Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La garanzia costituzionale dell'azione e la tutela cautelare

Il rapporto tra il diritto alla tutela cautelare e l'esigenza di effettività della tutela giurisdizionale ex artt. 24 e 113 Cost.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAP.I IL DIRITTO ALLA TUTELA GIURISDIZIONALE E IL PRINCIPIO DI EFFETTIVITÀ Il diritto alla tutela giurisdizionale (da annoverare tra i Diritti inviolabili dell’uomo ex art.2 Cost. 1 ) viene sancito dall’art. 24 comma 1 della Costituzione, il quale afferma che “Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi”, e (per quanto specificatamente riguarda gli atti amministrativi) dall’art. 113 comma 1 Cost., il quale afferma che “Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria o amministrativa”. Dottrina e Giurisprudenza sono concordi nel ritenere che il diritto di azione non può essere concepito in modo formalistico e astratto, quale mera “possibilità” o “libertà” di agire in giudizio e privo cioè di un’incidenza diretta e pratica sulla struttura e sullo 1 Sull’ inviolabilità del diritto alla tutela giurisdizionale, COMOGLIO, “I Modelli di Garanzia Costituzionale del Processo”, in Riv. trim. dir. proc. civ., 1991, pag. 639; con rinvio a Corte Cost, n.98, 27 dicembre 1965, (in Foro.it, 1966, I, pag. 13), Corte Cost n.18, 2 febbraio 1982, (in Foro.it, 1982, I, pag. 938).

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianluca Di Blasi Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1613 click dal 02/02/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.