Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’articolo 35, Legge 448/2001, Legge finanziaria 2002, in rapporto con la riforma del Titolo V della Costituzione e la normativa comunitaria

La legislazione in materia di servizi pubblici locali e la sua storia quasi centenaria.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA La legislazione in materia di servizi pubblici locali ha, ormai, una storia quasi centenaria, risalendo, il primo intervento legislativo, agli albori del secolo scorso, quando venne emanata la Legge “Giolitti”, n. 103 del 1903. Da allora all’ultimo decennio del 1900, si sono succedute lente ma significative evoluzioni normative, sfociate nella riforma avvenuta con la Legge 142 del 1990, che ha segnato la definitiva disarticolazione (sotto il profilo dell’autonomia funzionale e della soggettività giuridica) tra gli enti locali, (responsabili del governo dei servizi) e le loro imprese locali (nelle forme di aziende speciali, consorzi, società per azioni ed a responsabilità limitata) responsabili della gestione delle attività loro affidate e dei relativi risultati economici. Con la Legge 142/1990, si apre, dunque, un orizzonte nuovo, diverso e più vasto per la riorganizzazione dell’Ente locale e dei servizi pubblici dallo stesso svolti. Infatti, da quel momento in poi non pare difficile per l’organo politico far rientrare nella categoria di “servizio pubblico” quelle attività che non sono ricomprese nelle funzioni strettamente amministrative,

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valentina Piccinini Contatta »

Composta da 233 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4703 click dal 02/03/2006.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.