriale nei suoi elementi interni (organizzazione tecnica amministrativa, metodi e processi di lavoro ecc.) ed esterni (avviamento, clientela ecc.); dall’altro, quelli del lavoratore sicuramente messi in gioco da una restrizione convenzionale (della successiva attività lavorativa) destinata a comprimere gli spazi di ricerca di una nuova occupazione e di piena estrinsecazione delle proprie attitudini professionali» 1 e che hanno ad oggetto la contro prestazione dovuta dal datore di lavoro, ossia il compenso in denaro.«Si tratta, evidentemente, di un patto teso a salvaguardare l’imprenditore contro atti di concorrenza che, provenendo dall’ex dipendente, a conoscenza di dati relativi all’impresa, potrebbero rivelarsi più pregiudizievoli di quelli posti in essere da un altro imprenditore. Si parla infatti di concorrenza differenziale». 2 In tal modo, «il datore di lavoro si assicura, per il periodo successivo alla cessazione del rapporto, la tutela 1 FULVIO BIANCHI D’URSO, Concorrenza, Patto di non concorrenza, in Enciclopedia giuridica Treccani 1988-1 2 ROSANNA BARCHI, Il patto di non concorrenza: gli orientamenti della dottrina e della giurisprudenza, in Diritto & Pratica del Lavoro n.14/2001-899 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art. 2125 c.c.
art. 700 c.p.c.
concorrenza
concorrenza differenziale
congruità del corrispettivo
fidelizzazione del lavoratore
inibizione dell'attività lavorativa
limiti di oggetto
limiti temporali
limititerritoriali
misure di coercizione indiretta
recesso del datore di lavoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi