Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Avanzamenti nella Teoria dell' Ordinabilità di Spazi Tolopogici

Lo studio dell'ordinabilità degli Spazi Topologici è stato oggetto di preziosi contributi nel corso del XX secolo; in Italia molti risultati rilevanti sono stati raggiunti proprio nella mia università da parte del mio Relatore e collaboratori. La mia tesi si focalizza principalmente sullo studio dell'ordinabilità mediante le selezioni continue, con applicazioni ad altri campi della Matematica, ad esempio in Algebra per quanto concerne i gruppi topologici.

Mostra/Nascondi contenuto.
Chapter 1 Storia dell’Ordinabilita` Illustriamo in questo capitolo i principali risultati ottenuti in questa teoria durante il secolo scorso. Saranno qui messi in luce i risultati ottenuti sull’ordinabilita` fino al 1975. Trattasi di un semplice background storico senza dimostrazioni. Diamo subito alcune definizioni fondamentali; ricordiamo prima che il derivato di un sot- toinsieme A di uno spazio topologico X e` l’insieme A′ di tutti i suoi punti di accumulazione. 1.1 Preliminari: relazioni d’ordine Siano X un insieme e < una relazione su X. Si dice che < e` un ordine lineare su X se sussistono le proprieta` seguenti: LO1 Se x < y e y < z, allora x < z. LO2 Se x < y, allora la relazione y < x non vale. LO3 Se x 6= y, allora si ha x < y oppure y < x. Un insieme X munito di un ordine lineare si dice un insieme linearmente ordi- nato1. Sia ora X insieme linearmente ordinato da < e sia Y insieme linearmente ordinato da <′. Si dice che una funzione f : X → Y conserva l’ordine se, per ogni coppia (x, y) ∈ X tale che sia x < y, risulta che f(x) <′ f(y). Se esiste una funzione f : X → Y che conserva un determinato ordine, allora gli insiemi l.o. X,Y si dicono simili. Si definisce elemento minimo di X l’elemento x0 tale che x0 < x per ogni x ∈ X \ x0. In modo analogo viene definito anche l’elemento massimo di X (ovviamente tali elementi possono anche non esistere). Una coppia (D,E) di sottoinsiemi di X tali che D ∪ E = X, D 6= ∅ 6= E, e x ∈ D, y ∈ E ⇒ x < y si dice un taglio di X. Allora l’insieme D prende il nome di sezione inferiore mentre l’insieme E 1Nel seguito, adotteremo l’abbreviazione l.o. 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Matteo Favaro Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 398 click dal 14/02/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.