Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Six Feet Under - Everyday above ground is a good one -

Oltre a rappresentare un personale riscatto di Alan Ball, nonché l’esorcizzazione di una sua drammatica esperienza, Six Feet Under è l’evento catodico degli ultimi tre anni e ha sconvolto il pubblico per la sua scaltrezza, frantumando il tabù della morte e ogni atteggiamento scaramantico riservato alle imprese funebri. Questa insolita serie che sfida il pubblico per il suo tono macabro e beffardo, riesce a coinvolgere lo spettatore parlando con le parole della vita, che trionfa su tutto, grazie all’amore e alla bellezza nascosta dell’abitudine e dell’ovvietà.
Questo il significato del "look closer"(guarda da vicino) già sperimentato dall'autore di American Beauty e completamente mutuato dal film che gli è valso l'Oscar nel 1999.

Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione II La curiosità, l’atteggiamento morboso, l’ossessione, la paura ed il terrore sono tutte sensazioni che accompagnano da sempre l’uomo nel suo confronto con la morte. La mortalità ed il pensiero che siamo tutti “condannati a morte” in questa vita, hanno sempre suscitato delle questioni profonde cui filosofi, pensatori ed intellettuali di ogni epoca e corrente, hanno cercato di dare una spiegazione ed un significato. Per molti è un passaggio verso la vera vita, per altri è solamente la fine di tutto, oltre cui non rimane che il corpo destinato alla decomposizione. Qualunque sia la sua definizione, l’ “eterno riposo” è prima di tutto un fatto umano, una componente essenziale e inevitabile della nostra esistenza, anche se, ogni volta che ci si presenta indirettamente attraverso il decesso di un conoscente, ci lascia stupiti, alienati, straniati: la morte è la privazione dell’abitudine e la consapevolezza, tagliente e fredda, che il giorno dopo non rivedremo più la persona cara ormai defunta. Ogni volta che si ha l’esperienza indiretta del trapasso, emerge un rinnovato senso della vita e dell’apprezzamento delle persone che ci stanno accanto: si scatena biologicamente, anche se temporaneamente, un meccanismo affettivo di compensazione che conduce ad un atteggiamento più profondo nei confronti delle persone care che ci circondano quotidianamente e a cui siamo abituati.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Silvia Sclano Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 817 click dal 23/03/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.