Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Una costituzione europea senza popolo?

Il dibattito giuridico-filosofico europeo sulla possibilità di concepire, in alternativa alla dottrina giuridica tradizionale, una costituzione europea senza popolo, si protrae da oltre un decennio e verte in particolar modo sul concetto di popolo come potere costituente e sulle definizioni del trattato, fondante l'Unione europea, come carta costituzionale. In tale dibattito si confrontano due posizioni: la posizione euroscettica e la posizione eurottimista (la prima teorizzata da Dieter Grimm e la seconda da Jurgen Habermas). Il dibattito si è particolarmente acuito in seguito alla sentenza comunemente definita sentenza maastricht in cui la corte ebbe a ribadire che "l'unione europea non è uno stato ma un'associazione di stati e che non poggia su un popolo" da qui scaturirono una serie di interrogativi sul concetto di popolo, popolo come potere costituente e possibilità di concepire un popolo europeo in relazione alla disomogeneità culturale insita al suo interno. Tali interrogativi trovano risposta in due testi che ho sottoposto ad analisi critico comparativa. Concludo criticando le ragioni per cui il dibattito prosegue e prospettando una soluzione.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Il presente lavoro si propone di svolgere alcune riflessioni sul processo di costruzione europea a partire dall’analisi critico- comparativa di due saggi recenti 1 , pubblicati a distanza di pochi mesi l’uno dall’altro, il primo intitolato Una Costituzione senza popolo? di Sergio Dellavalle e il secondo La Costituzione senza popolo di Enrico Scoditti 2 . Si tratta di due testi che, per molti versi, ricostruiscono, in maniera sintetica ed efficace, il vivace ed interessante dibattito sviluppatosi da oltre un decennio sulla possibilità o meno di concepire, in alternativa alla dottrina giuridica tradizionale, una costituzione europea senza popolo. I due libri che sembrano muoversi nella stessa direzione, in realtà, divergono già a partire dalla scelta dei rispettivi titoli che se posti a confronto solo apparentemente sembrano voler parlare della stessa cosa ma in verità racchiudono la profonda differenza di pensiero che attraversa l’approccio europeistico dell’uno e 1 S. DELLAVALLE, Una costituzione senza popolo? La costituzione Europea alla luce delle concezioni del popolo come “potere costituente”, Giuffrè, Milano 2002 e E. SCODITTI La costituzione senza popolo. Unione Europea e nazioni, Dedalo, Bari 2001. 2 Si veda la recensione ad entrambi i volumi di M. FIORAVANTI d’ora in poi indicata con Recensione, pubblicata in Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico, Giuffrè, Milano 2003, pp. 506 ss.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Elisa Morana Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2489 click dal 01/02/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.