Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'acquisto personale di beni immobili e mobili registrati ai sensi dell'art. 179 secondo comma cod. civ.

L'acquisto personale di beni immobili e mobili registrati ai sensi dell'art. 179 secondo comma cod. civ.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 CAPITOLO I LA COMUNIONE LEGALE E IL PRINCIPIO DELL’AUTONOMIA CONTRATTUALE 1.Considerazioni introduttive sul regime della comunione legale e il sistema dei beni personali (rapporti tra art. 177 lett. a) e art. 179) Una corretta analisi dei problemi che derivano dallo studio della norma oggetto del presente lavoro, presuppone anzitutto alcune premesse sul sistema comunione legale – beni personali. È noto che, anteriormente alla legge 151/1975, il regime patrimoniale legale era la separazione dei beni, residuando ai coniugi, la possibilità di scelta del regime di comunione con un’apposita ed espressa convenzione. Con la menzionata legge di riforma del diritto di famiglia, invece, il suddetto sistema è stato letteralmente capovolto considerato che la comunione dei beni è divenuto il regime legale, venendo invece la separazione ad assumere il ruolo di regime eccezionale. Questa scelta del legislatore trova fondamento 1 nella Carta Costituzionale che all’art. 29 prevede che “La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio, ordinato sull’uguaglianza morale e giuridica dei coniugi […]” e di cui l’art. 177 lett a) cod.civ. è applicazione (“costituiscono oggetto della comunione gli acquisti compiuti dai due coniugi insieme o separatamente durante il matrimonio […]“). Si tratta, quindi, di un’impostazione del sistema ispirata al principio di solidarietà 2 tra coniugi, applicato anche al profilo patrimoniale 3 , potendosi ritenere che il legislatore, abbia voluto valorizzare il gruppo familiare, privilegiando il momento comunitario e partecipativo alle vicende economiche che lo coinvolgono 4 . Ciascun consorte diventa, così, compartecipe degli acquisti effettuati dall’altro nella misura in cui si reputi che tutti e due vi abbiano (magari anche in modo indiretto) contribuito grazie ai comuni sacrifici. La regola dell’acquisto automatico, soffre però un’importante deroga prevista dallo stesso art. 177 lett a) cod.civ che richiama espressamente l’art. 179 cod.civ, relativo ai beni personali dei coniugi (l’art. 177 lett a) cod.civ. si chiude, infatti, con la seguente espressione: “[…] ad esclusione di quelli relativi ai beni personali”). La scelta legislativa è stata, pertanto, quella di una comunione non universale potendo ciascun coniuge mantenere un proprio patrimonio individuale. 1 SURDI F., Sull’estromissione di singoli beni dalla comunione legale tra coniugi, in Diritto fam. e pers., II, 1999, 1454. 2 E difatti VITALI E. – BERLINGO’ S., Il matrimonio canonico, Milano, 2003, 17 mette in evidenza che innovazioni legilslative del 1975 derivanti dalla più recente visione dell’essenza del negozio matrimoniale si ritrovano anche sotto il profilo degli effetti giuridici del medesimo, in particolare nel punto in cui il nuovo codice sancisce la piena parità di diritti e doveri in capo a ciascun coniuge. 3 v. MARASCO F., Sull’ambito applicativo delle norme di cui alla lett. f) ed all’ultimo comma dell’art. 179 cod. civ.: un’altra spallata della Cassazione al sistema della comunione legale dei beni, in Riv. Not., I, 1995, 241 il quale afferma che “le regole sul regime patrimoniale della famiglia si devono distinguere tra quelle che attingono il loro fondamento ad un’istanza di solidarietà familiare, dando vita al cosiddetto << momento contributivo >> e quelle che sono ispirate ad una esigenza di tutela di libertà e dignità individuali, offrendo regole per quello che è definito <<momento distributivo>>. E non vi è dubbio che le regole sulla comunione, e segnatamente sulla personalità di specifici acquisti, devono ascriversi all’insieme delle norme che disciplinano questo secondo aspetto dei rapporti patrimoniali tra coniugi”. 4 In tal senso v. QUADRI E., L’oggetto della comunione legale tra coniugi: i beni in comunione immediata, in Fam. e dir. , II, 1996, 178; COMPORTI M., Gli acquisti dei coniugi in regime di comunione legale, in Riv. Not., 1979, 44.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Ferdinando Manetti Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4219 click dal 16/02/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.