Skip to content

Le corrispondenze di guerra di Indro Montanelli

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Cerciello
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Pietro Cavallo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

In questo mio lavoro ho provato a raccontare l’inizio della seconda guerra mondiale attraverso gli articoli di giornale, quando le parole erano l’unica fonte di notizia.
Ho provato a fare tutto ciò servendomi del più grande giornalista italiano ossia Indro Montanelli negli anni in cui era inviato del “Corriere della Sera”. Ho analizzato il periodo che va dal settembre 1939, mese in cui la Germania invade la Polonia dando avvio alla guerra, fino a giugno 1940 quando Mussolini decreta l’entrata dell’Italia nelle ostilità belliche al fianco della Russia e della potenza nazista. In questi otto mesi, il giornalista fiorentino segue da inviato tre guerre: la già citata invasione della Germania ai danni della Polonia, la successiva guerra della Russia contro la Finlandia ed infine l’attacco della Germania alla Norvegia. Furono proprio le seconde corrispondenze a dare a Montanelli grande notorietà e fama all’interno del giornalismo italiano. Furono molti gli italiani che si affezionarono alle sorti del popolo finlandese grazie ai suoi racconti.
Nel primo capitolo parlo dei polacchi, fratelli, per quanto riguarda la sorte, del popolo finlandese. Se la Finlandia era stata in grado di resistere 100 giorni agli attacchi sovietici, la Polonia si arrese dopo poco meno di un mese. I polacchi erano ormai una popolo senza più speranze, delirante nel vedere la propria terra agonizzare sotto l’invasione nazista. L’unica speranza era riposta nelle mani dei Russi considerati dei liberatori: speranza che ben presto si rivelò illusione.
Nel secondo capitolo racconto i finlandesi. È questa la parte più corposa del lavoro poiché è stato il popolo con cui il giornalista è stato maggiormente in contatto e quindi ha potuto conoscere meglio. Era un popolo che Montanelli stimava davvero molto, pieno di ideali e di amore di patria. La Finlandia aveva la grande capacità di combattere una potenza molto più grande senza mai perdersi d’animo e agendo sfruttando soprattutto la furbizia e l’intelligenza. Parla di un popolo e di un esercito sicuramente povero sia di mezzi che di uomini rispetto al gigante bolscevico. Nonostante l’alleanza dell’Italia al fianco della Russia, Indro Montanelli mostrava senza paura di censura il proprio punto di vista filo-finlandese e perfettamente contro tutto ciò che era il comunismo.
Il terzo capitolo è dedicato Norvegesi e agli alleati. La Norvegia appare molto diversa sia dai polacchi che dai finlandesi per quanto riguarda il modo di affrontare le difficoltà: non combattono, attendono gli aiuti e quando questi li abbandonano cedono al nemico. Gli alleati escono da queste corrispondenze in malo modo. Già non erano andati in soccorso della Polonia e della Finlandia, e ora, quando era il momento del riscatto, si tirano indietro lasciando i norvegesi soli e in prenda alla furia nazista.
Il quarto capitolo è rivolto ai giganti invasori: la Germania e la Russia. Montanelli, da sempre considerato come uno degli uomini più conservatori della destra italiana, non poteva non considerare assurdo tutto il paradigma comunista. Non perde mai occasione, nei suoi articoli di sottolineare che i sovietici erano capaci delle peggiori barbarie coprendosi all’ombra degli ideali marxisti. Per Montanelli, infatti, non era disprezzabile il socialismo e il comunismo in sé ma l’uso che del pensiero di Marx ed Engels veniva messo in pratica dai capi comunisti. Nel narrare dell’esercito bolscevico, il giornalista toscano, sottolinea molto spesso la grandiosità e la ponderosità che essi mettevano in pratica, contrapposta all’ordinata e silenziosa avanzata finlandese. Dei tedeschi parla molto poco e soprattutto non si sofferma quasi mai a narrare le loro caratteristiche. Nella maggior parte degli articoli, il giornalista di Fucecchio, accenna solamente al loro potenziale bellico.
Il quinto capitolo è intermante destinato al Montanelli “cantastorie”. Racconto le storie che egli ha vissuto e ascoltato nei suoi mesi tra le truppe e tra la popolazione. Sono storie piene di emozioni: alcune di sofferenza, altre di coraggio, altre ancora di delusione e di rabbia, di nostalgia per i tempi passati. Sono proprio storie come quelle raccontate in questo capitolo che danno la possibilità al lettore di dare un volto (anche se solo immaginato) e magari un nome ad eventi che altrimenti sarebbero sembrati talmente astratti e lontani da lui da renderli irreali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

1939
corriere della sera
finlandia
germania
indro montanelli
inviati di guerra
norvegia
polonia
russia
seconda guerra mondiale
storie di guerra

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi