Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'origine del movimento sciita

Questa tesi esamina in modo sintetico la diatriba per la successione al Profeta Muhammad (Maometto) da cui ha avuto origine l'Islam sciita; essenzialmente concerne il periodo medievale, lambendo però anche il periodo moderno e contemporaneo.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Origine del movimento sciita La questione sciita è senza dubbio di grandissimo interesse nella storia dell’Islàm; si tratta della minoranza più importante e numerosa costituente il 10% della comunità islamica attuale. Ricostruire le origini di questa confessione, alla luce di eventi importanti di cui è stata protagonista in epoche recenti e recentissime, risulta estremamente interessante e utile al fine di comprendere le motivazioni e la reale consistenza dell’ala musulmana “dissidente” rispetto alla maggioranza sunnita. Gli sciiti, pur nella loro netta inferiorità rispetto ai sunniti, sono tornati di grande attualità durante la rivoluzione iraniana nel ’79, terminata con la costituzione di un Paese islamico interamente sciita (l’unico al mondo), ed oggi ne sentiamo nuovamente parlare grazie al conflitto in Iraq – nazione con diverse città sante sciite – in cui questa confessione rivendica i suoi diritti nel futuro stato iracheno di prossima creazione. Proprio per l’attualità estrema che tale movimento sta avendo nel contesto odierno, ho deciso di dedicare la presente tesi agli sciiti. Comincerò la narrazione in modo tradizionale, partendo dalla morte del Profeta Mu|ammad. È opportuno però dire che non esiste una vera e propria dottrina sciita, e che lo sciismo può definirsi tranquillamente “Islàm”: infatti, unico e solo perno fondamentale della religione musulmana è la rivelazione coranica. Da questa e dall’affermazione del monoteismo assoluto, senza possibilità di errore o confusione, nasce tutto l’Islàm, sia esso sciita o sunnita. Entrambe le confessioni credono nel Corano, in Mu|ammad come ultimo Profeta, e nella maggior parte delle stesse dottrine basilari della religione; in sostanza, le differenze fra sciismo e sunnismo stanno tutte nel rituale, e in alcune feste religiose che hanno rilevanza più

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Cocorullo Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1291 click dal 06/02/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.