Skip to content

Relazioni tra innovazione tecnologica e innovazione organizzativa nelle imprese

Informazioni tesi

  Autore: Domenico D'emilia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari
  Relatore: Roberto Cafferata
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 195

Il cambiamento è da sempre un tema centrale della riflessione organizzativa, esso racchiude le diverse strategie competitive adottate dalle organizzazioni al fine di porre in essere rilevanti miglioramenti nelle proprie prestazioni, anche alla luce delle continue innovazioni nell’ambito della tecnologia dell’informazione e della comunicazione. Tali strategie competitive includono, fra le altre, la reingegnerizzazione dei processi aziendali, lo sviluppo delle competenze organizzative, la ricerca di sistemi informativi sempre più innovativi, la conclusione di accordi e collaborazioni con altre imprese. Più in generale, per innovazione organizzativa si intende un cambiamento fondamentale nella logica organizzativa che risulta, o che genera, un cambiamento radicale nei comportamenti.
Ecco allora che il solo modo per accogliere positivamente le forze del cambiamento consiste nel creare e istituzionalizzare la capacità di cambiare. Nell’attuale scenario competitivo, il segreto del successo non si sostanzia nell’abilità di predire esattamente il futuro, ma nella capacità di costruire un’organizzazione in grado di assicurarsi sia la sopravvivenza sia la competitività in un futuro imprevedibile.
Dobbiamo avere il coraggio di abbandonare i vecchi stili autoritari eccessivamente basati sulla leadership e sul controllo, dobbiamo riesaminare le nostre convinzioni su cosa significa essere un leader ed un collaboratore. Dobbiamo imparare a vedere il mondo in modo nuovo. Come scriveva Einstein: «nessun problema può essere risolto dalla stessa conoscenza che lo ha creato».
Viviamo in un mondo ed in organizzazioni che si basano su di un modello Newtoniano caratterizzato dal materialismo e dal riduzionismo, focalizzato sui singoli elementi e non sulle relazioni. È un mondo dove l’interconnessione è il fattore determinante,nessun elemento ha senso di esistere se non in relazione con altri. Quando pensiamo alle imprese dobbiamo pensare a processi dinamici in continua evoluzione .
Negli ultimi anni si è assistito alla introduzione sempre più massiccia della tecnologia del computer nella gestione aziendale. Quella che in precedenza era ritenuta principalmente una attività di organizzazione del lavoro umano si è progressivamente trasformata in un problema di adeguamento della tecnologia alle necessità dell’azienda.
Inizialmente la tecnologia non presentava caratteristiche che la rendessero facilmente adattabile. Richiedeva infatti l’impegno di particolari specialisti che conoscessero estremamente bene il funzionamento del computer per poterlo programmare ad eseguire determinati compiti.
Col tempo la tecnologia ha compiuto grandi passi in avanti e il rapporto di dipendenza delle aziende da questo nuovo strumento di gestione è andato via via aumentando. L’imprenditore ha fatto sua la tecnologia del computer perché permetteva di automatizzare i compiti ripetitivi, con conseguente miglioramento della loro correttezza e velocità di esecuzione, e di diminuire il numero degli addetti. Per moto tempo l’imprenditore ha guardato all’automazione dei compiti come alla possibilità di avere più persone a minor costo.
Quasi subito però sono emersi, dall’entusiasmo iniziale, i problemi relativi alla realizzazione del software, attività quest’ultima che richiede un impegno intellettuale non banale perché non è tanto facile far funzionare la macchina nel modo desiderato.
Con il passare del tempo la tecnologia diviene sempre più sofisticata ed affidabile, e con essa cresce di conseguenza l’entusiasmo e con esso la volontà di applicarla ai più svariati settori aziendali.
Ma in tal modo l’attenzione tendeva a focalizzarsi più sul problema tecnologico di per sè, che su quello organizzativo e gestionale generale nel quale la tecnologia va inquadrata. In altre parole si è sempre più consapevoli che una tecnologia, per risultare vincente, deve convivere armonicamente con la struttura aziendale.
In tal contesto, il ruolo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione risulta essere piuttosto ambiguo: da un lato, tali tecnologie favoriscono l’innovazione organizzativa, dall’altro, generano nuova complessità ambientale e nuove sfide organizzative e strategiche .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
iv INTRODUZIONE Il cambiamento è da sempre un tema centrale della riflessione organizzativa, esso racchiude le diverse strategie competitive adottate dalle organizzazioni al fine di porre in essere rilevanti miglioramenti nelle proprie prestazioni, anche alla luce delle continue innovazioni nell’ambito della tecnologia dell’informazione e della comunicazione. Tali strategie competitive includono, fra le altre, la reingegnerizzazione dei processi aziendali, lo sviluppo delle competenze organizzative, la ricerca di sistemi informativi sempre più innovativi, la conclusione di accordi e collaborazioni con altre imprese. Più in generale, per innovazione organizzativa si intende un cambiamento fondamentale nella logica organizzativa che risulta, o che genera, un cambiamento radicale nei comportamenti. Ecco allora che il solo modo per accogliere positivamente le forze del cambiamento consiste nel creare e istituzionalizzare la capacità di cambiare. Nell’attuale scenario competitivo, il segreto del successo non si sostanzia nell’abilità di predire esattamente il futuro, ma nella capacità di costruire un’organizzazione in grado di assicurarsi sia la sopravvivenza sia la competitività in un futuro imprevedibile. Dobbiamo avere il coraggio di abbandonare i vecchi stili autoritari eccessivamente basati sulla leadership e sul controllo, dobbiamo riesaminare le nostre convinzioni su cosa significa essere un leader ed un collaboratore. Dobbiamo imparare a vedere il mondo in modo nuovo. Come scriveva Einstein: «nessun problema può essere risolto dalla stessa conoscenza che lo ha creato». Viviamo in un mondo ed in organizzazioni che si basano su di un modello Newtoniano caratterizzato dal materialismo e dal riduzionismo, focalizzato sui singoli elementi e non sulle relazioni. È un mondo dove l’interconnessione è il fattore determinante,nessun elemento ha senso di esistere se non in relazione con altri. Quando pensiamo alle imprese dobbiamo pensare a processi dinamici in continua evoluzione 1 . 1 Cfr. MASINO G., Nuove tecnologie e azione organizzativa: Riflessioni teoriche e casi aziendali, Isedi, Torino, 2000, p. 4-5.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi