Skip to content

Modellazione e valutazione di sistemi di elaborazione affidabili in applicazioni di controllo industriale

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Flammini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Informatica
  Relatore: Nicola Mazzocca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 259

I sistemi di elaborazione cosiddetti mission critical assumono un’importanza crescente sia in ambito industriale che aziendale, dal momento che ad essi sono demandate mansioni sempre più delicate. Il malfunzionamento di tali sistemi può comportare conseguenze di diversa natura e gravità: si va dai danni a livello di immagine (web servers) a danni di tipo economico (server transazionali), fino ad arrivare, nei casi più critici, a danni fisici a per-sone o cose (sistemi di controllo industriale). Data la criticità di questi sistemi, sarebbe auspicabile prevedere in qualche modo sia la frequenza con cui i guasti si verificano, sia i fattori su cui bisogna agire per ridurne al minimo l’incidenza e l’effetto sulla funzionalità del sistema. E’ evidente, dunque, la necessità di valutare a priori l’affidabilità dei sistemi attraverso metodi multiformali, in quanto la modellazione attraverso un unico formalismo limiterebbe l’analista ad una visione troppo ristretta delle caratteristiche del sistema. L’obiettivo del presente lavoro di tesi è quello di illustrare gli strumenti di modellazione più adatti a descrivere un sistema complesso dal punto di vista sia strutturale che comportamentale. In particolare, i formalismi introdotti e utilizzati sono i diagrammi a blocchi affidabilistici, gli alberi dei guasti e le reti di Petri. Al fine di modellare sistemi eterogenei, viene presentato il framework OsMoSys, tutt’ora in fase di sviluppo, che rappresenta un ambiente di modellazione multi-formalismo/multi-risolutore. I risolutori utilizzati sono GreatSPN, per le reti di Petri, e SHARPE, per i diagrammi a blocchi e gli alberi dei guasti. Sfruttando le potenzialità di OsMoSys, è stato possibile estendere il formalismo degli alberi dei guasti introducendo la possibilità di riparazione, con l’effetto di aumentarne la potenza espressiva senza, però, compromettere l’efficienza computazionale degli algoritmi risolutivi. Gli strumenti introdotti sono stati utilizzati per modellare e valutare un caso di stu-dio, costituito dal sistema ERTMS/ETCS per il controllo del traffico ferroviario sulle linee europee ad alta velocità. Si tratta di un sistema distribuito eterogeneo di tipo real-time, che ben si presta ad essere studiato utilizzando un approccio ibrido di modellazione. A partire dai requisiti funzionali, reperiti dal sito ufficiale dell’organo di standardizzazione, si è stilato un possibile modello ad oggetti del sistema, utilizzando il linguaggio UML, e, a partire da questo, si sono modellati i singoli sottosistemi, utilizzando, per ciascuno di essi, i formalismi più adatti. Nel corso della modellazione, si è reso necessario operare delle scelte progettuali che fossero al tempo stesso realistiche, affidabili e non eccessivamente onerose da implementare, sia in termini architetturali che nella scelta dei parametri, pur consapevoli del fatto che l’importanza dell’approccio risiedesse nella metodologia e non nei risultati, fortemente dipendenti da scelte non facilmente prevedibili in questo contesto (costo dei componenti, riuso delle tecnologie, ecc.). In ogni fase della tesi, dalla parte prettamente compilativa a quella propriamente sperimentale, non sono mancati apporti originali. Nella prima parte, l’originalità è consistita nel conferire il rigore della teoria dell’affidabilità alle tecniche comunemente utilizzate per migliorare la disponibilità di un sistema di elaborazione; nella seconda, i contribuiti originali sono legati essenzialmente alla costruzione e valutazione dei modelli, arricchita da considerazioni e scelte progettuali di carattere pratico, effettuate spesso più “cum grano salis” che giustificandole sulla base di risultati teorici. Infine, l’iter seguito è stato generalizzato, inserendolo in un ciclo di sviluppo di sistemi di elaborazione complessi per applicazioni critiche dal punto di vista dell’affidabilità e dei requisiti real-time.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione 3 Prefazione I sistemi di elaborazione cosiddetti mission critical assumono un’importanza crescente sia in ambito industriale che aziendale, dal momento che ad essi sono demandate mansioni sempre più delicate. Il malfunzionamento di tali sistemi può comportare conseguenze di diversa natura e gravità: si va dai danni a livello di immagine (web servers) a danni di tipo economico (server transazionali), fino ad arrivare, nei casi più critici, a danni fisici a per- sone o cose (sistemi di controllo industriale). Data la criticità di questi sistemi, sarebbe au- spicabile prevedere in qualche modo sia la frequenza con cui i guasti si verificano, sia i fat- tori su cui bisogna agire per ridurne al minimo l’incidenza e l’effetto sulla funzionalità del sistema. E’ evidente, dunque, la necessità di valutare a priori l’affidabilità dei sistemi attra- verso metodi multiformali, in quanto la modellazione attraverso un unico formalismo limi- terebbe l’analista ad una visione troppo ristretta delle caratteristiche del sistema. L’obiettivo del presente lavoro di tesi è quello di illustrare gli strumenti di modellazione più adatti a descrivere un sistema complesso dal punto di vista sia strutturale che compor- tamentale. In particolare, i formalismi introdotti e utilizzati sono i diagrammi a blocchi af- fidabilistici, gli alberi dei guasti e le reti di Petri. Al fine di modellare sistemi eterogenei, viene presentato il framework OsMoSys, tutt’ora in fase di sviluppo, che rappresenta un ambiente di modellazione multi-formalismo/multi-risolutore. I risolutori utilizzati sono GreatSPN, per le reti di Petri, e SHARPE, per i diagrammi a blocchi e gli alberi dei guasti. Sfruttando le potenzialità di OsMoSys, è stato possibile estendere il formalismo degli albe- ri dei guasti introducendo la possibilità di riparazione, con l’effetto di aumentarne la poten- za espressiva senza, però, compromettere l’efficienza computazionale degli algoritmi riso- lutivi. Gli strumenti introdotti sono stati utilizzati per modellare e valutare un caso di stu- dio, costituito dal sistema ERTMS/ETCS per il controllo del traffico ferroviario sulle linee

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

affidabilità
alberi dei guasti (ft)
controllo industriale
dependability
diagrammi a blocchi affidabilistici (rbd)
disponibilità manutenibilità
ertms/etcs, atp-atc
metodi formali
real-time embedded systems
reti di petri (pn)
sicurezza
unified modeling language (uml)

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi