Skip to content

A - Menic / Cinema. Da Dada al Progetto Cronenberg

Informazioni tesi

  Autore: Nicola Giuseppe Scelsi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Loretta Guerrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 96

Il sottotitolo è più che altro nominale, visto che tra la prima e la seconda parte non sembrano esserci elementi di contatto. La prima parte è soprattutto dedicata ai film di Luis Buñuel, in particolare ai suoi due primi film e ai rapporti tra il regista aragonese e Sade. Dopo aver introdotto Dada e il Surrealismo, parliamo appunto di UN CHIEN ANDALOU e de L’ÂGE D’OR, considerandoli come un unico oggetto, come un’unica storia osservata dal punto di vista della donna a cui nel prologo del primo film viene tagliato l’occhio.
Dopo una piccola parentesi, dedicata soprattutto all’ultima parte della filmografia di Buñuel, che intende dimostrare il suo essere sempre e comunque surrealista, vedremo come il suo essere eretico ed anarchico derivi in larga parte dall’influenza di Sade; per entrambi è in gioco la ricerca di una purezza originaria, divenuta ormai irraggiungibile.

La seconda parte verte sul cinema cronenberghiano, analizzando prima le “ossessioni” del regista canadese – i suoi rapporti con la realtà, con il sesso, con il sadismo, con la carne, con la (ri)nascita, ecc. – per poi soffermarci sul progetto Cronenberg, sulla nascita della Nuova Carne, sulla ridefinizione del corpo attraverso la tecnologia, sulla creazione di un oltreuomo che aspira a superare la “contesa” mente-corpo, fondendosi con tutte le macchine da cui può trarre vantaggio.

E tra queste due parti si trova un intermezzo alquanto personale. Ora, se si considerano le due parti come componenti della struttura di un film – un primo e secondo tempo insomma – si può ben intendere quell’intermezzo come l’intervallo. E intendere l’intervallo medesimo come momento di riflessione tra ciò che si è già visto e ciò che si andrà a vedere. L’intermezzo in questione non è altro che un’idea di cinema, immaginato, pensato, voluto.
È l’intermezzo stesso ad essere A-MENIC/CINEMA.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Premessa Partire da Dada per arrivare alla Nuova Carne. Ecco l’intento del lavo- ro. O per meglio dire, questo è l’intento che potrebbe proporsi il sotto- titolo. Il titolo vero è un altro: A-MENIC / CINEMA. Non è certo intenzione di chi scrive fare delle monografie sui registi, nella fattispecie Buñuel e Cronenberg, né tracciare chissà quale profi- lo. I film li ho sempre osservati, evitando di entrarci troppo dentro. Dopotutto nel conoscere ciò di cui parlo(accenno) mi son basato so- prattutto sulle opere di loro medesimi e su ciò che loro stessi ne hanno detto. Certo poi un confronto critico ci vuole pure. Il titolo. A- MENIC / CINEMA. Oltre a citare il breve film di Duchamp, que- sto titolo gioca molto, in maniera appunto duchampiana se si vuole, sulle lettere che lo compongono. E ciò gioca soprattutto su due com- binazioni di parole: A ME NIC: CINEMA. Ovvero un cinema che viene a me. AMEN (H)IC CINEMA. Ovvero un cinema che “così sia” “qui”. Ed è nell’intermezzo che prendono corpo queste combinazioni di pa- role. E visto che si stava parlando di titoli, qualche parola la merita anche il titolo dell’intermezzo. I’ll be my myrror evidentemente richiama, oltre ad un’utile libro di Fabiola Naldi, soprattutto una foto-autoritratto di Urs Lüthi, nonché una nota canzone dei Velvet Underground. Si certo lì il titolo era I’ll be your mirror, mentre qui è l’esatto opposto – I’ll be my mirror. Ma il mio narcisismo e la mia “evidente schizofrenia”, necessaria ai fini di un’intervista fatta a me stesso medesimo, non po- tevano che farmi essere la lusinga di me stesso. L’intermezzo. In principio il “corpus” di questo lavoro doveva, nella mia mente se non altro, essere soltanto questo intermezzo. Ma poi cominciai a pen- sare che forse poteva anche non essere adatto – troppo personale in fondo; in più avevo cominciato a leggere di Dada. Sia chiaro che ciò che è presente adesso è soltanto una minima parte di tutto ciò che era presente nella versione iniziale; tutti i deliranti deliri son stati rimossi. Dopotutto intervisto me stesso fra una quindicina d’anni, e in 15 anni di cose ne capitano nella vita di un uomo. Ho solo lasciato le cose che potevano essere inerenti al cinema, né più, né meno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bataille
buñuel
cinema
cronenberg
dada
film
l'age d'or
louvier
nuova carne
sade
surrealismo
un chien andalou

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi