Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un evento come motore di sviluppo: un'Isola di blues

I festival nascono e si diffondono come la forma più comune di celebrazione a carattere culturale e sociale. Oggi, tuttavia, l’elemento ricreativo è predominante su quello celebrativo ed i festival più che come momento autocelebrativo della comunità, della sua identità, ideologia e continuità storica, si sviluppano soprattutto come eventi artistici, culturali e di spettacolo. Sono elementi di attrattiva turistica e di intrattenimento dall’importanza in aumento. Gli eventi dovrebbero essere legati in modo indissolubile all’immagine della singola città che li ospita e, se possibile, divenirne, negli anni, un vero e proprio simbolo ed una componente essenziale dell’immagine stessa e dell’offerta della città. Il Liri blues festival è diventato proprio questo per Isola del Liri. Per circa una settimana, la prima del mese di luglio, la piazza centrale della città di Isola del Liri viene trasformata in una palco su cui si susseguono diversi artisti blues, dai più importanti ai meno famosi, con un occhio di riguardo per la realtà italiana. Il successo del festival è dovuto sia alla presenza di artisti di popolarità internazionale che all’ambiente di “festa popolare” che si respira e alla splendida cornice naturale in cui si svolgono i concerti. Tutta la cittadina, infatti, partecipa a vivere con orgoglio questa festa; si rivede il Corso illuminato ed i negozi aperti fino a tarda ora mentre la musica ti segue ovunque. Quando, a mezzanotte, ci si aspetterebbe che in una cittadina operosa tutte le luci si spengano, è invece il momento in cui s’iniziano i concerti nei locali di un vecchio lanificio molto ben riadattati e accoglienti. Un evento come motore di sviluppo. Questo è stato il Liri Blues Festival per la cittadina di Isola del Liri. Sviluppo economico (rivitalizzazione del centro storico, apertura di numerosi pub e ristoranti, costruzione di un albergo; il tutto per rendere più piacevole il soggiorno alle migliaia di visitatori che invadono Isola Liri attratti non più solo dal Liri blues festival, ma da altre manifestazioni che si svolgono durante l’anno); sociale (una maggiore visibilità nel mondo grazie al gemellaggio con New Orleans, capitale della Louisiana e patria del Blues); culturale (nascita e sviluppo di altri festival, come “SUONI DAL MONDO” ,rassegna musicale che raccoglie culture e costumi di altri popoli, esempio della vocazione multietnica della città; creazione di laboratori teatrali nelle scuole, incontri di poesia, incontri con l’autore, musealizzazione di un percorso di archeologia industriale, Isola Liri, tra l’ottocento e il novecento è stata sede di uno sviluppo industriale cartiero e tessile).

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Una musica può fare Salvarti sull'orlo del precipizio quello che la musica può fare salvarti sull'orlo del precipizio non ci si può lamentare (Una musica può fare, Max Gazzè) I festival nascono e si diffondono come la forma più comune di celebrazione a carattere culturale e sociale. Oggi, tuttavia, l’elemento ricreativo è predominante su quello celebrativo ed i festival più che come momento autocelebrativo della comunità, della sua identità, ideologia e continuità storica, si sviluppano soprattutto come eventi artistici, culturali e di spettacolo. Sono elementi di attrattiva turistica e di intrattenimento dall’importanza in aumento. 1 La crescente competizione nel settore degli eventi, che appaiono piuttosto omogenei tra loro e difficilmente differenziabili, rende particolarmente importanti elementi come la qualità della manifestazione e la capacità di innovazione; essi sono necessari, infatti, per mantenere nel tempo elevati i livelli di interesse da parte di un 1 Sonia Ferrari, event marketing, CEDAM, Padova 2002 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Francesco Affinito Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3042 click dal 01/02/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.