Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tendenze evolutive nella gestione delle risorse idriche. L'esperienza di Amps Parma.

Il lavoro tratta dei servizi pubblici in generale, della loro organizzazione e gestione, per poi concentrarsi in specifico sull'analisi del Servizio Idrico Integrato in Emilia Romagna. Nell'ultimo capitolo è presentata un'analisi dettagliata dell'azienda Amps Parma, con un focus particolare sugli equilibri economici e finanziari alla luce del recente progetto di fusione con le municipalizzate Agac Reggio Emilia e Tesa Piacenza, e della costituzione di NewCo Emilia, ora Enìa, nuovo polo energetico dell'Emilia Est.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Chissà quante volte ci capita in una giornata di utilizzare il bene “acqua”, per cucinare, bere, fare una doccia, o semplicemente per lavarci le mani o annaffiare il giardino; le occasioni in cui veniamo a contatto con questo elemento sono innumerevoli, anche nel breve spazio di poche ore. Nella nostra società l’acqua non è considerata un bene prezioso: i suoi sprechi sono all’ordine del giorno e l’eventualità che possa venir meno non è nemmeno presa in considerazione. Solo di fronte ad eventi “straordinari”, come ad esempio le siccità delle scorse estati, il problema delle risorse idriche torna alla ribalta ed è almeno temporaneamente oggetto dell’attenzione generale. Nel mondo, nei vari dibattiti e forum sull’argomento, si tende a definire l’acqua come “oro blu” o “petrolio del nuovo millennio”, per sottolinearne contemporaneamente la preziosità e l’importanza, soprattutto nelle zone più povere dove la risorsa è realmente scarsa ed insufficiente per la vita della popolazione. La mancanza d’acqua nelle zone del terzo mondo ha portato a livello internazionale a definire questo bene un diritto universale dell’uomo, fondamentale per la sopravvivenza ed il benessere di ogni persona. Fortunatamente in Italia, specialmente nelle nostre zone, sono rari i casi di mancanza d’acqua, il cui utilizzo è garantito quotidianamente a pressoché tutti i cittadini. Non tutto però è così semplice e scontato. Quando apriamo il rubinetto, nessuno si chiede da dove viene l’acqua che consumiamo, quanto ci costa, chi ce la fornisce, o che organizzazione sta dietro alla distribuzione del servizio idrico nelle nostre case.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Vezzani Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1628 click dal 22/02/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.